sabato 20 maggio - Elena Ferro

Un libro onesto su Cuba

Qualche giorno fa ho ricevuto davvero una bella sorpresa. Il mio compagno, senza dirmi nulla, ha regalato a un suo collega di lavoro una copia della mia prima pubblicazione in assoluto, ormai risalente a più di dieci anni fa: Il Futuro di Cuba c'è!

Un diario scritto al ritorno dal mio secondo viaggio nell'isola caraibica nel lontano 2003, quando Cuba era un Paese in evidente fase di trasformazione e con Fidel Castro, leader indiscusso, ancora vivo.

Il movimento che c'era in quel'isola si percepiva chiaramente così come chiaramente si intuiva che tutto ciò avrebbe prodotto, le trasformazioni che oggi sono sotto gli occhi di tutti.

Mi colpì molto quel fervore, perciò decisi di raccontarlo.

Farlo mi è costato non solo la fatica di mettere nero su bianco e in una forma appetibile, corretta, un flusso di idee e pensieri, difficoltà che chiunque scriva conosce bene. Ma anche accettare l'idea che quel viaggio fisico è stato in realtà un viaggio dentro me stessa, dentro le mie convinzioni, le mie idee, le mie speranze.

Un viaggio che ha fatto chiarezza.

Ne è venuta fuori qualcosa che potremmo chiamare una storia, un diario di viaggio, una raccolta di esperienze e di racconti. Chi tra voi l'ha già letto sa di cosa parlo.

Per coloro che ancora non l'hanno conosciuto, forse potreste approfittare di questo momento per colmare la lacuna :)

Lo trovate su qualunque store on line. Questo è link che porta ad Amazon, Il futuro di Cuba c'è è un ebook che potete acquistare al prezzo di una sanissima spremuta di arancia :).

Da quando l'ho pubblicato ho ricevuto molti apprezzamenti, tanto che più tardi, quando ho ricominciato a scrivere, tutti si aspettavano qualcosa di simile. E invece.

Un amico libraio, al quale avevo fatto leggere il mio primo romanzo già pubblicato, Così passano le nuvole.

Quando lesse Il futuro di Cuba c'è, mi disse, senza mezzi termini:

Perché non pubblichi questo? É interessante, vero.

Lo considerai un complimento, ma lasciai perdere. Era già in formato ebook e non conoscevo ancora il servizio di pubblicazione cartacea dei self. Di certo non credevo che una casa editrice sarebbe mai stata interessata al mio lavoro, e di piccoli editori non ne volevo proprio più sapere.

Cosa ci trovo di speciale nell'ultima recensione

Ma torniamo alla nostra storia, al collega del mio compagno e al perché mi ha colpito molto. Dopo averlo letto, Ugo ha chiamato Carlos e gli ha detto che ne avrebbe prese altre copie. Non solo lo aveva letto, ma se ne era innamorato e, a quanto diceva, voleva regalarlo ai suoi amici.

Già questa è una soddisfazione gigantesca, ne converrete.

Quando qualcuno desidera regalare a coloro che ama qualcosa vuol dire che è davvero piaciuto e che rappresenta un valore che si vuole condividere.

Se quel qualcosa poi lo hai scritto tu, è ancora più piacevole, non c'è alcun dubbio.

Ma non era solo questo. Lessi avida il commento che il suo amico e collega gli aveva mandato. Un commento brevissimo eppure così significativo, intenso:

E' un libro onesto

Non so dirvi quanto mi abbia fatto piacere questa opinione. Scrivere di argomenti di cui parlano tutti in modo originale è una sfida difficile per un'autrice. Dare la propria opinione in modo franco e autentico su temi così delicati e al contempo di grande attualità è senza dubbio un salto nel buio, un rischio.

Ma come sostengo sempre, comunicare significa coraggio delle proprie idee.

L'onestà (immagino si riferisse a quella intellettuale) è esattamente ciò che dovremmo mettere in tutto ciò che facciamo, compresa la scrittura.

Sono davvero orgogliosa di questa piccola grande recensione. Il futuro di Cuba c'è è stato molto più di un viaggio, è stata una svolta.

Ora so qual'è la strada che voglio percorrere come autrice

E a voi, cosa fa venire in mente la definizione di "libro onesto"? Ne avete letto qualcuno?


Il futuro di Cuba c'èSe non avete ancora letto Il futuro di Cuba c'è è il momento di rimediare. Lo trovate in vendita su Amazon in formato ebook. Chissà, magari mi convincerò a pubblicare anche la versione cartacea.

Una cosa davvero bella che potete fare, e vale per qualunque libro o autore, è lasciare una recensione, un giudizio, un'opinione in proposito. Potete farlo sul sito in cui lo acquistate, ad esempio su Amazon o su un blog, nel caso in cui l'autore ne abbia uno. Guarda caso, è il mio caso :). Lo spazio più adeguato a lasciare una traccia del vostro giudizio sul diario è a questo link.

E' molto importante per chi scrive avere un ritorno da parte del lettore. Serve anche a chi guarda distratto tra le vetrine virtuali dei libri su Amazon o su altri book store. Una buona recensione è un valido aiuto e suggerimento all'acquisto, non è vero, Nadia? A proposito, grazie 

Se un libro vi piace, prendetevi cura di lui.

 




Lasciare un commento