lunedì 4 gennaio - Riccardo Noury - Amnesty International

Iran, reo minorenne messo a morte l’ultimo giorno del 2020

Hassan Rezaei, condannato alla pena capitale per un omicidio commesso quando aveva 16 anni, è stato messo a morte all’alba del 31 dicembre, quando ne aveva raggiunti 28, nella prigione centrale di Rasht.

Nel 2020 l’Iran è stato l’unico stato al mondo ad aver eseguito condanne a morte di rei minorenni, in completa violazione delle norme internazionali. Immediate sono state le reazioni delle Nazioni Unite e dell’Unione europea.

Secondo Iran Human Rights, dal 2010 in Iran sono stati messi a morte almeno 63 minorenni al momento del reato, quattro dei quali negli scorsi 12 mesi.

Almeno 80 rei minorenni sono in attesa dell’esecuzione in varie prigioni del paese.




Lasciare un commento