giovedì 20 agosto - Enrico Campofreda

Sentenza Hariri, i lampanti misteri d’un Paese sospeso

Quindici anni, un colpevole, neppure così certo. E non perché all’epoca fosse appena maggiorenne, ma perché Salim Jamil Ayyash membro di Hezbollah, non può aver compiuto da solo l’attentato di San Valentino che fece saltare in aria sulle Corniche beirutine il premier Rafiq Hariri, l’ex ministro Fleihan, gli uomini della scorta e chi, per sua sfortuna, transitava nei pressi dell’hotel St. George.

 Eppure il Tribunale Internazionale dell’Aja decide che Ayyash è l’unico colpevole, gli altri indiziati (Hassan Mehri, Hussein Oneissi, Assad Sabra, come lui membri del Partito di Dio) non possono essere condannati, nonostante gli indizi lasciati dai loro telefoni cellulari che segnalavano una morbosa attenzione sugli spostamenti del primo ministro. E’ vero che quel Tribunale può giudicare le persone non i complotti politici e le trame internazionali, ma la condanna d’un singolo posto come capro espiatorio in un attentato eclatante, che a detta di tutti i politologi è un intrigo a più mani, risulta quantomeno limitante. Così tutto resta in sospeso nel Paese che da tempo si riserva una realtà solo parzialmente ammantata di misteri, poiché quel che accade nella sua vita sociale, finanziaria, politica, istituzionale, militare e paramilitare è assolutamente palese, ma volutamente è letto come indefinito o indefinibile.

Questo perché il domani può diventare peggiore del presente e gli stessi richiami che si danno i partiti sul futuro, messo nelle loro sigle, è una maschera a una realtà che un simile approdo può solo sognarlo. Così se il terribile attentato ad Hariri padre ha comunque definito un passaggio del Libano che viveva ancora nel 2005 lo spettro dell’occupazione straniera (in quel caso delle truppe di Asad ritiratesi ai primi di marzo dalla valle della Beqaa), i famelici fantasmi dei potenti vicini si ripresentarono sedici mesi dopo, coi bombardamenti dell’aviazione israeliana e gli scarponi di Tsahal nuovamente sul suolo patrio. E’ la contraddizione che vive il piccolo paese levantino, schiacciato da ingerenze straniere, sia quelle indesiderate, sia quelle ricercate sotto forma di aiuti. E la rinascita della nazione intrapresa dalla politica liberista di Rafiq Hariri a suon di petrodollari sauditi - fronte sunnita di un’emancipazione senza sviluppo, cui sorrideva anche un pezzo della comunità maronita (la più conservatrice continua a farsi carezzare dal colonialismo di ritorno francese) e gli ondivaghi drusi - non è riuscita a risollevare le sorti della gente. I prosecutori del progetto di Hariri, si sono persi per via per incapacità, subordinazione, vizi e beghe personali e di clan, mostrando tutti i limiti di un’economia improduttiva, basata su servizi, bolle edilizie e balle di benessere vendute a risparmiatori poi rapinati dalle banche dove passano diversi affari delle petromonarchie.

L’altro Libano, quello controllato dalla lunga mano iraniana attraverso il discusso Partito di Dio, dopo aver conseguito successi militari contro l’invasione israeliana del 2006 e aver venduto il ruolo patriottico della propria militanza, è stato gradualmente risucchiato dalla sudditanza alle strategie geopolitiche di Teheran, a sua volta rese difficili dall’aria in Medio Oriente, dai soffocamenti dell’embargo statunitense, dalle “primavere” trasformatesi in “inverni” per le necessità di popolazioni locali che hanno ripreso a soffrire, per le guerre civili e jihadiste, come in Siria, per le repressioni come in Egitto e Turchia. Il piccolo Libano, oppresso dalle abiezioni d’una classe dirigente autoreferenziale e mafiosa, un po’ su tutti i fronti confessionali, colpe mostrate come l’unica via per rendere possibile una stentata sopravvivenza, si ritrova a portare in groppa quel che altri decidono debba accadere in quella terra. Si tratti di milioni di persone lì destinate non solo per questioni di confine, o d’inette gestioni di spazi destinati a stipare problemi, denaro (che la gente non vede), nitrato di ammonio la cui presenza ha deflagrato sulle carni di uomini e donne che, quando sopravvivono, possono solo apprendere ciò che gli è accaduto attorno. Deflgrazione dopo deflagrazione, pirica, finanziaria, giudiziaria. Senza poter decide nulla. Il Paese sospeso continua a essere appeso a un filo, quello del solito denaro estero. 

Enrico Campofreda

 

 

 

 

 




Lasciare un commento