sabato 28 marzo - Andrea Flores

Coronavirus: è guerra anche alla libertà e alla privacy?

Di fronte allo stato di emergenza nel quale ci troviamo non c’è diritto costituzionale che tenga...perchè questi sono momenti nei quali il diritto non è in grado di giocare alcun ruolo” Queste le gravi parole del giurista Ugo Mattei, recentemente intervistato da Claudio Messora https://www.youtube.com/watch?time_continue=310&v=AJUkkgvlz4o&feature=emb_logo a proposito della quarantena forzata dovuta alle misure prese dal governo contro la pandemia Corona virus. Una cosa mai vista prima in tempo di pace.

Alla fine della quarta settimana di marzo, gli italiani si trovano da circa tre settimane chiusi in casa.

Si impone la domanda oggi più attuale e bruciante: quale è la compatibilità di provvedimenti caratteristici di uno «Stato forte» con i princìpi di libertà e trasparenza ritenuti irrinunciabili dalle democrazie occidentali?

Questo “stato di emergenza”, che tra l’altro da un punto di vista costituzionale in Italia non è esplicitamente previsto (se non nella forma del “decreto”) si è manifestato dapprima sotto forma di “emergenza sanitaria”, allorquando il 30 gennaio l’OMS lo ha dichiarato tale a livello mondiale.

In seguito a ciò il CDM italiano ha deliberato” senza alcun clamore mediatico la “Dichiarazione dello stato di emergenza nazionale in conseguenza del rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili”.

https://www.altalex.com/documents/news/2020/02/03/coronavirus-italia-stato-emergenza

E ci teniamo a sottolineare il silenzio mediatico https://www.open.online/2020/03/25/coronavirus-la-fantomatica-delibera-dello-stato-di-emergenza-del-31-gennaio-2020/ che è seguito a un provvedimento tale da stravolgere la vita di un paese di oltre 50 milioni di abitanti.

 

In sostanza, sulla base di un atto deliberato da un ente sovranazionale (OMS) e ispirato da motivazioni sanitarie ( il diffondersi del Coronavirus), sono stati adottati, tra gli altri, provvedimenti gravemente lesivi delle libertà personali, e di natura squisitamente politica.

Una “emergenza sanitaria”globale viene utilizzata per instaurare lo stato di emergenza in un intera nazione.

La decretazione d’urgenza dell’esecutivo e/o addirittura i provvedimenti del suo capo (DPCM) prendono il posto di un parlamento quasi del tutto inesistente.

Polizia ed esercito sono massivamente in strada per controllare che le misure estreme vengano rispettate, il numero dei controlli (oltre due milioni e mezzo in un mese) https://www.interno.gov.it/it/notizie/coronavirus-salgono-oltre-2-milioni-e-600mila-persone-controllate-piu-200-mila-nella-giornata-ieri e delle persone denunciate (oltre cento mila) è enorme https://www.lastampa.it/cronaca/2020/03/26/news/coronavirus-per-i-centomila-denunciati-il-reato-cambia-pagheranno-200-euro-al-posto-della-denuncia-1.38640507

 

Si impone la domanda oggi più attuale e bruciante: quale è la compatibilità di provvedimenti caratteristici di uno «Stato forte» con i princìpi di libertà e trasparenza ritenuti irrinunciabili dalle democrazie occidentali?

 

Secondo l’avvocato Giuseppe Palma l’esecutivo non avrebbe avuto il diritto di limitare alcune libertà fondamentali garantite dalla Costituzione, https://www.youtube.com/watch?v=EqU4k8bBXpc così come invece è accaduto in occasione della bulimica decretazione (d’urgenza) relativa alla “pandemia” Coronavirus e per di più con un provvedimento ( il DPCM, che si colloca su un piano secondario nella scala gerarchica delle fonti del diritto italiano.

Secondo la Costituzione infatti (art 13) le limitazioni allle libertà personali possono essere imposte solo con una legge ordinaria, cosa che il DPCM non è, come sostenuto anche da altri giuristi https://jacobinitalia.it/lemergenza-per-decreto/

 

I principali giornali italiani invece, riguardo ai diritti personali e alla privacy hanno un atteggiamento più rilassato o” pragmatico”, come direbbero loro.

Sul Corriere della sera di mercoledì 25 marzo, in prima pagina campeggia l’intervista a Vittorio Colao, https://www.hidemyass-freeproxy.com/proxy/en-us/aHR0cHM6Ly93d3cuY29ycmllcmUuaXQvZWNvbm9taWEvY29uc3VtaS8yMF9tYXJ6b18yNS9jb3JvbmF2aXJ1cy1ub3N0cmktZGF0aS1zb2xvLXNhbHZhcmNpLXBvaS11c2NpcmUtY3Jpc2ktODIyM2FlY2EtNmUwOS0xMWVhLTliODgtMjdiOTRmNTI2OGZlLnNodG1s ex top manager di Vodafone, società già condannata dall’antitrust https://www.consumatori.it/comunicati-stampa/antitrust-sanzioni-tim-vodafone-wind-tre/ e responsabile di irregolarità in materia di protezione dei dati degli utenti https://www.deeperformance.it/le-sanzioni-prima-del-gdpr-cosa-e-successo-a-vodafone-3/ .

Colao sostiene che non c’è problema nel ricorrere alla tecnologia per fronteggiare il virus, legittimando oggi strumenti di sorveglianza sociale che potrebbero domani diventare permanenti e che “oggi in Italia abbiamo sistemi di garanzia parlamentari e regolamentari che tutelano le liber individuali e la privacy”. Detto da lui ci resta qualche perplessità.

Da notare che queste affermazioni traggono spunto da una intervista del Financial Times al grande storico Yuval Harari - autore di bestseller globali e seriamente preoccupato per la gestione “cinese” della pandemia dove la vittoria del regime è stata pagata con l’ennesimo giro di vite sui diritti della popolazione https://www.repubblica.it/tecnologia/sicurezza/2020/03/03/news/verde_giallo_o_rosso_il_codice_sull_app_che_in_cina_decide_la_liberta_dei_cittadini-250107693/

 

E non solo in Cina. La torsione dei diritti umani fondamentali sta avvenendo in tutto il mondo, Anche quello cosiddetto democratico. https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/03/17/coronavirus-cina-israele-e-corea-del-sud-usano-la-tecnologia-per-frenare-il-contagio-tra-sicurezza-e-accuse-di-violazione-della-privacy/5739436/

E , per tornare in Italia, permettere a un esecutivo che fa a meno del parlamento e che schiera l’esercito in strada, di saldarsi con quello che l’analisi più avanzata ha definito il “capitalismo della sorveglianzahttp://effimera.org/capitalismo-sorveglianza-geraldine-delacroix/ , anche se coi più nobili motivi, è un’altra cosa che ci lascia perplessi, per non dire attoniti. Il modello cinese, seppure vincente, non ci sembra che valga il prezzo da pagare.

 

Non dimentichiamoci che, in Italia, la legge sulle intercettazioni recentemente approvata https://www.altalex.com/documents/news/2020/02/28/trojan-di-stato-novita-intercettazioni permette già, seppure sotto il controllo del potere giudiziario, l’uso di sofisticatissima tecnologia per spiare i telefoni cellulari di chi verrà fatto oggetto di indagine. E’ un inizio.

Come dire che in alto (lo stato), oggi può sapere tutto di chi sta in basso (la popolazione). E ciò, tra l’altro, dovrebbe aprire gravi interrogativi sulla privacy.

 

Al contempo, dopo settimane e settimane in cui la popolazione è stata vittima di una campagna mediatica allarmistica e parossistica e in cui non si è parlato d’altro che di paura, pandemia dai possibili esiti catastrofici, necessità dello stato di emergenza e, soprattutto, sovraesposizione mediatica di bare, feretri e numeri di ogni tipo, si “scopre”, come riporta il Corsera del 27 marzo https://milano.corriere.it/notizie/cronaca/20_marzo_27/coronavirus-lombardia-paolo-grossi-analisi-malati-emersi-numero-tamponi-ecco-che-cosa-influenza-curva-391c695e-6fa5-11ea-b81d-2856ba22fce7.shtml , che” la popolazione deve capire che i risultati di un singolo giorno non sono significativi» e che “ la capacità di elaborare risultati dei laboratori può variare da un giorno all’altro. Nello stesso tempo ci possono essere più malati a domicilio che all’improvviso si aggravano e vengono ricoverati e, dunque, tamponati in ospedale. Oppure di pazienti sintomatici sottoposti all’esame nelle proprie case “.

Quindi dopo averci sepolti sotto una valanga di numeri di regioni, città, nazioni e quant’altro, il mainstream ci dice che quelle cifre non sono poi cosi precise e indicative.

Eppure e su questi numeri e le previsioni degli esperti che si basa il panico del Corona virus e la sospensione dei diritti costituzionali posta in essere dall’esecutivo.

Come dire: in basso si sa quello che il governo e l’apparato mediatico vogliono che si sappia tramite il controllo massivo dell’informazione di tv e giornali e anche, per quanto possibile del web, dove ogni dissenso anche minimo viene represso, come testimonia la denuncia al sito Byoblu https://www.byoblu.com/2020/03/25/il-patto-trasversale-per-la-scienza-di-burioni-chiede-alla-procura-loscuramento-di-byoblu-byoblu24/ con tanto di richiesta di oscuramento!! Ma non è un caso isolato, vedi la dottoressa Gismondo https://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/21502418/maria_rita_gismondo_diffidata_pts_coronavirus_come_influenza_amareggiata_attaccano_solo_me.html .

 

Quindi, con la scusa dell’emergenza torna la minaccia di censura e si palesa una asimmetria informativa assolutamente incompatibile coi requisiti minimi di una qualsiasi democrazia.

Leggi che permettono i trojan di stato e una invasione della privacy totale e, contemporaneamente, uno stato che basa le misure eccezionali sul pensiero unico mediatico e che non tollera la minima deviazione dalla linea dettata dall’esecutivo, ebbene, tutto ciò non ha nulla di democratico.

Quando si schiera l’esercito per la strada e contemporaneamente si minacciano i dissidenti con censura e misure penali, dovrebbe essere evidente a tutti che non siamo più in un sistema democratico. Stiamo scivolando, in modo più o meno soft, verso qualcos’altro. Qualcosa che, peraltro, fa parte della nostra recente storia nazionale e che quindi potrebbe riproporsi. https://www.anpi.it/articoli/1251/la-leggenda-del-fascismo-mite seppure sotto altre spoglie.

 

C’è il concreto rischio che, per evitare la “grande pandemia” ci si ritrovi stretti tra le maglie di un regime sempre più autoritario. E può darsi che sia un rischio molto maggiore del Corona virus.

Il nostro attuale panico è forse così forte da impedirci di aprire gli occhi e rendercene conto?

FOTO: MiroslavaChrienova/Pixabay



15 réactions


  • Enzo Salvà Enzo Salvà (---.---.---.64) 28 marzo 10:46

    Sa che cosa manca in tutti questi discorsi?: quale soluzione troverebbe Lei ed altri che si scagliano contro le misure attuali?

    Le ricordo che, sul tracciamento tramite cellulare, tipo Corea del Sud, la levata di scudi è stata immediata, salvo un certo Sig. Zaia che, per conto di qualcuno, ha dichiarato espressamente che Lui eliminerebbe immediatamente le norme sulla privacy,... in questo momento ........

    Ci guardi bene: se le norme dell’attuale maggioranza fossero propedeutiche ad una deriva autoritaria, nel nostro Parlamento, una legge veramente autoritaria sarebbe già fatta ed approvata a larghissima maggioranza. 

    Comunque per tornare sulle norme attuali:

    • va bene dire no,
    • bisogna spiegare bene perché. 
    • soprattutto spiegare quale sarebbe l’alternativa, (Johnson in GB, ad esempio, disse chiaramente che non avrebbe preso provvedimenti e di prepararsi a tutte le morti necessarie per il raggiungimento dell’immunità di gregge),

    A criticare, giustamente peraltro, sono capace anch’io che scrivo le mie opinioni qui.

    Un Saluto

    Es.


  • Andrea Flores Andrea Flores (---.---.---.230) 28 marzo 11:54

    Buongiorno Enzo e grazie per il suo commento. Vorrei farle notare che io ho solo aggregato dei dati e posto degli interrogativi. Ho cercato di essere il più moderato possibile per avere qualche speranza di essere pubblicato e non creare problemi con possibili querele a me e al sito. Le ricordo che in questo paese vige il codice penale Rocco di matrice fascista e i giornalisti rischiano processi, multe e galera. Le faccio l’esempio, tra i numerosissimi di Davide Falcioni perchè siamo su AgoràVox https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/02/07/davide-falcioni-confermata-la-condanna-a-4-mesi-documento-irruzione-dei-no-tav/4955551/ .

    In questo paese, dopo la breve parentesi progressiva dal dopoguerra agli anni 60, è tornata una impressionante deriva autoritaria. Dalle leggi speciali contro la lotta armata anni 70 e 80 https://www.ibs.it/anni-della-lotta-armata-cronologia-libro-davide-steccanella/e/9788882483951 (penso a Legge Reale, legge Cossiga etc) passando per la liberticida legislazione antimafia del decennio successivo che, tramite un uso industriale del pentitismo sconosciuto nelle altre democrazie, ha provocato danni al dirit e tragedie umane di proporzioni incalcolabili https://www.infoaut.org/approfondimenti/alcune-considerazioni-su-tortura-leggi-speciali-e-41-bis. tra cui tortura di stato, isolamento come prassi, carcere preventivo come arma di pressione (penso anche a tangentopoli e alla democrazia giudiziaria di quegli anni). Penso a quell’abominevole laboratorio repressivo (per es. Daspo) sperimentato dapprima negli stadi e poi trasportato anche nel resto della società. http://www.osservatoriorepressione.info/daspo-solo-linizio-gli-ultras-cavie-fermare-movimenti/ .

    E sono tutte aberrazioni emergenziali rimaste e perfettamente valide ancora oggi. Anzi, oggi sono molto inasprite dai vari pacchetti sicurezza. sic. Benvenuti in Italia!

    Per arrivare all’attuale vergogna dei decreti apertamente razzisti e liberticidi di Minniti e Salvini che rinnegano apertamente standard giuridici internazionali https://www.linkiesta.it/2019/07/salvini-minniti-decreto-codice/ eintroducono un doppio standard giudiziario a seconda del colore della pelle e provenienza. Forse lei, come moltissimi italiani, non lo vede, ma siamo un paese sempre più razzista e antidemocratico. Io direi che siamo già da tempo un paese apertamente autoritario anche se formalmente democratico, Ma anche Hitler mantenne la costituzione di Weimar e se ne sbatteva le palle, governando per decreto. Non nota qualche analogia moderna?

    La realtà è semplicemente che hanno preso a prestito una epidemia influenzale piu grave del solito e l’hanno usata come pretesto per fare ognuno i suoi sordidi e inconfessabili interessi: gli esecutivi fanno a meno dei parlamenti e diventano sempre più forti e liberticidi. L’OMS si frega le mani coi futuri miliardi dei vaccini, che poi magari butteremo nel cesso come già accaduto in passato. L’Europa ci commissarierà alla Troika col grimaldello del MES. Al capitalismo della sorveglianza non sembrerà vero di potersi alleare con le intelligence governative europee, e avere mano libera per un controllo ancora più totalitario dei nostri dati personali, come già avviene negli USA dopo il liberticida Patriot Act. Pollitianti locali, tristi pagliacci, potranno gonfiarsi il petto nella nobile gara a chi spranga più giardini pubblici e questurini solerti che scacciano vecchietti che indugiano criminosamente su una panchina potranno vantarsi di aver contribuito alla salvezza dalla biblica pandemia.https://napoli.fanpage.it/decreto-coronavirus-napoli-poliziotto-sgrida/

    E’ per questo che, amio parere l’Italia di oggi non è un paese democratico e, quel che è peggio, ci muoviamo verso posizioni sempre più autoritarie e liberticide. Anche se di questa deriva antidemocratica è vittima tutto l’occidente.

    Mi chiede l’alternativa?

    Non sono un medico. Ma non sono i medici ad averci messi agli arresti domiciliari in 50 milioni. Sono i politici, con decisioni politiche. Autoritarie e socialmente devastanti. Mai nella storia del mondo, un governo aveva messo in galera un intero popolo. naturalmente smpre coi più nobili motivi. Ma è coi più nobili motivi che siamo arrivati ad Auschwitz e a Hiroshima. E ad Abu Graib. E ai lager libici. 

    Per questo quando un democratico sente parlare di emergenza e leggi speciali prova sempre paura e disgusto. Perchè sa che esse hanno sempre e dovunque portato le nazioni alla guerra e al disastro.

    Come ci insegnano i romani "tutte le repubbliche degenerano in tirannie" (Cicerone, se non ricordo male). Credo che valga ancora oggi, anzi, è ancora più attuale.


  • Damiano Mazzotti Damiano Mazzotti (---.---.---.91) 28 marzo 15:57

    Ok a tracciare alcune persone. Ma una persona deve essere libera di farsi fare il test e di poter circolare regolarmente se il test è negativo. E dove lo mettiamo il diritto di lavorare per pagarsi le medicine, per mangiare, per fare tutto quello che serve per sopravvivere? Mi sembra che il 90 per cento degli italiani non stiano pensando alle conseguenze a medio e a lungo termine: https://www.difesaonline.it/evidenza/editoriale/i-terribili-e-realistici-scenari-del-coronavirus-smettiamola-di-farci-illusioni


  • Andrea Flores Andrea Flores (---.---.---.230) 28 marzo 16:49

    Mi trova daccordo. E certo la gran parte non si è ancora resa conto della situazione, persa nel gossip dei social e nel mainstream addomesticato dal regime. Anche perchè nella odierna "società signorile di massa" (Ricolfi) a lavorare sono ormai meno del 50%. La maggior parte dei redditi derivano da rendite e non da lavoro. Peccato che le pensioni sono pagate da quei fessi con la partita iva e dal mondo dell’impresa. E questo esecutivo di dilettanti allo sbaraglio, ormai ubriachi dei pieni poteri, non si rendono conto che, di tutte le assurdità di cui si sono resi responsabili, questa follia di rinchiudere un paese ai domiciliari non servirà contro la malattia, ma rischia di condurre il paese a un disastro di proporzioni difficili da immaginare. E come le pagheranno le pensioni se gli autonomi non pagano l’inps? E di cosa dovrebbero vivere tutti i lavoratori irregolari che si arrangiano ogni giorno per un pezzo di pane? Ci saranno rivolte e sommosse e credo presto. La sitazione è sempre più insostenibile.

    La verità è che siamo vittime di una classe (si fa per dire) dirigente di cialtroni politici inetti, ignoranti e incapaci, che fanno molti più danni di qualunque pandemia. E quando molti di noi avranno perso il lavoro oppure l’azienda, quei criminali politici saranno ancora sempre la, a godersi i loro stipendi da 15mila euro al mese + le spese. E’ questo che manda il sangue agli occhi.

    La ringrazio per l’intervento e la saluto


  • paolo (---.---.---.49) 28 marzo 23:50

    Egregio Andrea Flores , al netto di quello che lei ci propone, in maniera peraltro ben articolata e puntuale, mi sembra di poter dire che lei è un tantino fuori tema. Le sue argomentazioni sui diritti individuali calpestati e sui rischi di tenuta sociale avrebbero un senso se non fosse che a condurre il gioco non è il governo che evidentemente non le piace, e che lei ha tutto il diritto di criticare, ma un essere nanometrico che ha il potere di azzerare in poco tempo la vita delle persone, cancellandone nel contempo tutti i diritti in vita. E persino i diritti come malato e perfino da defunto, viste purtroppo le necessarie procedure in atto.

     Quello che le voglio dire è che l’attuale governo di fronte ad una calamità del genere, altro non può fare se non quello che farebbe qualsiasi altro governo bianco, rosso o verde, mettendo in campo strategie a largo spettro, che saranno, col senno di poi, sicuramente oggetto di ferocissime critiche da parte di tutti i menestrelli che, almeno a chiacchere, hanno sempre la verità in tasca. Anzi già lo sono oggetto e a prescindere. Sui menestrelli invece lascio a lei la scelta. Il panorama è alquanto variegato e per tutti i gusti.

    In estrema sintesi " primum vivere deinde filosofare".

    saluto


  • Andrea Flores Andrea Flores (---.---.---.230) 29 marzo 09:31

    Buongiorno Paolo. Su un punto concordo. A me non piace un governo che occupa il parlamento dopo una manovra di palazzo e passa dal fascio razzismo leghista al partito della finanza e della troika (il PD) che ci vuole svendere ai tedeschi.

    E mi piace ancora meno una cricca che, a parlamento chiuso, impone gravissime limitazioni a libertà costituzionali e schiera i militari armati di mitra nelle strade. E’ un governo che mi fa orrore ma che si riaggancia alla triste ma latente e rediviva tradizione fascista del paese.

    Le dirò di più: misure in stile sud americano attuate da quei criminali politici che per tre decenni hanno smantellato il welafare (seguendo l’ordoliberismo di Hayek e Friedmann) https://it.wikipedia.org/wiki/Il_colpo_di_Stato_di_banche_e_governi  e ora ci vengono a giustificare lo stato di polizia grazie ai loro stessi disastri, ebbene questo lo trovo insultante per la mia intelligenza.

    Solo un popolo lobotomizzato da tv e social non riesce a vedere che siamo ormai vittime di uno stato autoritario, senza più sovranità e destinato al dissolvimento prossimo venturo.(ma non troppo lontano).

    Quello che ha fatto questo esecutivo è stato un restringimento delle libertà civili come mai si era visto al mondo, visto che in cina il lockdown è stato per una provincia, in Italia per l’intero paese. Un esperimento biopolitico totalitario unico al mondo. Del resto noi siamo gli inventori del fascismo. Hitler e Stalin sono venuti dopo Mussolini. Siamo nella tradizione.

    E noi siamo l’UNICO paese al mondo totalmente chiuso. La fFrancia, quello che più si avvicina. lo è solo parzialmente e così la Spagna. MA nessuno come noi. https://www.wumingfoundation.com/giap/2020/03/modello-italia-coronavirus/

     Nessuno minaccia della galera chi esce di casa. Nessuno stato occidentale proibisce di camminare da soli nel parco. E nessun paese occidentale denuncia i professori e i siti web come qui! Questo è totalitarismo di politici degenerati.

    Negli USA al momento si registra il più alto numero di positivi al mondo e vittime tra le più numerose https://www.wumingfoundation.com/giap/2020/03/modello-italia-coronavirus/ eppure è tutto aperto, ripeto. Negli USA ora è tutto aperto e funzionante! Persino a New York, epicentro dei contagi , non vi sono misure draconiane come in Italia. La verità è che questi dilettanti allo sbaraglio grillini sono incapaci. Del resto nessuno può predire con certezza cosa farà il virus. Quindi stanno smantellando la democrazia per cosa? Non lo sanno nemmeno loro con certezza.

    La quarantena o è totale oppure non serve: cosa facciamo: chiudiamo il mondo? Blocchiamo il traffico aereo? Stoppiamo la logistica? Perchè, a livello globale o fai così oppure non serve a niente. Ma come fanno questi inetti a non capirlo? Ma a loro non gliene frega niente. Gli basta giocare all’uomo forte e salire nei sondaggi e buttare nel cesso la democrazia!

    Quel che è certo è che siamo diventati uno stato di polizia con un popolo agli arresti domiciliari.

    Questa è una epidemia di follia. Quando la situazione esploderà lo capirà anche il popolo ora in letargo. MA anche per farci capire cosa furono nazismo e fascismo c’è voluta la guerra. sic


  • paolo (---.---.---.49) 29 marzo 17:22

    Che tutto si risolvesse in "che questi dilettanti allo sbaraglio grillini sono incapaci " direi che era del tutto scontato. A breve non mi sorprenderebbe neppure che Conte venisse accusato di avere utilizzato il virus per fini politici oscuri. Lei comunque già ci è andato molto vicino.

    Il giudizio su questo governo, o "cricca" come lo definisce, che starebbe attuando uno shippo della democrazia per instaurare un regime autoritario, ovviamente non lo condivido ma ognuno è libero di pensarla come crede. Persino un uomo di scienza come il dott. Montanari, esperto in patologie derivanti da nano particelle, sostiene che è tutta una manfrina per poi produrre un vaccino e farci sopra un colossale business. Quindi lei mi sembra in buona compagnia.

    Tuttavia quello che non torna nel suo ragionamento è il fatto che tutti i paesi colpiti dal Covid-19, stanno mettendo in pratica le nostre stesse misure, ovviamente in ragione progressiva a seconda dell’estendersi dell’epidemia. Esattamente come abbiamo fatto noi, si comincia in maniera soft, sperando che passi, per poi assumere iniziative sempre più restrittive secondo la gravità della situazione. Tutti incompetenti grillini ? . Lei, se ho ben compreso, in pratica condivide la posizione iniziale assunta sia da Trump che da Johnson, ovvero che "tutto va ben madama la marchesa". Peccato che sia il biondo finto che il biondo vero hanno poi fatto una clamorosa e vergognosa retromarcia man mano che i morti aumentavano. In Italia, a parte Salvini che è un caso a se, chi la pensa come lei, nel senso di riaprire tutto e al più presto, è un certo Matteo Renzi. Peccato però che nessuno di questi signori che ho citato, ovviamente a mio giudizio, goda di molta credibilità.

    Comunque, siccome nessuno ha la palla di cristallo, saranno i prossimi eventi a dire se ha ragione lei oppure questa accozzaglia di politici capitati al governo del paese " con una manovra di palazzo". Dove per "palazzo" si intende il Parlamento e fermo restando che sarei curioso di sapere quale governo precedente è stato eletto direttamente dal popolo. Me ne citi uno, please.

    saluto



  • Andrea Flores Andrea Flores (---.---.---.230) 29 marzo 18:20

    Nessuno si aspettava che i 5S si alleassero col vituperato PD per non andare a elezioni, questo intendevo con manovra di palazzo.

    L’involuzione autoritaria italiana ed occidentale, anche se lei non la vede è evidente: da berlusconi a Trump, passando per orban, Macron, Erdogan etc lager pe r gli immigrati, repressione cilena in val Susa, criminalizzazione del dissenso, ritorno del neo nazismo, governo che legifera per decreto senza parlamento, soldati per strada, professori dissidenti denunciati...mancano solo i rastrellamenti e le fucilazioni sommarie ma siamo sulla strada buona...

    comunque le crisi, specie quelle cosi mediatizzate, non nascono mai per caso. Sono sempre funzionali al potere. Politico o finanziario http://effimera.org/il-lavoro-ai-domiciliari-di-giorgio-moroni/ chi lo sa? Tutto meno che una pandemia biblica come pretenderebbero i media. La saluto


  • paolo (---.---.---.49) 29 marzo 19:15

    Guardi Flores, sul fatto che a livello globale spiri un vento di destra autoritaria sono perfettamente d’accordo. E questo è anche il risultato dei fallimenti delle sinistre quando hanno governato.

    Non sono daccordo sui lager per gli immigrati, almeno nel nostro paese, la repressione cilena in Val di Susa ( anche se sono un No Tav), il ritorno al neonazismo, che mi sembra più nel libro dei sogni di ipodotati che una probabilità reale, governo che legifera per decreto, esattamente come tutti quelli che lo hanno preceduto per un difetto nel meccanismo istituzionale, non ho mai visto soldati per le strade se non ora per l’emergenza e in alcune zone e quindi ben vengano, professori dissidenti denunciati (?!), precisare cosa si intende per "dissidenza",..... per non dire del seguito che mi sembra francamente improponibile.

    Anche se, qualora il paese non riuscisse ad uscire in un tempo ragionevole da questa situazione emergenziale, indubbiamente la tenuta sociale sarebbe a rischio. 

    Lei mi sembra sostanzialemente un pessimista con tendenza alla percezione complottistica su ogni cosa. E’ vero che viviamo in un mondo sporco ma insomma.....

    Comunque dialogo interessante.

    saluto


  • Enzo Salvà Enzo Salvà (---.---.---.64) 30 marzo 11:24

    La state buttando in partitica ed ideologia, non va bene, io nel mio commento l’ho fatto forse troppo delicatamente notare,

    facciamo così: a qualcuno interessano 10.000 morti che senza distanziamento sociale sarebbero stati molti di più? (senza tener conto di quelli che certamente, confermato dai sanitari, non sono nel conto e non si sa quanti siano?)

    leggo che negli USA non è chiuso nulla, e non è vero, sono partiti da una posizione ideologica ed individualista del tipo chi se ne frega, adesso Trump dice che con 100mila morti sarà un successo, nel frattempo la Fiera dell’Auto di Detroit chiude e diventa ospedale, Central Park pure, Non ci sono restrizioni ma inviti … e funzionano, a quanto pare, assieme ai negozi di armi. (proprio una bella civiltà)

    In GB il buon Johnson corre ai ripari, NHS (il sistema sanitario inglese) è nel panico più totale, non ci sono restrizioni ma inviti …. che pare funzionino

    In Germania il lockdown è già avanzato, ci sono regole chiare di distanziamento sociale, gli ospedali sono attrezzati, il personale c’è, i piani predisposti per questo tipo di epidemie dal Robert Koch Institut Istituto deputato dai Governi tedeschi a questo scopo, non erano solo carta ma pronti in tutto per essere applicati, i problemi economici sono enormi, però si risponde a tutto con calma e ad una regola scientifica: oggi non c’è altra arma contro l’epidemia che il distanziamento sociale oppure si deve accettare una possibile ecatombe: i tedeschi, che non sono proprio scemi, hanno risposto, non servono particolari controlli, (che pure ci sono)

    Ai fantastici italiani, se chiedi prudenza, viene in mente per prima cosa: come faccio a fare fessi tutti e a dimostrarmi più furbo? Salvo poi piangersi sulle scarpe perché ci si ammala e non c’è qualcuno pronto a salvarti, ed allora ecco pronti

    I FENOMENI,

    che per quattro militari in strada a salvarci la salute dalla nostra stessa cretinaggine e maleducazione diventano servizio allo Stato Autoritario, come se lo Stato autoritario non fosse stato richiesto dalla maggioranza degli italiani contro l’invasione africana. Pensateci, fenomeni, forze militari contro poveracci allo stremo delle forze…. Fan culo.

    Ma, fenomeni, lo vedete cosa abbiamo fatto al nostro Welfare State? Lo vedete cosa abbiamo fatto alla nostra Sanità, alla nostra Scuola, ai nostri Territori ed Ambiente? Vi viene mai in mente di considerare che DOPO, forse sarà il caso di cercare e trovare il senno perduto? Vi rendete conto che operai e personale dipendente in generale sono persone e che in questo cazzo di Paese persino le normali norme di sicurezza sono disattese e fonte di disprezzo?

    Ma cazzo, cosa avete nella zucca? Ci stiamo prendendo una tranvata pazzesca, siamo a casa a non fare un tubo, voi, io no devo lavorare anche se con quello che fatturo non ci pago nemmeno la luce ,ed invece di pensare al casino che abbiamo fatto e ad essere propositivi per il futuro siamo a polemiche da……. Non lo dico, Flores poi pensa che offenda lui personalmente.

    Noi abbiamo più di 70 sigle partitiche, forse sbaglio, che si presentano alla elezioni, fanno la loro campagna elettorale, quello che ne esce è una maggioranza di eletti dal popolo, il quale popolo tornerà a votare, prima o poi, per giudicare il lavoro fatto e raccogliere le promesse per il futuro e decidere (magari mettendosi una mano in tasca a vedere quanto soldi ci sono, ricordando se i servizi sono stati buoni e se precedenti promesse sono state mantenute) ……… questa è una parte sostanziale della democrazia ……… mettetevi in testa che dare la colpa a ….. i poteri forti, gli gnomi, le banche, i cazzi e mazzi non serve a niente …………….. se noi stessi siamo degli ignavi,

    Ma adesso ci sono i morti …..!

    Un Saluto (e scusate lo sfogo e gli errori)

    Es.


  • Andrea Flores Andrea Flores (---.---.---.230) 30 marzo 12:38

    Buongiorno Enzo e grazie del suo ulteriore intervento. Non si preoccupi io non mi offendo, al contrario mi fa piacere lo scmbio di idee, che resta il solo modo per provare a capire le cose. Semmai ci riusciamo.

    Lo sa che in italia ogni giorno, per normali malattie o per l’età, muoiono circa 1700 persone? molti per alcol o tabacco, ma non se ne sente mai parlare. Come mai?

    Forse perchè a qualcuno interessa il potere, non la nostra salute. Altrimenti perchè l’avrebbero smantellata col neoliberismo?

    Questa pandemia esiste solo sui mainstream che stanno operando un vero e proprio lavaggio del cervello di massa, scatenando panico e paura. Serve per il controllo sociale. E’ il nemico perfetto per una eterna emergenza. Forse per cambiare paradigma economico. Forse per testare nuove forme di biopolitica. O più semplicemente un governo di burro ha trovato il modo di diventare "forte" e farsi obbedire più facilmente. https://unpolloareazione.tumblr.com/post/134397897158/sono-spiazzanti-il-cinismo-e-lattualit%C3%A0-di E’ cos’ da sempre.

    Ma non si è mai visto bloccare un paese per un numero di vittime così esiguo. Mai in nessuna parte del mondo o epoca storica.

    Ripeto: nemmeno i nazisti hanno vietato le passeggiate nei parchi. Qui siamo alla biopolitica totalitaria. Come fate a non capire?

    Un saluto


  • paolo (---.---.---.49) 30 marzo 14:23

    E no Enzo, se contestare punto per punto l’approccio sulla vicenda virus di Flores che, come da primo mio intervento ritengo totalmente fuori tema e proprio per le ragioni che anche tu richiami, significa buttarla in politica allora non ci siamo proprio capiti.

    Fermo restando che comunque è proprio la politica che sta gestendo l’emergenza sia sanitaria che economica. Non vedo al momento altri soggetti, se non gli organismi di controllo sanitario che indirizzano le scelte e le priorità. 


    • Enzo Salvà Enzo Salvà (---.---.---.64) 31 marzo 10:41

      No Paolo, non ho scritto politica ma partitica, fazioni, e ideologia, che però era riferita a Flores, ideologia nel senso negativo del termine.

      La Politica -gestione della polis- al momento preferisco lasciarla da parte, se ne parlerà a lungo dopo, diciamo che questa è una emergenza, non proprio di quelle italiane che durano 30 anni, da affrontare e basta. Ci sarà tempo per capire se e come è stata affrontata. 

      Un Saluto

      Es


  • Andrea Flores Andrea Flores (---.---.---.230) 30 marzo 16:30

    Non è sanità. E’ politica. Lo stato di emergenza è una scelta puramente politica. Il pretesto è sanitario. E’ già successo nella storia anche molto recentehttp://www.latelanera.com/vite-estreme/personaggio.asp?id=255

    Il nazismo, in fondo, non era altro che biopolitica anzi, politica biologica, come direbbe Lifton. Dal darwinismo sociale all’eugenetica (per salvare la razza dalla catastrofe) al programma T4. Ad auschwitz.

    E’ un sentiero che conosciamo bene. Ma ce ne dimentichiamo. Quindi rischiamo di ripeterlo


Lasciare un commento