martedì 22 ottobre - YouTrend

Sondaggi politici: PD e M5S appaiati

È ancora presto per vedere i risultati del dibattito Salvini-Renzi, ma Italia Viva è l’unico partito in crescita fra i primi sei

Una nuova settimana di sondaggi è arrivata, e la Supermedia non dice bene ai partiti del governo giallorosso alle prese con la manovra. Fra i partiti che sostengono l’esecutivo, infatti, solo Italia Viva cresce rispetto al dato di due settimane fa, mentre PD e M5S restano sotto quota 20%. Potrebbe essere un risultato del dibattito fra Renzi e Salvini di martedì sera? Probabilmente no, visto che fra la messa in onda e l’elaborazione dei sondaggi per la Supermedia sono passate appena 36 ore, non abbastanza per far emergere dei trend consistenti.

Settimana statica, invece, per il centrodestra, con FI e FDI immobili ai livelli di inizio ottobre. Ma vediamo i dati nel dettaglio.

La Supermedia dei sondaggi

La Lega si conferma nettamente primo partito al 31,6%, pur perdendo un paio di decimali. Va peggio al PD (-0,5%, scende al 19,6%) e al Movimento 5 Stelle (19,5%, -0,3%), che fanno segnare un record storico. Infatti era addirittura da maggio 2012, quando il Movimento non era ancora in Parlamento e valeva poco più del 10%, che la somma dei due partiti non scendeva così in basso (39,1%). Certo, bisogna notare che all’epoca il PD era ancora “intero”, e non aveva subito alcune significative scissioni. Da allora sono usciti dal partito, in ordine cronologico, Possibile di Pippo Civati, Articolo 1 di Bersani, D’Alema e Speranza e infine Italia Viva di Renzi.

Come dicevamo, gli altri partiti del centrodestra sono stabili (FdI al 7,8%, FI al 6,6%), mentre nel centrosinistra si notano segnali contrastanti. Da un lato la crescita di Italia Viva (4,6%, +0,3%) consolida il partito di Renzi al sicuro dalla soglia di sbarramento. Dall’altro continua il trend negativo di +Europa, ormai stabilmente sotto il 2% (1,7%, -0,4%).

Supermedia dei sondaggi politici: le liste e i partiti

Guardando le coalizioni delle ultime Politiche, si nota una sostanziale stabilità rispetto a due settimane fa, con lievi flessioni per centrosinistra, centrodestra e Movimento 5 Stelle. Il centrodestra, comunque, resta nettamente in testa sopra il 47%: in caso di voto anticipato, senza una coalizione giallorossa non ci sarebbe partita.

Supermedia dei sondaggi politici: le coalizioni del 2018

Considerando invece il caso della maggioranza giallorossa unita, vediamo che è sempre molto vicina al centrodestra. Se i partiti a sostegno a sostegno del Conte Bis hanno perso lo 0,6% in due settimane, infatti, il centrodestra è calato dello 0,5%. Il distacco si mantiene intorno a un punto percentuale, come nelle nostre simulazioni elettorali con il Rosatellum.

Supermedia dei sondaggi politici: maggioranza e opposizioni

[Leggi l’analisi completa su Agi]

[Tutti i sondaggi del 2019 e media mobile]




Lasciare un commento