(---.---.---.147) 13 dicembre 2011 18:42

da Paolo Mazzanti.

Queste batterie hanno alcuni pregi notevoli, primo fra tutti per me di essere "verdi".
Mi chiedo però come gestirle al posto di una batteria classica al piombo di un’autovettura.
La necessità di operare ad oltre 270 gradi celsius obbliga ad attendere che un opportuno dispositivo la riscaldi, se non è in uso da alcune ore e quindi si è raffreddata; sarebbe quindi necessario attendere il riscaldamento prima di poter usare l’autovettura.
Inoltre i cicli di carica/scarica sono simili?
I vantaggi di un costo minore e di una capacità superiore per kg potrebbero essere vanificati dai due problemi che ho indicato.
Sarei lieto di ricevere da "minox" chiarimenti in proposito.


Lasciare un commento