giovedì 18 febbraio - Osservatorio Globalizzazione

Tra attentati e omicidi: il lato oscuro della guerra di Algeria

Durante la guerra d’Algeria (1954-1962), il governo francese ordinò operazioni clandestine per uccidere non solo combattenti algerini, ma anche europei coinvolti nel conflitto. Sotto il comando dell’allora presidente francese, il generale Charles de Gaulle, i servizi segreti francesi promossero piani per eliminare anche i cittadini francesi sospettati di simpatizzare con il Fronte di liberazione nazionale algerino (FLN).

di 

 

 Tra il 1956 e il 1962, il programma di controspionaggio francese ha progettato uccisioni mirate, bombardamenti e sabotaggi sia in Nord Africa che all’interno dello stesso continente europeo.

Denominate “operazioni Homo” – acronimo di “omicidio” – i dettagli di queste azioni segrete contro francesi e stranieri furono rivelati quasi 60 anni dopo l’indipendenza dell’Algeria, grazie alla pubblicazione del libro Les tueurs de la République (“Gli assassini della Repubblica”), del giornalista investigativo Vincent Nouzille. Il libro contiene documenti inediti provenienti dagli archivi personali del segretario generale del governo francese per gli affari africani e malgasci tra il 1958 e il 1974, Jacques Foccart. 

Soprannominato “Monsieur Afrique” e “l’Uomo delle ombre”, Foccart ha prestato servizio come consigliere del Palazzo dell’Eliseo negli anni ’50, ’60 e ’70 ed è stato il principale consigliere del generale de Gaulle per la politica neo-coloniale francese in Africa, diventando uno dei uomini più potenti della Quinta Repubblica francese.

La mano dei servizi negli omicidi politici

Le uccisioni selettive sono state eseguite dal Servizio di documentazione e controspionaggio stranieri (SDECE), un’agenzia di intelligence esterna con un ruolo centrale nel monitoraggio e nel controllo delle popolazioni colonizzate dalla Francia. Gli ordini hanno anche superato l’approvazione del capo di stato maggiore della difesa nazionale, ammiraglio Georges Cabanier, e sono stati inoltrati al direttore generale della SDECE, generale Paul Grossin. Pertanto, come ritiene Le Monde, la convalida finale è stata probabilmente fatta dallo stesso De Gaulle.

Durante i sette anni e mezzo della guerra algerina, circa 200 persone furono uccise dalle operazioni dell’Homo, anche se quel numero è difficile da verificare a causa del suo carattere altamente riservato. Secondo il consigliere del primo ministro incaricato degli affari di intelligence dal 1959 al 1962, Constantin Melnik, nel solo 1960 si sarebbero verificati 140 omicidi. Tutte queste azioni di flagrante violazione del diritto internazionale e di quello francese sono iniziate nel mezzo dell’instabilità politica in Francia, provocata dalla crisi del maggio 1958, dal tentato colpo di stato condotto ad Algeri da ufficiali dissidenti delle forze armate insoddisfatti della direzione della guerra. Fu proprio questa crisi politica che portò al ritorno al potere di De Gaulle e all’inizio della Quinta Repubblica.

Gli obiettivi da eliminare dalle operazioni clandestine della SDECE compaiono nei documenti dell’agosto 1958. Uno include un elenco di nove persone, suddivise in tre categorie: 1) “Francesi pro-FLN“, compreso il nome del giornalista di sinistra con sede a Algeri, Jacques Favrel; 2) “trafficanti”, e cioè venditori di armi per l’FLN e membri di reti di supporto per legionari disertori; 3) “politica”, con il nome di Armelle Crochemore (non identificato). In un altro documento portato alla luce nel libro di Nouzille, c’è una ricapitolazione dettagliata, sotto forma di tabella, di 38 operazioni effettuate “dal 1 gennaio 1956”, compresi gli omicidi, attacchi e sabotaggi. Di queste 38 operazioni, 17 sono state cancellate “per ordine superiore” o per “dubbia sicurezza”, ma il documento ne cita altre nove come “in preparazione”.

Il braccio armato dei servizi in Algeria

La pietra miliare iniziale delle operazioni Homo nel conflitto franco-algerino risale alla creazione dell’11° reggimento paracadutisti d’assalto, che fungeva da braccio armato dello SDECE in Algeria. Composto da paracadutisti d’élite che hanno partecipato a “guerre psicologiche” in Indocina, il reggimento è stato spostato in Nord Africa con la missione di eliminare militanti e sostenitori dell’FLN non solo in Algeria, ma anche in Marocco e Tunisia. Il colonnello Jacques Morlanne, che comandava lo SDECE all’inizio degli anni Cinquanta, giustificava il trasferimento di questo reggimento perché era convinto che “un’invasione sovietica dell’Algeria fosse imminente”.

Una delle prime missioni dell’undicesimo reggimento paracadutista d’assalto è stata quella di assassinare uno dei fondatori dell’FLN e leader dell’insurrezione algerina nella regione di Aurès, Mustafa Ben Boualaïd. Nella primavera del 1956, i paracadutisti lanciarono un dispositivo radio sulle montagne dell’Aurès. Dopo essere stato trovato dai ribelli, l’equipaggiamento è stato portato al quartier generale di Ben Boulaïd. Mentre cercava di farlo funzionare, la radio è esplosa e ha ucciso il leader ribelle e due dei suoi assistenti.

La distanza rispetto al teatro di guerra non ha impedito le azioni dello SDECE. I documenti di Foccart sottolineano che rinomati avvocati attivi in Francia in difesa della causa algerina sono stati presi di mira dai servizi segreti, come Jacques Vergès, Mourad Oussedik e Moktar Ould Aoudia. Questo elenco di avvocati da monitorare e uccidere è stato preparato dallo stesso Foccart. Di questi, Ould Aoudia non è sopravvissuto. Dopo una serie di lettere con minacce di morte contro di lui e dei suoi colleghi l’avvocato fu assassinato, il 21 maggio 1959, mentre lasciava il suo ufficio a Parigi.

Dietro l’esecuzione di Ould Aoudia c’era un gruppo armato segreto gestito dalla SDECE fuori dall’Algeria – La Main Rouge (“La mano rossa”). Con lo stesso nome di un’altra organizzazione terroristica fondata da coloni europei in Nord Africa, questa filiale dello SDECE è stata accusata di aver commesso attacchi contro i sostenitori dell’FLN in Europa. Secondo l’ex capitano francese Raymond Muelle, il ruolo di La Main Rouge era “quello di coprire operazioni vergognose all’estero”. Uno dei paesi in cui il gruppo armato ha effettuato i suoi attacchi è stato la Repubblica Federale di Germania, ex Germania Ovest .Infatti delle dieci azioni terroristiche compiute nel continente europeo dal 1956, sei erano in territorio tedesco. Tra questi c’è la morte della giovane avvocata algerina Ameziane Aït Ahcène, leader di una missione di supporto FLN tedesca non ufficiale. Il 5 novembre 1958, la sua macchina fu mitragliata davanti all’ambasciata tunisina a Bonn e morì pochi mesi dopo.

Ben Bella e Nasser: gli obiettivi più rischiosi

Tuttavia, il rischio di conseguenze politiche imprevedibili ha impedito alcune operazioni più delicate. È il caso di una missione per assassinare al Cairo, nel luglio del 1956, la dirigenza principale dell’FLN e primo presidente dell’Algeria, Ahmed Ben Bella. I piani per l’esecuzione di Ben Bella sono stati interrotti all’ultimo momento da un “ordine del governo“. Tuttavia, nell’ottobre dello stesso anno, i servizi segreti francesi hanno persino dirottato l’aereo che trasportava il futuro presidente algerino e altri leader rivoluzionari dell’FLN, costringendo l’aereo ad atterrare ad Algeri. Ben Bella fu arrestato dalle autorità militari francesi e rilasciato solo nel 1962, dopo la firma degli accordi di Evian, che decretarono un cessate il fuoco nel conflitto franco-algerino e spianarono la strada all’indipendenza del paese.

Un’altra operazione a rischio annullata fu il tentativo di uccidere il presidente egiziano Gamal Abdel Nasser nel dicembre 1956. Secondo i piani dello SDECE, Nasser sarebbe stato il bersaglio di “un’esplosione controllata a distanza”. Con l’aiuto degli agenti israeliani del Mossad, un comando dei servizi segreti francesi collocò 300 chilogrammi di esplosivo TNT sotto la piazza principale di Port Said, all’ingresso del Canale di Suez. Oltre al sostegno di Nasser all’FLN, il leader egiziano era appena entrato in uno scontro militare diretto con la Francia durante la crisi di Suez. Ancora una volta, l’operazione fu sospesa sulla base di “ordini superiori”.

La guerra ai trafficanti di armi pro-Algeria

Tra gli obiettivi primari delle operazioni Homo c’era quello di neutralizzare i trafficanti che fornivano armi e munizioni alla resistenza algerina. In un caso emblematico, i servizi segreti francesi andarono dietro al tedesco Wilhelm Beisner, ex membro della Gestapo durante l’occupazione nazista della Jugoslavia, che, dopo la seconda guerra mondiale, divenne un fornitore di armi dell’FLN. Beisner ha diviso le sue attività tra Il Cairo, Damasco e Monaco e ha anche partecipato alla formazione di reclute algerine in Egitto. Nel 1957, Beisner fu reclutato dal Federal Intelligence Service (BND) della Germania occidentale fino a quando il trafficante d’armi fu avvertito dallo SDECE di interrompere le sue vendite alla guerriglia algerina. Nell’ottobre 1960, una bomba a granate esplose nella sua auto a Monaco, lasciandolo gravemente ferito. Il sospetto è che l’attacco sia stato effettuato da La Main Rouge, con probabile appoggio del Mossad.

Un’altra vittima di un attacco simile da parte dello SDECE fu Otto Schlüter, un armaiolo ad Amburgo e un fornitore dell’FLN. Schlüter è stato anche coinvolto nella spedizione di fucili e munizioni Mauser, ottenuti dai depositi della seconda guerra mondiale, in Libia, Iraq, Kuwait, Yemen e Gibuti. Nel settembre 1956, il suo ufficio fu bombardato e uno dei suoi dipendenti rimase ucciso. Da allora il trafficante di armi ha ricevuto avvertimenti e minacce fino a quando, nel giugno 1957, la sua Mercedes esplose uccidendo all’istante la madre, mentre lui stesso lasciava il veicolo con lievi ferite. Dopo questo attacco, Schlüter ha abbandonato la sua attività con l’FLN.

Meno fortunato è stato il lettone di origine tedesca Georg Puchert. Soprannominato “Capitano Philip Morris”, Puchert si arricchì vendendo sigarette, che trasportava con la sua flotta di barche “da pesca”. Pochi anni dopo, entrò nel moderno commercio di armi, stabilendo come sua base la città portuale di Tangeri, in Marocco,che era il quartier generale dell’Esercito di liberazione nazionale algerino (ALN). Da Tangeri, il commerciante vendeva cannoni antiaerei, bazooka, mortai e cannoni ai rivoluzionari.

Personaggio con influenza politica nella resistenza algerina, Puchert ha partecipato alle discussioni degli accordi di Évian e nel marzo 1959, Puchert fu ucciso in un attacco che fece saltare in aria la sua Mercedes 190 a Francoforte. Nel 2006, dopo 44 anni di indipendenza algerina, i suoi resti sono stati rimpatriati in Algeria, dove è stato sepolto come martire.

Tra i tentativi di omicidio e gli attacchi presenti nei fascicoli Foccart pubblicati da Le Monde, uno di questi era già noto – Wilhelm Schulz-Lesum, “un suddito tedesco la cui azione è molto dannosa per gli interessi francesi in Algeria”, come afferma il documento di 1 agosto 1958. Schulz-Lesum – che in realtà era austriaco, non tedesco – era un ingegnere qualificato e ufficialmente responsabile di una società di importazione ed esportazione. Residente a Tetouan, in Marocco, ha avuto frequenti contatti con diplomatici delle ambasciate della Germania Ovest a Rabat e Madrid. Dal governo di Bonn, ha ricevuto le decorazioni onorarie, ricevendo, nel 1957, la Croce al merito federale dal presidente tedesco Theodor Heuss.

Dietro i suoi stretti legami con la diplomazia della Germania occidentale, c’era l’azione di una rete di supporto per l’FLN, che organizzò la defezione di oltre quattromila legionari durante la guerra d’Algeria. Schulz-Lesum stava inviando soldati disertori a Madrid via Ceuta e Algeciras, nel sud della Spagna, facendo da ponte tra i legionari e gli emissari dell’FLN nella città algerina di Saïda.

La missione di Schulz-Lesum era in linea con gli obiettivi politici dell’FLN di incoraggiare i soldati francesi a disertare il più possibile. A tal fine, nell’ottobre 1956, il Consiglio Nazionale della Rivoluzione Algerina (CNRA) istituì il servizio per il rimpatrio dei disertori. Un anno prima, il comandante della 10a Regione militare, il generale Henri Lorillot, aveva comunicato al ministro della Difesa del “significativo aumento delle defezioni nelle unità della Legione Straniera”. Secondo lui, tra le ragioni di questa fuga c’erano “la fine delle operazioni attive in Indocina” e “la scarsità dei salari in Nord Africa rispetto ai salari in Estremo Oriente”.

Tetouan faceva parte di una delle principali rotte utilizzate per l’esfiltrazione dei legionari. I disertori hanno lasciato El Aricha (nord-ovest dell’Algeria), sono andati a piedi a Nador (nord-est del Marocco) e hanno preso un taxi fino a Tetouan, dove Schulz-Lesum li ha inviati in Germania. A quasi 100 chilometri dal confine algerino-marocchino, Nador era il quartier generale ribelle del Comitato di liberazione del Maghreb arabo e un centro del commercio di armi per i combattenti algerini e marocchini nella guerra algerina. Fu su questa traversata che il legionario tedesco Manfried Kober, della 5a compagnia del 1° reggimento di fanteria straniera, si unì al FLN con altri 20 compagni, armi ed equipaggiamento nel dicembre 1956. Schulz-Lesum lo portò in aereo a Madrid e poi Berlino, città ospitante di una serie di reti di solidarietà con l’Algeria, organizzate da circoli studenteschi, sindacali, cattolici, protestanti e comunisti.

Le lezioni geopolitiche ed etiche dell’Algeria

Il sostegno della Germania occidentale alla resistenza algerina rivela il ruolo del paese nel contesto del processo di decolonizzazione dell’Africa francese. Mentre le due potenze lavoravano pubblicamente per costruire una pacifica comunità europea gli agenti del BND furono inviati per addestrare i servizi di sicurezza in Siria, Sudan ed Egitto, paesi in cui i servizi segreti tedeschi ebbero strettissimi rapporti con l’FLN e il suo governo ad interim.

Così, il BND mantenne i contatti con Schulz-Lesum e lo avvertì delle minacce dei servizi segreti francesi contro di lui. Il servizio di azione SDECE tentò di attuare l’ordine di eliminazione utilizzando La Main Rouge per mascherare l’operazione e per assassinarlo sul suolo tedesco. Tuttavia, secondo Le Monde, quando, il 4 agosto 1958, l’ufficio di Foccart decise la condanna a morte contro Schulz-Lesum, questi era già fuggito a Madrid. Due mesi prima, lo SDECE aveva già notato che i disertori venivano ricevuti a Tetouan presso un ufficiale consolare della Germania occidentale. Da allora, secondo Le Monde, Schulz-Lesum abbandonò la missione di esfiltrazione dei legionari disertori riprendendo la professione di ingegnere.

Alla luce di questo breve resoconto quali conclusioni possiamo trarre?

In primo luogo, la democrazia francese di natura presidenzialistica non ebbe alcuna esitazione a violare sia il diritto internazionale sia qualsiasi regola di natura morale nell’opporsi all’FLN. Sia sufficiente menzionare a tale proposito sia l’uso della tortura sia l’uso di omicidi mirati in Africa e in Europa.

In secondo luogo, la Germania occidentale – nazione anch’essa di natura democratica -non ebbe alcun problema a sostenere l’FLN in funzione antifrancese tanto quanto Mattei che da imprenditore -e non da uomo dei servizi di sicurezza italiani -lo sostenne sia per ragioni legate al petrolio che per motivazioni ideologiche. In terzo luogo nel contesto della guerra fredda -e nello specifico nel contesto del processo di decolonizzazione –i paesi cosiddetti democratici non ebbero alcun esito a servirsi di strumenti che con i sacri valori della democrazia e della Dichiarazione universale dei diritti umani (la Francia vi aderì nel 1945,l’Italia nel 1955 e Israele nel 1949) non hanno nulla a che vedere . Quando infatti sono a rischio gli interessi della sicurezza nazionale le nazioni democratiche non hanno avuto alcuna esitazione a porre in essere logiche di potere lontanissime da valori proclamati.

In quarto luogo tutto ciò dovrebbero indurre filosofi del diritto ,sociologi e filosofi della politica a riflettere non solo sul fatto che i confini giuridici e morali tra le democrazie e i sistemi autoritari in determinati contesti storici sono o molto flebili o addirittura inesistenti ma anche sulla sostanziale ipocrisia che caratterizza i proclami delle democrazie occidentali che seguono in buona sostanza una doppia morale come d’altronde fece la Chiesa durante tutta la sua secolare storia. Le speculazioni filosofiche e giuridiche sia di Bobbio, di Habermas, di Rawls ma anche quelle di Popper sulla società aperta sono infatti lontanissime dalla realtà effettuale e ricordano fin troppo le speculazioni filosofiche che furono oggetto di caustiche critiche da parte di Francis Bacon e di Nicolò Machiavelli.

Foto di Jori Samonen da Pixabay 




Lasciare un commento