venerdì 27 marzo - Marco Barone

Emergenza Coronavirus: Non siamo in guerra, salviamo la democrazia. Un manifesto a difesa della democrazia

Un manifesto che nasce nel contesto dell'emergenza del coronavirus, nella quale si sta registrando un grave sbilanciamento delle misure attuate a discapito della democrazia, delle libertà dei cittadini.

 Eccessi e misure azzardate, in un contesto che non ha precedenti, e che sta diventando il terreno perfetto per sperimentazioni sociali tanto inquietanti quanto, se si consolideranno, pericolose, per la sussistenza della nostra democrazia e delle libertà dei cittadini. Segue il testo del manifesto.

Non siamo in guerra, salviamo la democrazia

"Scriviamo questo manifesto in qualità di cittadine e cittadini, nella consapevolezza che l'Italia sta attraversando un momento difficile, probabilmente il più complesso, dalla fine della seconda guerra mondiale.

Questo Paese ha conosciuto barbarie da cui si è sempre riuscito a risollevare grazie allo spirito di solidarietà, di fratellanza, di uguaglianza,principi cardini nella nostra Carta Costituzionale, che non devono mai essere offuscati, neanche in tempi duri come quelli che tutte e tutti noi stiamo vivendo dal mese di febbraio.
Da quando il coronavirus ha iniziato ad infettare anche l'Italia è stato deciso che dobbiamo comportarci come se fossimo in guerra. Affermazione tanto grave quanto discutibile perché un conto è fare la guerra al virus, e questa la si fa con la ricerca scientifica e la metodologia sanitaria, un conto è far piombare una nazione intera in un clima tipico della guerra. Le conseguenze sono pessime per la democrazia che è letteralmente sotto attacco.
Si è verificata la concentrazione di straordinari poteri nelle mani di strumenti tecnici e governativi che hanno totalmente bypassato la democrazia parlamentare che è quella su cui si fonda la nostra Repubblica.

 

Si è determinato nel Paese uno spirito di delazione che non si conosceva dai tempi del fascismo.
Si sta registrando un controllo sociale, che passa dalle ronde, all'impiego dell'esercito, all'utilizzo di tecnologie,come droni, cellule telefoniche, per tracciare i movimenti delle persone.
Si stanno scaricando sui cittadini le responsabilità politiche di falle e cattive gestioni sanitarie, i diritti dei lavoratori sono passati totalmente in secondo piano, ampliando la platea dei lavori cosiddetti indispensabili e mettendo a rischio la salute di chi lavora.

Si sta verificando una concorrenza tra Stato e Regioni con provvedimenti contraddittori che generano confusione senza precedenti.
Non siamo una dittatura e vogliamo preservare la democrazia nel nostro paese.
L'articolo 2 della Costituzione afferma che “la Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale”.
Siamo tutti consapevoli dei nostri doveri di solidarietà sociale, così come siamo consapevoli che si sta realizzando uno sbilanciamento preoccupante di restrizioni di libertà e democrazia inaccettabili. Non siamo in guerra, ed è nostro dovere segnalare che la democrazia costituzionale in Italia sta correndo dei rischi che non possono essere giustificati dallo stato d'emergenza.
La democrazia deve rendere le scelte più condivise e dunque più efficaci per tutti".

(Per adesioni: salviamolademocrazia@yahoo.com)

 
 Prime firme 
 
Marco Barone, avvocato, blogger
Federica Bettari, customer care presso clinica privata
Luigi Bon,segreteria provinciale Gorizia del PRC/ Sinistra Europea
Luciano Capaldo, insegnante
Mattia Cardinali, Educatore professionale e musico terapeuta
Claudia Cernigoi, storica
Sasha Colautti Esecutivo Provinciale USB - Lavoro Privato Trieste
Michele Crudo, insegnante
Anna Di Gianantonio, ricercatrice storica
Maurizia Di Stefano, insegnante
Gabriele Donato, insegnante
Anna Fressola, ricercatrice
Luigi Filippini, impiegato di banca
Pier Paolo Filippini, restauratore ligneo e teatrante
Maurizio Guerri, docente e ricercatore
Martina Luciani, blogger
Marco Nicolai, avvocato
Maria Clara Pascolini, insegnante
Andrea Pegoretti, programmatore informatico
Stefania Russo, disoccupata
Greta Storni, insegnante
Carlo Tomei Coordinamento Provinciale USB lavoro privato Trieste
Iacopo Venier, giornalista
Davide Zotti, insegnante 


4 réactions


Lasciare un commento