mercoledì 9 novembre - Riccardo Noury - Amnesty International

L’appello a papa Francesco: “Chieda il rispetto dei diritti in Bahrein”

A 11 anni dalla rivolta popolare che ha scosso il Bahrein, nello stato del Golfo numerosi prigionieri di coscienza sono ancora in carcere e la repressione sistematica delle libertà di espressione, associazione e riunione continua imperterrita.

Nonostante l’impegno preso alle Nazioni Unite dal Bahrein 10 anni fa, accettando 140 delle 176 raccomandazioni chiave della Revisione periodica universale, alla vigilia delle elezioni parlamentari del 12 novembre 2022 persiste ancora una cronica sotto-rappresentazione della comunità sciita all’interno del governo e una sistematica soppressione della libertà di espressione, come dimostrato dai molti prigionieri di coscienza ancora detenuti nelle carceri del paese.

Per queste ragioni, Amnesty International Italia e Americans for human rights and democracy in Bahrein hanno chiesto a papa Francesco, in vista della sua prossima visita in Bahrein, di accendere un faro sulle violazioni dei diritti umani nel paese e chiedere la scarcerazione immediata dei prigionieri di coscienza e la fine di ogni discriminazione nei confronti della comunità sciita da parte delle autorità bahreinite.




Lasciare un commento