lunedì 26 aprile - marina bontempelli

Il Teatro La Fenice riapre con un concerto lirico riservato ai Millennials

Il 26 aprile alle 19 al simbolico prezzo di 2 euro, i giovani tra i 18 e 30 anni potranno assistere in sala grande al concerto Verdi e la Fenice.

JPEG - 301.2 Kb

Non perde tempo il nostro Teatro e, confermata la “zona gialla” per poter riaccogliere il pubblico in sala, fa slittare il concerto programmato in streaming per sabato 24 a lunedì 26 aprile.

«Abbiamo vissuto un anno di perenni incertezze e di grandi difficoltà, soprattutto emotive – osserva Fortunato Ortombina, sovrintendente e direttore artistico del Teatro - perché andare in scena e fare musica senza pubblico è innaturale, vuol dire quasi snaturare l’essenza della nostra arte. Abbiamo deciso di farlo però per far sentire la nostra presenza, per mantenere quanto più possibile la continuità lavorativa dei nostri professionisti e dei nostri lavoratori, per trasmettere la nostra musica e le nostre emozioni a più gente possibile, in sostanza per restare vivi e trasmettere positività. Ora che questo periodo di enormi difficoltà è terminato, è il momento di rinascere, e tornare ad avere il nostro pubblico in sala è per noi la gioia più grande: per questo non abbiamo voluto perdere nemmeno un giorno e abbiamo deciso di andare in scena a porte aperte fin dal primo giorno in cui questo sarà possibile. Siamo consapevoli, certamente che non siamo usciti dalla crisi pandemica: per questo sarà un’apertura all’insegna della massima cautela – rassicura Ortombina - nel rispetto delle limitazioni di capienza e dei protocolli di sicurezza sia per i lavoratori che per gli spettatori».

Il palcoscenico veneziano per onorare il rapporto speciale che Giuseppe Verdi ebbe con il Teatro La Fenice alzerà dunque il sipario già il primo giorno di “zona gialla” su Verdi e la Fenice. Il concerto lirico punterà i riflettori in particolare sulla scrittura vocale del maestro di Busseto per i registri maschili medio e basso. Protagonisti dell’evento saranno il baritono Luca Salsi e il basso Michele Pertusi, che si misureranno con pagine verdiane tratte dalle cinque opere che il compositore emiliano scrisse proprio per il Teatro lagunare: Ernani, Attila, Rigoletto, La traviata e Simon Boccanegra. La direzione musicale sul podio dell’Orchestra e Coro del Teatro La Fenice sarà affidata a Stefano Ranzani, in sostituzione dell’annunciato Riccardo Frizza, mentre i ruoli comprimari saranno interpretati dal mezzosoprano Chiara Brunello, dal tenore Cristiano Olivieri, dal baritono Armando Gabba e dal basso Matteo Ferrara; maestro del Coro Claudio Marino Moretti.

 

I biglietti (prezzo simbolico 2€) saranno destinati esclusivamente ai Millennials, i giovani tra i 18 e i 30 anni che potranno acquistare due posti se congiunti nei palchi , mentre i posti singoli potranno essere acquistati nei settori di galleria e loggione. Il titolo di accesso potrà essere acquistato lunedì 26 aprile 2021 a partire dalle ore 11.00.

Sono confermate le misure di sicurezza ormai consuete: entrate differenziate, misurazione della temperatura corporea all’ingresso, gel igienizzante a disposizione in vari punti del Teatro.

D’obbligo menzionare il Main partner Intesa Sanpaolo e ricordare che tutti i concerti trasmessi dalla Fenice in diretta streaming sono gratuiti, e resteranno disponibili sul canale YouTube del Teatro per i prossimi mesi.

Per informazioni e prenotazioni www.teatrolafenice.it

Marina Bontempelli

JPEG - 18.9 Kb
Gran Teatro La Fenice - Venezia



Lasciare un commento