lunedì 4 gennaio - Giuseppe Aragno

Sugli auguri

Non è – non è mai stato – un numero che cambia sul foglio di un calendario a modificare la direzione del treno della vita e della storia. A me pare anzi che da qualche tempo salutiamo anni che nascono e muoiono solo apparentemente, mentre tutto è come fermo al terribile 1984 immaginato da Orwell.

Anch’io come tanti sono disperato, ma mi pare di ricordare che negli anni della mia giovinezza, Marcuse ci spingeva a riflettere su un dato essenziale: non abbiamo a che fare con barbari che premono ai confini dell’impero, ma con una crisi di civiltà in un tempo feroce, che produce disperati e disperazione ben dentro i suoi confini, nel cuore pulsante delle metropoli marce e riottose, tra quelli che un tempo orgogliosamente dichiaravano «civis romanus sum» e oggi sono un corpo disgregato e putrescente. È la civiltà che interrompe se stessa e il suo corso. In questo degrado viene in mente ciò che Walter Benjamin ebbe a scrivere all’alba del fascismo: la sola, possibile speranza di futuro viene dai disperati.

Forse ha ragione chi dice che «farsi gli auguri», come l’anno scorso, non avrebbe senso. È vero anche però che, per sperare almeno nei disperati, occorre conservare una qualche fede nelle risorse di una umanità disperata. Ecco perché a me pare giusto e persino doveroso augurare almeno questo a tutti noi: che riusciamo a difendere la speranza. Che, come antiche Vestali, nei giorni che verranno noi sapremo far si che, sotto le ceneri della barbarie, il sacro fuoco della civiltà non si spenga.




Lasciare un commento