giovedì 16 settembre - Laura Tussi

Renato Accorinti per Bimbisvegli

Messaggio di Renato Accorinti, insegnante, già Sindaco di Messina in solidarietà con il metodo pedagogico Bimbisvegli del maestro Giampiero Monaca

di Laura Tussi

Renato Accorinti sostiene Giampiero Monaca

Renato Accorinti per Bimbisvegli

A cura di Laura Tussi e Fabrizio Cracolici

Vorrei dare un mio contributo a una problematica che è molto delicata. Qualcosa che è successo a Serravalle d'Asti in Piemonte tra un insegnante di scuola primaria Giampiero Monaca e la propria dirigente scolastica.

Dico subito che non è questione di mettermi dalla parte di uno contro l'altro, tra buoni e cattivi. Non è questo quello che voglio fare.

E' un contributo di riflessione: solo questo.

Per 40 anni ho fatto l'insegnante. Ritengo come tanti ormai che la scuola è il luogo più importante di qualunque società perché è il luogo dove lo Stato interviene attraverso i propri insegnanti per cercare di non impartire il pensiero unico, ma, al contrario, di trasmettere il pensiero critico e cioè formare le donne e gli uomini del futuro.

Formare l'uomo e il cittadino. L'essere umano e il cittadino. E perciò a volte questo confine può essere capito male da una parte e dall'altra. Ho fatto anche il sindaco di Messina dal 2013 al 2018. Alcuni miei gesti sono stati anche interpretati in un modo o nell'altro. Qualcuno ha capito qualche gesto pensando in positivo; qualcuno ha visto anche in negativo lo stesso gesto.

Ho esposto la bandiera della pace il 4 novembre, riferendomi alle parole di Pertini "svuotare gli arsenali, riempire i granai" e all'articolo 11 della Costituzione, non certo da sovversivo. Perciò in linea con quelle che sono proprio le regole e le leggi, tra l'altro.

Però quando fai qualcosa che è un po', tra virgolette, strana sembra di essere non so che cosa... ma quello che mi sta a cuore è dare contributi per migliorare questa nostra società. Ecco, la cosa più importante che ho fatto non è il sindaco, ma sono i 40 anni di insegnamento, perché mi sono proprio arricchito come una spugna. Ho appreso la serenità e la bellezza dei bambini e ho cercato di dare quello che era possibile da parte mia.

Alla marcia Perugia-Assisi ci siamo incontrati con Giampiero, casualmente, e lui aveva già parlato di me nella scuola, dove ho fatto anche un intervento telefonico.

Poi sono andato a trovare questi bambini e è stata una giornata bellissima e ho parlato anche con il prefetto, con il sindaco e con degli assessori, perciò con le istituzioni e poi ho parlato ancora con i bambini.

E' stato un momento straordinario.

Il metodo di Giampiero, questo metodo chiamato Bimbisvegli, è volto a cercare di fare uscire il meglio da questi bambini per essere persone attive nella società.

E' quello che si deve fare nella scuola, non è un cercare di inserire nel cervello solo dati e basta.

I bimbi non sono dei computer, sono esseri umani e perciò bisogna sviluppare la amorevolezza, la compassione, il senso civico il capire che siamo in uno stato di diritto: la Costituzione. Questo è il contrasto che vi è fra la dirigente scolastica e il maestro Giampiero Monaca. Chiaramente si è creata una frattura, e questo non è buono per la scuola in generale, perché quello che succede in quel paesino piccolo del Piemonte vale per tutto il mondo e allora non è voler cercare di mettere la buona parola, ma questa è la mia riflessione nei confronti della scuola, e credo che un metodo di scuola all'aperto come fa Giampiero Monaca non è da criminalizzare.

Un metodo dove i genitori, che sono la cartina di tornasole, dicono sia un bene che i loro bimbi tornano a casa felici e che il metodo creato da Giampiero appunto trova tutta la solidarietà dei genitori.

Questa è molto importante. Poi cara dirigente non sono qua ad additare lei, non la conosco e ho un rispetto sacro per le istituzioni e per lei, e mi piacerebbe incontrarla cercare di dialogare perché questo è addirittura il primo compito. Bisogna trovare maestri che hanno entusiasmo per il proprio lavoro e amore per il proprio lavoro. Non vi è mai l'esatto accordo, questo vale per qualunque persona con il proprio fratello, sorella o marito e moglie.

Certo. Nessun insegnante, maestro, professore universitario può fare quello che vuole contro la Costituzione. Lì è chiaro: si ferma. Ma irrigidirsi per cose per cui invece vale la pena dialogare e discutere e andare oltre, fare delle discussioni con i bimbi, delle discussioni con i genitori, oltre che con il maestro Monaca può portare a dialogare, a trovare la giusta misura per cercare di organizzare delle iniziative importanti.

Giampiero, stando con i ragazzi all'aperto, cerca di stimolare il pensiero critico e non di imporre il pensiero unico. Stimolare i ragazzi a diventare persone attive nella società per non stare con la testa sotto la sabbia, per stare dalla parte di chi chiaramente viene ricattato, di chi subisce ingiustizie. Questo è fondamentale, è anzi compito della scuola e non si va fuori programma. Questo è il programma. E' il programma.

E allora non si deve vedere che ci sono sovversivi sempre con il sospetto. Il dialogo è la cosa poi più importante tra gli esseri umani e la scuola, ancora di più, ha bisogno di questo metodo di dialogo.

Io credo che questo modo di cercare di interpretare la scuola è un modo umano e chiaramente in questo sono d'accordo con quello che fa Giampiero. A lei dirigente chiedo di riallacciare una discussione con i bambini, con i genitori e con gli insegnanti tutti, compreso Giampiero e capire se proprio c'è qualcosa che non va, che va contro l'umanità, contro i diritti dei bambini. Se è così, fermiamo tutto: scendiamo da questa macchina.

Se, al contrario, proprio non siamo perfettamente in linea, se si vorrebbe fare qualcosa di diverso come anche nella libertà di insegnamento: questo è fondamentale che possa continuare ad esistere.

Perciò chiedo di riallacciare questo dialogo con tutti questi soggetti perché dentro quel paese, quel piccolo paese del Piemonte c'è la scuola intera !!! Non è un fatto che riguarda solo voi. Auguro veramente che tutto si possa riprendere perché l'entusiasmo di Giampiero, con i propri bimbi e quei genitori con molto entusiasmo in questo cammino, possa continuare. Trovate questo incontro, perché mettersi così muro contro muro non è da chi è operatore che lavora nel campo educativo.

Il mondo cambia proprio da questi passaggi. Poi il campo educativo, quello affettivo e culturale fanno cambiare qualunque essere umano.

Era solo questo che vi volevo dire.

Spero proprio in bene e aspetto buone notizie dal vostro meraviglioso Piemonte.

Ciao

Renato Accorinti




Lasciare un commento