giovedì 13 gennaio - Laura Tussi

Mimmo Lucano incubo numero 2

Contro la demonizzazione di un uomo giusto. In collaborazione con Fabrizio Cracolici e con la musica e i testi del cantautore Marco Chiavistrelli

Canzone-video per Riace e Mimmo Lucano 

Video: Fabrizio Cracolici e Laura Tussi

Music: Marco Chiavistrelli (testo, voce, chitarra acustica), Simone Sandrucci (banjo, percussioni, campane, piatti e timpani). 

Registrazione studio La Tana del Bianconiglio, Montecchio di Piccioli, Pisa

 

Per quale motivo ci siamo sentiti in dovere di realizzare questo video con canzone correlata?

Perché vogliamo aiutare Mimmo Lucano. Aiutarlo concretamente. Fargli capire che non è solo. E che chi dà aiuto riceve aiuto, perché solo uniti ci si salva.

La canzone-video segna un percorso quasi drammatico ed eroico del protagonista che legge il proprio destino in opere di bene e solidarietà, ma viene schernito e degradato da una giustizia che considera associazione a delinquere aiutare profughi perseguitati dalla vita, in fuga da miserie infami, guerre e terrori, torture di ogni tipo e violenza nei campi di concentramento libici e non solo. Fare del bene è reato, l'innocenza una stoltezza, la giusta procedura dell'accoglienza, che spesso travalica regole e condotte mentali ispirate al respingimento e alla fortezza Europa, diventa un essere fuorilegge antilegale. Il mondo rovesciato: il bene che diventa male e il male opportunismo e odiosa furbizia. Ma a noi il viaggio di Mimmo piace, perché è anche il nostro viaggio!! Il viaggio dell'accoglienza, della speranza verso l'eguaglianza, del bene che resta bene e non viene trasformato in demone, della libertà che si fa vita, diritto e desiderio di benessere e felicità in ogni patria contrada, valle, angolo del mondo.

 



Lasciare un commento