martedì 11 gennaio - Pressenza - International Press Agency

“Ubuntu, Io sono perchè noi siamo”, il documentario sociale indipendente di respiro internazionale

“Ubuntu. Io sono perché noi siamo” è un documentario indipendente che racconta una storia di accoglienza e integrazione messa in pratica tra il 2018 ed il 2019 da un gruppo di abitanti di un piccolo paese in provincia di Firenze, Poggio alla Croce.

di Matteo Morandini

(Foto di Ubuntu. Io sono perché noi siamo)

Una narrazione incentrata sull’umanità dei protagonisti, gente comune spinta soltanto dalla voglia di aiutare lo “straniero” – e in quanto tale “diverso” e per alcuni un vero e proprio nemico – che grazie a questa contaminazione si è di fatto avventurata su un percorso di cambiamento e di scoperta di nuovi scenari nella propria vita.

Uscito un minuto prima della pandemia, ad inizio 2020, Ubuntu è rimasto in un cassetto per alcuni mesi, finché l’incontro con Pressenza ha permesso di farlo conoscere a un pubblico ben più vasto di quello della comunità locale interessata dagli eventi.

Il 16 agosto è stato infatti trasmesso da Tv 2000, che successivamente lo ha diffuso anche attraverso il proprio canale YouTube, e da quel momento è iniziata una collaborazione tra gli autori (Matteo Morandini, Giacomo Amalfitano e Daniele Palmi), l’ideatore del Laboratorio aperto di cittadinanza attiva di Poggio alla Croce, Andreas Formiconi, e Pressenza, che ha portato alla sottotitolazione del documentario nelle principali lingue del mondo per facilitarne una sua più ampia diffusione a livello internazionale.

Un vero lavoro di squadra realizzato grazie al servizio web Amara, un laboratorio di sottotitolazione collaborativa che ha già permesso di pubblicare, nella sezione dedicata ai documentari di Pressenza e sul canale YouTube dedicato al documentario Ubuntu. Io sono perché noi siamo le versioni sottotitolate in inglese, francese, spagnolo e naturalmente in italiano.

Uno degli obiettivi che ci siamo dati fin dall’inizio è stato quello di raccontare una storia che, narrando di vicende locali, contenesse un messaggio universale. Il punto di partenza è stato il concetto di “ubuntu”, filosofia africana efficacemente spiegata da Nelson Mandela: “il senso profondo dell’essere umani solo attraverso l’umanità degli altri; se concluderemo qualcosa al mondo sarà grazie al lavoro e alla realizzazione degli altri”.

In questa vicenda “ubuntu” si è manifestato in maniera palese, tanto che poi è venuto spontaneo utilizzarlo come titolo del documentario. Lo abbiamo ritrovato in una doppia valenza: quella riferita al sistema operativo dell’universo Linux, che ha permesso di rigenerare i vecchi computer buttati dagli abitanti di Poggio alla Croce per farne strumenti didattici a disposizione dei migranti; quella metaforica, riferita ad una comunità locale rigenerata, a livello collettivo e personale, dall’arrivo dei migranti.

La sfida è stata proprio quella di raccontare come la presenza dei migranti in una comunità abbia dato il via ad una serie di eventi che hanno tirato fuori il meglio (ma anche il peggio) dalle persone. E di mostrare come in queste situazioni spesso i “deboli“ siamo noi, con le nostre paure, con le nostre barriere, con la pancia che soverchia il cuore. Per alcuni c’è stato un percorso di grande cambiamento e di scoperta di nuovi scenari nella propria vita, un percorso vero di rigenerazione umana.

La sensibilità di Pressenza per questi temi e l’interesse mostrato per la nostra storia ha permesso di dare ad “Ubuntu. Io sono perché noi siamo” la visibilità che, crediamo, meriti.

Qui di seguito, in fondo al catalogo dei documentari di Pressenza, troverete le versioni del documentario sottotitolate nelle principali lingue:

Italiano -> https://www.pressenza.com/it/catalogo-dei-documentari/

Inglese -> https://www.pressenza.com/documentaries-catalogue/

Spagnolo -> https://www.pressenza.com/es/catalogo-de-documentales/

Francese -> https://www.pressenza.com/fr/catalogue-de-documentaires/

Pagina Facebook di “Ubuntu. Io sono perché noi siamo”

Questo il trailer del documentario sociale “Ubuntu. Io sono perché noi siamo”




Lasciare un commento