venerdì 12 aprile - Gregorio Scribano

Suviana: dolore e rabbia, ma mai rassegnazione per le morti bianche

Ennesima strage sul lavoro, gente come noi che si alza tutte le mattine per andare a lavorare ma che poi non torna mai più a casa: tre morti, cinque feriti gravi e quattro dispersi. 

E’ questo il tragico bilancio, ancora provvisorio, dell’esplosione avvenuta ieri nella centrale di Bargi nei pressi del lago di Suviana, nel bolognese. Ad esplodere e provocare l’incidente sarebbe stata una turbina durante la messa in opera di adeguamenti della centrale.

Decine i vigili del fuoco impegnati nelle complesse operazioni di ricerca dei quattro dispersi: dal pomeriggio di ieri squadre ordinarie e sommozzatori in azione all’interno della struttura mentre piloti nella notte hanno effettuato una ricognizione in elicottero sull’area delle operazioni.
 

E poi le solite parole di circostanza da parte di chi invece dovrebbe mettere in sicurezza il lavoro e i lavoratori.

Il rischio di morire sul posto di lavoro oggi appare ovunque, anche nei contesti tecnologicamente più avanzati e sofisticati che nell’era moderna dei computer e dell’intelligenza artificiale immaginiamo protetti da sistemi di controllo supertecnologici atti ad evitare le tragiche conseguenze di un mal funzionamento di un macchinario o di un errore umano. Conseguenze tragiche che si traducono innanzitutto in termini di perdita di vite umane.

Istituzioni, politica, sindacato, impresa e responsabili dell’organizzazione del lavoro e della sicurezza non possono considerare inevitabili certi incidenti.

E noi cittadini, noi lavoratori non dobbiamo rassegnarci allo stillicidio delle morti sul lavoro, non dobbiamo dare per scontato che morire di lavoro sia una fatalità, una disgrazia che può capitare e che deve essere messa comunque in preventivo soprattutto per ‘certi lavori’.

Non possiamo e non dobbiamo accettare che un lavoratore che esce di casa per andare a lavorare possa solo sperare di tornarci vivo e sano.

Il rischio, l’incidente, la cosiddetta ‘disgrazia’ non può essere totalmente azzerata, ma si può e si deve lavorare, si può e si devono investire risorse per ridurre e prevenire i rischi nei vari luoghi e tipologie di lavoro: formazione, orari di lavoro, sistemi di sicurezza e di controllo che vanno continuamente monitorati, sottoposti a verifica ed aggiornamento.

Tutto questo ha logicamente un costo in termini di tempo e di risorse sia economiche che di capitale umano. Ma la vita, la salute e il benessere di chi lavora per portare a casa la pagnotta, non ha prezzo.

Un prezzo che purtroppo ancora oggi dopo l’ennesima strage è troppo alto: un prezzo che i lavoratori pagano con la loro vita!




Lasciare un commento