venerdì 28 maggio - Riccardo Noury - Amnesty International

La Corte Europea dei Diritti Umani condanna il sistema di sorveglianza di massa del Regno Unito

Il 25 maggio, con una sentenza di enorme importante, la Gran Camera della Corte Europea dei Diritti Umani ha stabilito che il sistema di sorveglianza di massa del Regno Unito ha violato il diritto alla riservatezza e alla libertà d’espressione, in quanto non prevede adeguate ed efficaci garanzie end-to-end per evitare abusi e arbitrarietà”.

(Foto di Amnesty International UK)

Ad adire l’organo di giustizia del Consiglio d’Europa erano state una serie di Ong, tra cui Amnesty International, l’Iniziativa egiziana per i diritti della persona, l’Unione Americana delle Libertà Civili e Privacy International, dopo che nel 2013 Edward Snowden aveva rivelato che i servizi d’intelligence del Regno Unito stavano intercettando e utilizzando quotidianamente comunicazioni private di milioni di persone, attraverso il cosiddetto “programma Tempora”.

I servizi di Londra avevano anche spiato del tutto illegalmente le comunicazioni di Amnesty International e dell’Ong sudafricana Legal Resource Centre.




Lasciare un commento