mercoledì 6 novembre - Riccardo Noury - Amnesty International

Diritti umani, l’Onu interroga l’Italia

E' iniziato lunedì presso il Consiglio Onu dei diritti umani l’Esame periodico universale dell’Italia.

L’Esame è un importante meccanismo di valutazione della situazione dei diritti umani, attraverso interrogazioni e raccomandazioni da stato a stato. Presuppone la buona fede e la volontà di migliorare la situazione dei diritti umani attraverso un confronto alla pari.

Il punto debole è proprio il rischio che si tratti di una procedura rituale. Ma l’Esame resta una delle poche occasioni non giudiziarie in cui gli stati possono essere chiamati a rispondere, a livello internazionale, sul loro operato domestico in materia di diritti umani e informare sugli eventuali progressi fatti.

Secondo Amnesty International, che ha sottoposto un suo documento di analisi al Consiglio Onu dei diritti umani, la situazione dei diritti umani è peggiorata rispetto all’ultimo Esame del 2014. Soprattutto nell’ultimo anno, l’approccio delle autorità italiane nei confronti dei meccanismi di monitoraggio internazionali si è fatto teso.

Nel 2014 l’Italia aveva ricevuto 186 raccomandazioni. Ne ha accettate 176, riguardanti soprattutto la ratifica dei trattati; la creazione di un’autorità nazionale per i diritti umani; la lotta contro la discriminazione, il razzismo e la xenofobia; il contrasto alla violenza contro le donne; la difesa dei diritti dei rom e la tutela dei diritti dei migranti e dei richiedenti asilo.

Amnesty International ritiene che l‘attuazione da parte dell’Italia delle raccomandazioni da essa accettate sia stata ampiamente insufficiente nel periodo in esame, nonostante i progressi compiuti in alcuni settori.

Il documento inviato da Amnesty International al Consiglio Onu dei diritti umani passa in rassegna gli aspetti più critici in Italia: criminalizzazione della solidarietà, violazioni dei diritti dei rifugiati e dei migranti, anche nel contesto della cooperazione con la Libia, debolezze della legislazione in materia di tortura, operato delle forze di polizia e discriminazione nei confronti dei rom in materia di alloggio adeguato.




Lasciare un commento