lunedì 12 ottobre - Riccardo Noury - Amnesty International

La Giornata mondiale contro la pena di morte: a che punto siamo?

Dal 2003, il 10 ottobre di ogni anno la Coalizione mondiale contro la pena di morte si rivolge ad associazioni, reti, attivisti e istituzioni per diffondere informazioni e appelli e mobilitare l’opinione pubblica in favore dell’abolizione della pena capitale.

Nel corso degli anni, la Giornata mondiale contro la pena di morte è diventata un punto di riferimento per la campagna globale contro la pena di morte. Questa iniziativa è seguita da “Cities for Life”, il 30 novembre, quando città di ogni parte del mondo illuminano edifici simbolici per celebrare la storica abolizione della pena di morte da parte del Granducato di Toscana, nel 1786.

Il tema della Giornata mondiale contro la pena di morte di quest’anno è il diritto a un’efficace rappresentanza legale. Molti processi che terminano con una condanna alla pena capitale sono segnati, infatti, dalla scarsa qualità della difesa dell’imputato o dall’impossibilità di assicurargli una difesa efficace.

Ma a che punto siamo?

Sono 142 gli stati che hanno abolito la pena di morte o che comunque non eseguono da tempo condanne: di questi, ben 107 sono abolizionisti totali e il prossimo sarà il Kazakhistan.

Un continente, l’Oceania, è libero dalla pena di morte. Lo sarebbero anche l’Europa e le Americhe, se non fosse per la Bielorussia e gli Stati Uniti d’America, dove quest’anno il presidente Trump ha deciso di ridare via libera alle esecuzioni federali dopo una sospensione di 17 anni.

Resta gravissima la situazione in Cina, dove i dati sulla pena di morte continuano a essere considerati un segreto di stato, mentre tre stati del Medio Oriente – Iran, Iraq e Arabia Saudita – si collocano da anni tra i primi cinque stati per numero di esecuzioni.

L’Africa sub-sahariana fa passi avanti. Alla fine dell’anno scorso la Corte africana dei diritti e dei popoli si è pronunciata contro l’obbligatorietà della pena capitale in favore del principio della discrezionalità del giudice.

Sul sito di Amnesty International Italia ci sono informazioni e soprattutto appelli da firmare.




Lasciare un commento