mercoledì 23 novembre - Riccardo Noury - Amnesty International

Torna la pena di morte in Kuwait: sette esecuzioni in un solo giorno

Gli appelli dell’ultimo minuto di Amnesty International, e dell’Unione europea di altre organizzazioni per i diritti umani non hanno avuto successo. Per la prima volta dopo una pausa di cinque anni, le autorità del Kuwait sono tornate a eseguire condanne a morte.

Quattro kuwaitiani, un siriano, un pachistano e una donna etiope sono stati impiccati all’alba del 16 novembre, colpevoli di omicidio premeditato.

Due giorni prima un portavoce della procura nazionale dello sceiccato aveva dichiarato che le sette esecuzioni sarebbero servite da deterrente e avrebbero costituito “una legittima forma di retribuzione”, secondo l’istituto giuridico islamico del “qisas”.

Le ultime esecuzioni, anche in quel caso di sette persone tra le quali un membro della famiglia reale, avevano avuto luogo il 25 gennaio 2017.

 




Lasciare un commento