sabato 17 giugno - quartopensiero

Renzi e lo sciopero trasporti | Un tweet di sinistra

"E' venerdì, vai con lo #sciopero..."

A scrivere questo tweet, che potrebbe essere portato a esempio di normale qualunquismo da social network (facendo leva sul luogo comune dello sciopero di venerdì, come se di venerdì il lavoratore non rinunciasse alla retribuzione della giornata di lavoro), non è quell'italiano incapace di fare due più due, e quindi di comprendere che difendendo i diritti degli altri difende anche i propri. 

Non è nemmeno un esponente di Confindustria o un nostalgico dei treni di quando c'era Lui. No, a scrivere questo tweet è il capo del partito che presume di rappresentare la sinistra e i lavoratori.

Eppure si è trattato di uno sciopero annunciato in anticipo ed esercitato nel rispetto delle regole. Se poi ha creato disagio a chi doveva recarsi al lavoro, lo ha creato perché il disagio è conseguenza di ogni sciopero. Ma l'autore del tweet punta proprio ad alimentare la guerra tra i poveri per raccogliere il consenso di quell'italiano incapace di fare due più due, che solo può pensare di evitare i disagi combattendo i diritti, non rendendosi conto che un diritto tolto agli altri oggi è un diritto in meno di cui egli stesso potrà beneficiare domani.

 

Link correlati:

 

Un silenzio eloquente

 

Abbiamo sbagliato a ridere di Berlusconi



1 réactions


  • Spago (---.---.---.189) 18 giugno 07:44

    Veramente dice una cosa che sanno tutti e in primis tutti i lavoratori. E veramente per chi avesse un etica del lavoro decente lo sciopero dovrebbe essere una extrema ratio non qualcosa che puntualmente arriva più volte l’anno. Ma in verità molti comportamenti dei dipendenti pubblici sono eticamente discutibili per usare un eufemismo. Inammissibili giustamente nelle aziende private, difesi da sindacati vergognosi nel pubblico. 


Lasciare un commento