venerdì 18 settembre - Enrico Campofreda

Kashmir, un anno disastroso

Crisi d’identità e sbandamenti nello Stato del Kashmir anche per quei politici che s’identificano con lo Stato indiano, ma che a causa della linea dura voluta dal premier Modi sono finiti, in alcuni casi essi stessi in galera, in altri hanno abbandonato la politica o meditano di farlo. 

Cosa diciamo alla gente di fronte a una situazione che si ripercuote sulla quotidianità: chiusure di attività per insicurezza, prim’ancora che per la pandemia, violenze che si trascinano nelle vite private, mancanza assoluta d’un piano per il futuro, eccezion fatta che repressione e militarizzazione di villaggi e città?” è il grido di dolore di una di queste attiviste. Del resto l’occupazione dell’esercito di Delhi, che è seguita alle proteste popolari dopo la cancellazione, nell’agosto dello scorso anno dell’articolo 370 che ha azzerato l’autonomia locale, continua a incrementare azioni violente contro la “casta politica”. Ne fanno le spese anche elementi non allineati alle posizioni del premier Modi, ma semplicemente pro nazione indiana. L’instabilità è altissima a discapito della più elementare sicurezza. Alcuni di questi politici, intervistati da media internazionali, hanno dichiarato: Waheed Para del Pdp una formazione pro-India “La gente, e noi stessi, non avere più spazi dove vivere. La polizia ci intima di restare in casa, è questa la risposta a chi ha sostenuto la democrazia nella regione”. Yousuf Tarigami, politico di vecchia data e membro del partito comunista: “Siamo tutti sulla stessa linea, non c’è distinzione, ci ritroviamo in galera: politici dell’opposizione, separatisti, mainstream trattati come terroristi. La regione è diventata una prigione, chi ha diversità d’opinione può constatare un comune denominatore: il rischio d’essere detenuto”. 

A detta di analisti indiani i politici kashmiri sono molto misurati e posseggono una visione più aperta rispetto ai loro potenti colleghi di Delhi. Del resto il princìpio di autonomia regionale sancito dalla Costituzione nel 1947 tendeva a tenere in India un’area a maggioranza musulmana, invece il nazionalismo hindu rilanciato dall’esecutivo del Bharatyia Janata Party spinge per un’esasperazione dell’elemento confessionale con risvolti razziali e tutto ciò diventa un boomerang per la stessa politica interna. Così, quello che negli ultimi anni era comunque stato un disamore verso l’apparato statale con una diminuzione della partecipazione elettorale è diventato un ampio rifiuto non solo da parte della base, ma dei medesimi politici che animano le formazioni pro India. La forzatura centralista e nazionalista sul Kashmir sta diventando una ferita aperta per l’amministrazione Modi, e anche la commissione delle Nazioni Unite sui diritti umani ha valutato come nell’area ci sia una restrizione nel dibattito politico e nella conseguente partecipazione. Certo, la sponda islamica della regione vede nella crisi d’identità dei pro indiani una questione psicologico-identitaria, e alcuni ricordano come fino a un paio d’anni addietro alcuni di costoro tiravano dritto, facendo i propri interessi di parte senza manifestare scrupoli. Chi è fuori dalla lotta di parte, come alcuni cittadini che hanno svolto o svolgono mestieri di formazione per i giovani, sentenzia categorico: “Situazione desolante priva di democrazia”. Aggiungendo che le iniziative del Bjp hanno solo radicalizzato le condizioni socio-politiche, rendendo soffocante la vita e insicura la regione sottoposta all’occupazione militare.

Enrico Campofreda

 




Lasciare un commento