Damiano Mazzotti Damiano Mazzotti (---.---.---.91) 16 marzo 10:51

Lo strano aspetto giuridico della Germania federale, senza una nuova costituzione e con un territorio strapieno di basi militari americane mi ha sempre impressionato e quasi confuso. Ma le valutazioni geopolitiche di un certo Learco sono ancora più interessanti:

In Europa sono stabilmente stanziati oltre 66 mila militari statunitensi, dislocati in basi in una dozzina di Paesi, dalla Spagna alla Norvegia, dal Regno Unito alla Grecia. I principali Paesi che li ospitano sono la Germania (più di 35 mila in 194 installazioni) e l’Italia (circa 13 mila in una decina di strutture). Non è un caso che siano gli sconfitti della seconda guerra mondiale; dal Giappone all’Italia è prassi che l’America si conquisti sul campo il diritto di acquartierare truppe all’estero. Quindi, lo spazio europeo è già sotto il completo controllo angloamericano. Defender Europe 2020, in realtà, serve a includere il territorio a est di Berlino nella piena disponibilità strategica di Washington. Suo contraltare economico è l’Iniziativa dei Tre Mari, lautamente finanziata dagli americani per creare infrastrutture stradali, ferroviarie ed energetiche nei 12 membri centro-orientali dell’Ue – quindi per aiutarli a smarcarsi dalle dipendenze russo-tedesche e sigillarli dall’avanzata della Cina. Con le ultime esercitazioni gli USA stanno, inoltre, monitorando la libertà delle rotte atlantiche e le infrastrutture terrestri verso i confini con la Russia. Comunque, l’ipotesi di una specie di colpo di Stato ai danni della Merkel è più che probabile. Gli USA amano cambiare i politici servi prima che vengano travolti dagli eventi, vedi in passato lo Shah in Iran o Mubarak in Egitto e tanti altri. Non bisogna dimenticare che la Merkel appartiene ad un’antica famiglia ebraica di origine polacca, i Kazimierczak, che hanno cambiato cognome in Kasner quando si sono spostati in area tedesca, "convertendosi" in seguito alla religione evangelica per potersi muovere meglio tra le due Germanie durante la Guerra Fredda. Angela è un classico asset sionista-americano che ha servito fedelmente i suoi padroni, non tanto la Germania, per decenni. https://www.amazon.it/Angel... La Merkel è stata piazzata dagli anglo-sionisti al vertice della Germania, dopo una serie di scandali che hanno travolto i suoi avversari, per impedire l’avvicinamento della potenza economica tedesca alla Russia. Ha perso ultimamente la fiducia dei suoi creatori perchè non è riuscita ad impedire con le buone, cioè agendo a livello politico, la realizzazione del North Stream 2, costringendo di conseguenza gli USA ad intervenire con sanzioni e minacce per cercare di bloccare il progetto. All’interno della classe dirigente tedesca esiste una forte componente filo-russa, soprattutto tra i grandi industriali, che, sulla questione dei rifornimenti energetici, ha avuto infine la meglio nei confronti della fazione filo-americana della Merkel, provocando le ire del centro imperiale statunitense.


Lasciare un commento

Per commentare registrati al sito