mercoledì 3 agosto - Antonello Laiso

Viva l’Italia

Sembra che l'antipasto elettorale da qui a settembre sia di soli accordi, diktat,inciuci, patti scritti e chi ne ha più ne metta.

 Il come spartirsi la torta dei voti elettorali,chi sarà commensale per quella torta,chi siederà a capotavola, chi farà le fettine che non sempre saranno tutte uguali. I veri probemi seri del paese già identificati e con soluzione nella agenda Draghi sembrano accantonati, dimenticati se non fosse per lo stesso Draghi in carica ancora per fortuna fino a nuovo insediamento politico non prima di Ottobre.

L'esperienza ,il valore professionale, l'ammirazione dai partner Europei sembra non contare più niente, ora conta chi andrà a comandare ,con più voti . Un segnale di democrazia,di unità d'intenti quella che serve non per comandare ma per trainare la nave fuori le acque pericolose certamente non può essere quello che stiamo assistendo,ovvero malcontenti, fuoriusciti da partiti, ministri offesi,fin ultimo Grillo che minaccia di lasciare il partito. In che modo possiamo avere quella fiducia granitica che avevamo con Draghi?

Lontanissima direi ,impossibile In che modo possiamo sottostare a quella politica di un futuro se non vediamo che deve essere in primis per l'Italia e poi per i politici e i partiti? Difficile,la storia e l'ironia si mischiano in un tutto uno come una favola di Pirandello,ma noi non possiamo vivere di favole ,ne di inciuci ma di politici o non politici con quella giustezza ,quella capacità,quella esperienza di affrontare i problemi che esistono e risolverli. Una persona di larga esperienza e capacità anche non politica sarebbe l'ideale ,una figura neutrale e navigata,Draghi Era il massimo e l'abbiamo bruciato,c'è ne dovremo vergognare . Siamo uno dei paesi fondanti dell' Euro,lItalia è sempre stata ben vista politicamente salvo tornando molto indietro negli anni ,una parentesi che resta solo un brutto ricordo da cancellare a quel dileggio e risatine che abbiamo incassato mortifcati da tutta l'Europa e non solo.

Antonello Laiso




Lasciare un commento