mercoledì 6 settembre - Antonella Policastrese

Punta Scifo: Margherita Corrado, l’archeologa che ha denunciato gli abusi edilizi, finisce sotto processo

Era l’anno 2006, quando i fratelli Scalise, imprenditori di una catena di articoli sportivi, decidono di puntare sul Turismo, costruendo un agriturismo su un terreno agricolo che nel piano regolatore, prevedeva simili attività. Si sarebbe trattato di tirare su strutture amovibili dopo aver avviato procedura di acquisto, per un terreno, da un proprietario che fa prima a morire che firmare l’atto di vendita.

Pur tuttavia il sacco di Punta Scifo ha continuato il suo iter con autorizzazioni concesse e documenti prodotti in meno di 24h, per un progetto che non prevedeva certo 79 bungalow in legno, ma un mega villaggio che avrebbe dovuto accogliere all’incirca 500 ospiti con la fruizione di una piscina di quattro metri e mezzo di profondità sul terreno demaniale e che tutt’oggi è ancora lì in prossimità della spiaggia. Premesso che Punta Scifo ricade nel Parco archeologico di Capocolonna, a vigilare sulla megastruttura doveva essere la soprintendenza che a quanto pare in questa triste vicenda ha chiuso tutti e due gli occhi, permettendo un simile scempio e abuso del luogo. E così gli sbancamenti dell’area iniziarono nel 2013, mentre nel 2015 la Regione concedeva una sanatoria per un tratto di costa simile per bellezza e importanza alla Valle dei Templi di Agrigento.

In pratica è come se all’interno dell’area archeologica agrigentina, fossero stati concessi permessi per edificare strutture d’accoglienza per i turisti. Per essere ancora più precisi, l’autorizzazione del mega villaggio fu concesa anche dalla dirigente all’urbanistica nel 2011, pur non essendo gli Scalise imprenditori agricoli di professione, requisito essenziale per la realizzazione di un campeggio in un’area che prevedeva null’altro che tale tipologia d’intervento edificatorio. E a questo punto grazie all’archeologa Margherita Corrado ed associazioni ambientaliste che scatta il provvedimento di sequestro preventivo del Marine Park Village, dopo che la professionista aveva stilato un dossier di propria mano, con atti, firme e concessioni opache, finito direttamente sul tavolo del Ministero ai Beni Culturali.

E’ chiaro che se nel 2009 la Soprintendenza dei Beni Archeologici e Culturali di Cosenza non avesse dato parere favorevole, anche perché mancava il nullaosta paesaggistico, le cose sarebbero andate diversamente e l’edificazione della struttura turistico alberghiera abusiva, non avrebbe mai visto la luce.

Invece è toccato ai magistrati mettere la parola fine alla devastazione edilizia di Puta Scifo, tant’è che il PM Gaetano Bono ha rinviato a giudizio, insieme ai fratelli Scalise, anche il soprintendente di Cosenza Mario Pagano insieme alla dirigente dell’urbanistica Elisabetta Dominjanni e il funzionario Gaetano Stabile del Comune di Crotone. Buon senso vorrebbe che se un sovrintendente è in attesa del processo debba essere quantomeno sospeso dal proprio incarico. Ma la Calabria è la terra della magia e non solo Pagano è rimasto al suo posto, ma ha querelato l’archeologa Margherita Corrado, diffidandola dal lavorare. In pratica colei che ha avuto la costanza di denunciare lo scempio di Punta Scifo, salvandola dalle mani di palazzinari senza scrupoli, oggi si ritrova sul banco degli imputati, per non essere rimasta in silenzio e avallato l’opera edificatoria di persone, che badano solo ai propri interessi, non certo a quello di luoghi sacri da tutelare.

Il procedimento penale per diffamazione contro Margherita Corrado è stato aperto dalla procura di Torre Annunziata per screditare la professionalità di un’archeologa, a cui sta a cuore il proprio territorio. Per contro, solo a un cieco vero, purtroppo per lui, è precluso guardare quanto sia bello il Paradiso; ovviamente prima che dei presunti imprenditori turistici lo trasformassero in uno scifo; ricordando a tutti coloro che non lo sapessero che con la parola “scifo” si intende il trogolo dove mangiano i porci. Margherita Corrado rappresenta i crotonesi che quei luoghi li hanno amati e continueranno ad amarli per sempre. Forse è giunto il momento di abbattere quello scheletro di piscina, che impunemente tocca la spiaggia ed è un pugno nello stomaco oltre ad offendere gli occhi di coloro, che continuano ad ascoltare nel silenzio del posto la voce degli dei che aleggia sul mare.

(Foto: il Crotonese)



2 réactions


  • Fabio T. (---.---.---.140) 6 settembre 18:28

    Ciao, abito in veneto e amo la Calabria che è una bellissima terra , le persone sono amichevoli ed ospitali, il mare stupendo. Ho profonda stima per chiunque difenda questo nostro patrimonio , quindi brava e grazie. Ciao, Fabio.


    • Antonella Policastrese Antonella Policastrese (---.---.---.114) 6 settembre 20:12

      @Fabio T.

      Grazie per l’amore che hai per la mia terra aspra e selvaggia. La Calabria é una terra d’amare. Il mostro riscatto parte dal difenderla dagli scempi edilizi e scelte scriteriate. Noi, gli onesti,ci proviamo.


Lasciare un commento