mercoledì 9 ottobre - Doriana Goracci

Donna civetta papera gallina

Molti animali, non si sa per quale diceria, sono accoppiati al genere femminile, sicuramente non in maniera positiva, e nel migliore dei casi con bonaria ironia maschile. Ma andiamo avanti, come preannuncio dal titolo, ci sono 3 volatili che frequentemente sono accostati a noi donne, nel migliore dei casi con affetto antico.
Io vorrei oggi fermarmi alla gallina.
Foto: Pixabay

Mi imbatto nella lettura, fresca di scodellamento nel web, di un articolo di GreenMe.it "Naturelle nella bufera dopo il video shock che denuncia i maltrattamenti subiti dalle galline negli allevamenti. Un investigatore di Essere Animali ha lavorato sotto copertura in un mega allevamento di 56.000 galline fornitore del gruppo Eurovo, la multinazionale italiana leader europea nella produzione di uova. Sono vendute con il marchio Naturelle ma, a dispetto del nome, le uova prodotte da questo allevamento provengono da galline maltrattate, scaraventate da una gabbia all’altra e, se malate, uccise con bastonate che le lasciano agonizzanti per decine di minuti. Alle violenze degli operatori, nei cui confronti abbiamo sporto denuncia, si aggiungono le sofferenze causate dalle gabbie, una tipologia di allevamento consentita ma disumana, in cui le galline non hanno nemmeno lo spazio per distendere le ali...Lo scorso anno in Italia sono state prodotte 12 miliardi di uova da quasi 40 milioni di galline. Circa la metà delle galline ovaiole viene allevato in gabbia.Per sapere come vengono allevate le galline che si acquistano è possibile controllare il primo numero del codice stampato sul guscio dell’uovo: solo il numero zero e il numero 1 garantiscono che le galline non siano allevate all’interno di gabbie".

L'articolo, che vi invito a leggere tutto, è stato redatto da Tatiana Maselli, "non a caso forse", laureata in Scienze e tecnologie erboristiche presso l'Università Statale di Milano, autrice del blog ideetascabili.it, che tratta di fitoterapia, alimentazione vegan, cosmesi naturale e stili di vita sostenibili.Organizza workshop sulla produzione di cosmetici naturali e saponi artigianali e conferenze su alimentazione naturale e uso delle erbe per la salute.
Foto: Wikimedia
 
Già nel 2015 si leggeva da adnkronos.com: "Non possono aprire le ali, perdono le piume, subiscono l'amputazione del becco ma producono il doppio rispetto a 50 anni fa. Sono le galline allevate in gabbia che in Italia sono oltre 40 milioni (il 65% del totale). I dati arrivano dal Ciwf Italia Onlus che ha documentato la situazione con filmati girati in allevamenti italiani e rilancia la sua campagna End the Cage Age, chiedendo l’abolizione delle gabbie, per le galline e per tutti gli animali da allevamento. "
Nel film Freaks, i Mostri, del 1932...Olga Baclanova diretta dal regista Tod Browning, è la sventurata che da bellissima donna quale era, è stata ridotta ad un essere orribile; le sono state tagliate le gambe, cavato un occhio, le mani schiacciate e deturpate, la lingua mozzata. Ridotta a un essere deforme, viene presentata dai crudeli proprietari del circo come la "donna gallina" e sottoposta anche lei allo scherno del pubblico. "
I mostri sono forse altri, ai giorni nostri. Cantavano Cochi e Renato La gallina, era il 1973.

Ma del resto

Tutta la vita è una ruota

E la gallina seduta

Nella via

Ripete, ripete,

Ripete il suo gesto.

La gallina solo di piume è ricoperta

E sta sempre rinchiusa all'aria aperta

E non prova invidia né avversione

Neanche verso le pecore

Che le passan davanti col maglione.

Tutte le pecore nella loro superiorità superba

Gli passan davanti con un maglione di chasmire

E con un bottone proprio qui sul collo.

L'unica cosa calda che ha sono le uova

Che ci dà sempre fresche.



1 réactions


  • Doriana Goracci Doriana Goracci (---.---.---.154) 10 ottobre 20:08

    ricevo sulla mia posta quanto segue con comunicato stampa allegato e riporto per intero. Come è possibile vedere ho sempre tutto virgolettato e linkato nei riferimenti. Grazie in ogni caso per la spiegazione chiarificatrice. 

    Buona sera signora Goracci,

    in riferimento all’articolo pubblicato il 9 ottobre su AgoraVox.it (https://www.agoravox.it/Donna-civetta-papera-gallina.html), in cui si ipotizza un collegamento diretto tra il prodotto “le Naturelle” e l’allevamento ripreso nel video diffuso dall’associazione Essere Animali, inviamo il comunicato stampa di Gruppo Eurovo.

    Cordiali saluti.

    Alessandra Ciuccarelli

     

    alessandra ciuccarelli | group manager

    bcw | burson cohn & wolfe

    o: +39.02.20239378 | m: +39.347.9773585

    www.bcw-global.com 

    Comunicato stampa Gruppo Eurovo-Le Naturelle Le uova Le Naturelle provengono da allevamenti che garantiscono il rispetto rigoroso delle normative sulla gestione degli allevamenti e sul benessere animale e alti standard di biosicurezza.Imola, 8 ottobre 2019-Lune 07/10/2019, l’associazione “Essere Animali” ha pubblicato su Youtube un video girato in un allevamento in batteria di Verghereto (FC), denunciando la crudeltà nel trattamento dei capi allevati. In tale video compare un camion di proprietà del Gruppo Eurovo, nel quale è ben evidente il marchio “le Naturelle”. L’aziendaoggetto del video è un fornitore di Gruppo Eurovo (titolare del marchio “le Naturelle”), ma ha fornito allo stesso Gruppo esclusivamente uova da allevamento all’aperto, differente rispetto a quello visibile nel video, e mai uova da allevamento in batteria.Pertanto Gruppo Eurovo respinge fermamente ogni connessione, coinvolgimento e collegamento ai comportamenti assunti dagli operatori dell’azienda fornitrice in altre parti dell’allevamentoe si dichiara completamente estraneo ai fatti documentati nel video.Negli allevamenti di proprietà e in quelli dei fornitori, Gruppo Eurovo garantisce e pretende il rispetto rigoroso delle normative sulla gestione degli allevamenti e sul benessere animale, con numerosi controlli. Ulteriori e doverose verifiche saranno condotte con la massima priorità presso l’azienda oggetto del video.Gruppo Eurovo condanna fermamente e si dissocia da qualsiasi azione crudele e inumana compiuta ai danni degli animali negli allevamenti.Eurovo Srlè l’azienda leader in Europa nella produzione di uova e ovoprodotti. È presente da oltre sessant’anni sul mercato ed è guidata, fin dalla nascita, dalla famiglia Lionello. L’azienda vanta una gamma ricca e articolata di prodotti, rivolti al mercato B2C e B2B. I suoi marchi principali: le Naturelle, le Naturelle Biologico, le Naturelle Rustiche, le Naturelle Km Zero, Nonna Anita, le Naturelle Selezione Cocodì, Eurovo Service. Impiega più di 1.000 persone, conta 15 stabilimenti in Italia e all’estero e si divide in più sedi: a Imola (BO) si trova la sede commerciale e amministrativa.Per ulteriori informazioni:Burson Cohn & Wolfe S.r.l. Alessandra Ciuccarellicell.+39347 9773585alessandra.ciuccarelli@bcw-global.com


Lasciare un commento