mercoledì 21 ottobre - Enrico Campofreda

Nagorno Karabakh, l’indesiderata guerra per procura

Le granate d’artiglieria pesante riprese a cadere copiose sulle abitazioni, a Stepanakert come a Ganja, che portano i vertici militari di Armenia e Azerbaijan a giustificare i morti civili – trecento, cinquecento? – come “danni collaterali”, neanche fossero le potenze padrine delle due comunità tornate a disputarsi il Nagorno Karabakh, hanno un comune fornitore: la Russia putiniana. 

Che ha fatto dire al ministro Lavrov: questa guerra non s’ha da fare, sebbene le tregue avviate il 10 e il 18 ottobre siano durate qualche giorno e poi poche ore. Baku ed Everan smaniano per azzuffarsi spargendo più sangue civile che militare. E la Russia pro armena (esiste un trattato di difesa militare che lega l’Armenia e altre nazioni caucasiche all’ex Urss, l’Azerbaijan non è fra queste), non ha usato nessun soldato in funzione del medesimo accordo. Perché pensa - e lo fa dire a Lavrov - che la diatriba si risolve sui tavoli di pace, non sui campi di battaglia. Invece gli armeni sostengono che Ankara, come già fece in Siria, stia infiltrando o favorendo l’accorrere di mercenari filo-azeri, filo-turchi e jihadisti. Le prove sono finora scarse. L’ipotesi plausibile, visto che dopo il confronto muscolare in Siria Erdoğan e Putin, avversari diventati amici, si sono misurati nel deserto libico, pur indirettamente a suon di mercenari (in questo caso russi) e tecnologia aerea (i droni da combattimento TB2 Bayraktar che hanno avuto la meglio). Ma l’eventuale scontro per procura, i due uomini forti sembra non vogliano realizzarlo, Mosca ancor più di Ankara. S’incrinerebbe un intreccio affaristico fra due Paesi e due autocrati che nell’ultimo triennio hanno gestito favorevolmente ed entrambi guadagnato dai musi duri e dalle strette di mano.

Come detto l’Azerbaijan non è legato da patti militari con Mosca ma è guidato da un ex militare, Ilham Alyev, succeduto a suo padre, un politico formatosi nel Kgb sovietico. Proprio come Putin. Nell’ultimo decennio il Paese ha ricevuto dalla Russia, comprandole, una gran quantità di forniture belliche, e speso addirittura 24 miliardi di dollari. Sarebbe più corretto dire petrodollari, poiché le molte ricchezze azere provengono dalle sue riserve energetiche. Comunque Baku acquista armi da vari soggetti, dopo la Russia ci sono Turchia e Israele. Simili forniture irritano il governo Pashinyan che investe molto meno in materiale bellico (4 miliardi di dollari nello stesso periodo, secondo dati forniti dall’Istituto di pace di Stoccolma). Il Cremlino non si preoccupa degli altrui umori specie di quelli poco inclini ad accettare ‘suggerimenti’, come fa l’attuale premier armeno ben disposto verso il liberismo occidentale e critico al sostegno moscovita alle tendenze separatiste di taluni territori (Donbass, Abkhazia, ecc). Certo nella controversia, Putin (ed Erdoğan) si mostrano reciproci protettori delle confessioni armena e islamica, ma pare più una posizione imposta dal ruolo pubblico che l’uno e l’altro vestono in casa propria e sulla scena mondiale. Però talune conflittualità irrisolte possono creare strascichi proprio ai gestori dei grandi giochi internazionali; per questo il realistico Lavrov punta a spegnere la brace caucasica.

Enrico Campofreda 

 




Lasciare un commento