giovedì 11 luglio - Riccardo Noury - Amnesty International

Guatemala, il rischio di cancellare oltre dieci anni di lotte per la giustizia

Negli ultimi dieci anni il Guatemala ha fatto notevoli passi avanti nel contrasto all’impunità

Tra il 2007 e il 2018 la Commissione internazionale contro l’impunità in Guatemala(Cicig), un organismo creato sotto gli auspici delle Nazioni Unite per aiutare la procura nazionale a indagare sulle imprese criminali infiltratesi nelle istituzioni statali, è stata in grado di fare luce su oltre 100 casi, parecchi dei quali strettamente connessi con le violazioni dei diritti umani accadute nei 36 anni di conflitto armato.

A partire dal 2009 i tribunali nazionali hanno emesso sentenze di valore storico nei confronti di membri delle forze armate e della polizia, anche di alto grado, un fatto senza precedenti nella storia del paese.

Tutto questo, ora, rischia di essere cancellato.

Il 31 agosto 2018 il presidente Jimmy Morales, che già un anno prima aveva palesato le sue intenzioni, ha annunciato l’intenzione di non rinnovare il mandato della Cicig, che scadrà il 3 settembre prossimo.

La procuratrice generale Consuelo Porras non ha battuto ciglio e non ha preso alcuna misura per garantire che il lavoro congiunto della Cicig e dell’Ufficio del procuratore speciale contro l’impunità potesse arrivare a una conclusione. Il rischio è che tra meno di due mesi le indagini congiunte su oltre 70 casi si blocchino.

Il Congresso, a sua volta, si è fatto promotore di proposte di legge che garantirebbero l’impunità per le gravi violazioni dei diritti umani commesse nel conflitto armato.

Anche il clima intorno ai magistrati si è fatto pesante: soprattutto quelli che si occupano di casi in cui sono coinvolte potenti figure del passato, civili e militari, hanno subito minacce e infondati procedimenti disciplinari e persino penali.

Dalla metà dello scorso decennio il Guatemala è stato un modello nel consolidamento della giustizia per tutto il continente americano. Ora rischia di essere un esempio assolutamente da non imitare.

 




Lasciare un commento