mercoledì 9 giugno - Riccardo Noury - Amnesty International

Colombia, bilancio tragico dopo un mese di proteste

Quarantatré persone uccise, 1445 arrestate arbitrariamente, 47 ferite agli occhi e 22 sottoposte a violenza sessuale. Sono questi i dati diffusi dalle organizzazioni per i diritti umani della Colombia al termine di un mese di manifestazioni.

Solo a Cali, epicentro delle proteste, dal 28 maggio sono stati uccisi 14 manifestanti e ne sono stati feriti 98.

Di fronte alla risposta militarizzata del governo Duque al malcontento diffuso in tutta la Colombia, l’Organizzazione degli stati americani tace. La Commissione interamericana per i diritti umani è ancora in attesa dell’autorizzazione, da parte del governo colombiano, a effettuare una visita nel paese.

Amnesty International ha sollecitato l’Organizzazione degli stati americani a interrompere il silenzio di fronte a una gravissima crisi dei diritti umani che dovrebbe essere affrontata dal principale organismo continentale col massimo dell’azione politica.

 




Lasciare un commento