lunedì 17 agosto - Enrico Campofreda

La vocazione mediterranea della patria turca

Quando Erdoğan sperimentava i primi anni di potere d’un rilanciato schieramento islamico con la sigla dell’Akp, l’ammiraglio Cem Gürdeniz parlava di “Mavi vatan” che significa “Patria bleu” e riporta il sentimento turco al momento della grande punizione, quella sancita dal trattato di Sèvres dell’agosto 1920.

 

Allora l’Impero Ottomano, sconfitto nel primo conflitto mondiale, divenne solo un pezzo di Anatolia, perdendo a ovest le aree di Edirne e Smirne, a est territori a vantaggio dell’Armenia, d’un ipotetico stato kurdo peraltro mai nato, e zone meridionali dove francesi e britannici stabilivano il proprio protettorato. E’ vero che tra anni dopo, a porre fine al sanguinoso conflitto greco-turco, la nazione kemalista si ritrovò padrona dei territori occidentali e orientali, mentre a sud nascevano gli Stati siriano e iracheno, ma da quel momento l’influenza sul ‘mare bianco’ d’ottomana memoria diventava solo un ricordo storico, sia per la perdita definitiva dei territori dell’Africa mediterranea orientale (Tunisia alla Francia, Tripolitania, Cirenaica, Dodecanneso all’Italia) sia per la politica di Atatürk concentrata sulla ricostruzione interna.

Nel 2006 Gürdeniz, che non nasconde il suo viscerale nazionalismo, era direttore del Piano di divisione del quartier generale delle forze navali turche, e rispolverava la nostalgica proiezione marina della Turchia un tempo imperiale. La visione del presente geopolitico fra l’allora premier Erdoğan e gli apparati della difesa appariva assai diversa. E’ di quel periodo il presunto “piano Sledgehammer”, un progetto di golpe per abbattere il governo che non fu mai effettuato, e che nel 2010 condusse alla sbarra il Gotha di esercito, marina, aviazione di uno dei più forti membri della Nato. Dopo ventuno mesi d’indagini la Corte criminale di Istanbul produsse 325 condanne su 365 graduati turchi indagati. Le pene che dovevano essere esemplari scesero ad anni di reclusione, sebbene in qualche caso lunghe vent’anni. Per altri ufficiali anziani si passò alla collocazione a riposo. Il dibattimento del processo fu un vero scontro fra i legali di parte governativa e i difensori dei militare. Quest’ultimi sostennero che molte registrazioni portate come prove erano manipolate, ma di fatto la lobby kemalista in seno alle Forze Armate uscì con le ossa rotte ed Erdoğan potè rimpiazzare un gran numero di ufficiali con nuovi elementi compiacenti alla linea politica dell’Akp. Fra coloro che si collocarono a riposo, o vennero ‘invogliati’ a farlo dopo la dura diatriba giudiziaria, c’era anche l’ammiraglio Gürdeniz.

Lui si riciclò brillantemente quale editorialista sulle testate Aydınlık Dailiy e Yacht Magazine, quindi divenne direttore del Forum marittimo dell’Università Koç di Istanbul. Le sue posizioni patriottico-marinare non sono cambiate, lo conferma un’intervista concessa al quotidiano Hürriyet Daily poco più d’un anno fa (cfr. https://www.hurriyetdailynews.com/blue-homeland-shows-turkey-has-become-a-maritime-power-141624), ma è l’uomo del destino turco, nel corso di molteplici mandati e nuove cariche, ad aver adattato i suoi piani e i volti alleati. Fra il 2010 e 2012 al fianco di Erdoğan c’era il ministro degli Esteri Davutoğlu, il professore dell’Università di Beykent che la rivista Foreign Policy definiva “il cervello che sta dietro al risveglio globale della Turchia”. Un pezzo forte della geopolitica di Ankara dell’epoca teorizzava la linea “zero problemi coi vicini”. Invece fra questioni interne, guerra civile siriana su più fronti, presenza in Libia via terra e via mare, più le recenti diatribe sulle Zone economiche esclusive nell’Egeo i problemi presi di petto dal presidente turco sono decine. La sua diplomazia continua a cercare il gesto estremo e ora mutua anche la “Patria bleu” dall’ammiraglio nazionalista. In essa Erdoğan colloca interessi commerciali e supremazia politica, con l’ausilio di navi scandaglio e fregate d’assalto, più radar, missili, droni da vendere o usare, anche solo per dissuadere. Pur di occupare spazi vitali.

Enrico Campofreda




Lasciare un commento