lunedì 30 settembre - Riccardo Noury - Amnesty International

Messico, cinque anni fa la sparizione degli studenti di Ayotzinapa

Sono passati cinque anni dalla sparizione forzata, in Messico, dei 43 studenti dell’istituto magistrale di Ayotzinapa (qui la loro storia): 43 di oltre 40.000 scomparsi nel paese centroamericano di cui non si hanno più notizie.

Dopo quattro anni trascorsi tra coperture, insabbiamenti, arresti basati su prove raccolte illegalmente (tanto che alcuni di loro sono stati rilasciati), il nuovo governo del presidente López Obrador ha preso qualche impegno.

Nei primi 10 mesi in carica, il governo ha creato una commissione speciale e un’unità speciale all’interno della procura generale. Inoltre, il sottosegretario per i Diritti umani ha annunciato che il Messico accetterà la competenza del Comitato sulle sparizioni forzate delle Nazioni Unite che potrà dunque esaminare casi di sparizione nel paese.

Inoltre, in un recente incontro coi familiari dei 43 studenti scomparsi, il presidente Obrador e il suo governo si sono impegnati a chiedere a tutte le istituzioni di collaborare alle indagini e ad avere incontri regolari di aggiornamento tanto con le famiglie quanto con l’ufficio della procura generale.

Naturalmente, non basta e non tutto ciò che è stato fatto è stato di segno positivo. Le indagini continuano a mancare di trasparenza e l’attività degli organismi di nuova istituzione non ha ancora prodotto risultati.

Due cose sono certe.

La prima è che cinque anni dopo la sparizione forzata dei 43 studenti di Ayotzinapa, le autorità messicane sono ancora in enorme debito con le vittime, le loro famiglie e la società nel suo complesso.

La seconda è che non vi sarà giustizia fino quando coloro che hanno ostacolato la ricerca della verità non saranno indagati. Queste persone sono responsabili del fatto che la sorte degli studenti non sia tuttora chiarita.

In occasione di questo triste anniversario, le organizzazioni locali e internazionali per i diritti umani hanno ribadito che resteranno al fianco delle famiglie degli scomparsi fino a quando non si arriverà alla verità e alla giustizia.




Lasciare un commento