pv21 (---.---.---.13) 12 agosto 19:27

PARASCHIZZI >

Stando alla frase “virgolettata” del Sen Esposito si può solo dire che è un modo “sbrigativo” e criptico di esprimere la sostanza di un concetto. Quella di un gigantesco fenomeno epocale tanto complesso quanto difficile da gestire e da governare.

Nel merito.

E’ appurato  che talune ONG “vanno a caccia” di barconi stracarichi e fatiscenti pur di “imbarcare” vittime del traffico di esseri umani.

Come sembra che, per contenere i costi operativi, sia prevista la spola dei piccoli natanti con una stessa nave, di grossa stazza, incaricata di “portare in salvo” i diversi gruppi di migranti ricevuti.

Ciò detto.

Salvare vite umane “sempre e comunque” non è limitarsi "solo" ad integrare, facilitare e perfino implementare il business dei trafficanti.

QUESTO sottintende quel “pensano solo a salvare vite umane”. E’ un modo di “accodarsi” agli eventi che le ISTITUZIONI rappresentative di un paese “non possono permettersi”.


Altro punto.

CATALOGARE la suddetta frase come testimonianza del “darwinismo più feroce” e di un “pragmatismo della morte” è del tutto fuori luogo, se non aberrante.

DEDURNE, come atto predestinato, il “sacrificio umano” dei nostri concittadini più deboli, emarginati ed improduttivi è solo l’eredità di una obsoleta e “sediziosapropaganda ideologica.

Appare una ulteriore prova di come “approfittare” dei drammi della disperazione.


Meglio ripararsi da certi “schizzi” che scoprirsi contaminati dalla Pescitudine


Lasciare un commento