sabato 27 aprile - mario rossi

Scopa elettrica: l’elettrodomestico per eccellenza per le pulizie di casa

La scopa elettrica è sicuramente uno degli elettrodomestici di cui è bene poter disporre per effettuare le pulizie quotidiane di casa. Infatti, si tratta di un apparecchio pratico e maneggevole, in grado di aspirare con precisione la polvere e lo sporco che ogni giorno si accumulano sui pavimenti domestici.

In questo modo, infatti, è possibile dire addio, non solo alla scopa tradizionale, che porta parte delle particelle di polvere a sollevarsi in aria ed a ricadere sulle superfici, ma anche alla paletta, per usare la quale è necessario doversi piegare e respirare parte dello sporco raccolto.

Tuttavia, in commercio è possibile trovare una vasta gamma di modelli e marchi, ognuno dotato di differenti caratteristiche, che è bene conoscere prima dell'acquisto, in modo da non commettere errori. Vista la vastità delle proposte è facile, infatti, non sapere come orientarsi. Pensi di aver individuato la scopa elettrica Dyson che fa al caso tuo? Per esserne sicuro valuta con attenzione la scheda tecnica del prodotto e pensa a dover poterla riporre.

L'importanza di leggere la scheda tecnica della scopa elettrica

Le scope elettriche, esattamente come gli altri elettrodomestici disponibili sul mercato, sono dotate di scheda tecnica, che deve essere valutata con attenzione, in modo da individuare la più adatta alle proprie necessità e non doversene pentire in fase di utilizzo. Di norma, viene riportata la marca ed il modello, la modalità di raccolta dello sporco (con o senza sacco), la capacità del raccoglitore espressa in litri, il numero e la tipologia di spazzole.

Inoltre, vengono indicate le dimensioni (aperta e chiusa, se pieghevole o smontabile): più sono contenute, più la scopa elettrica risulterà maneggevole e facile da riporre. Non va dimenticata, poi, la potenza di aspirazione, che è espressa in watt: più è elevata, meglio verranno pulite le superfici domestiche.

Se presente, viene indicata anche la lunghezza del cavo, mentre è sempre riportato il peso, in quanto è importante che l'apparecchio sia leggero, in modo da poterlo manovrare ed utilizzare senza fare troppa fatica. Infine, vengono riportati gli accessori in dotazione (spazzole per superfici speciali o per peli di animali domestici, ecc.), i filtri (Hepa, Air Clean, ecc.) ed il tipo di alimentazione (con o senza filo).

Dove riporre la scopa elettrica dopo l'utilizzo

Come capita spesso nel caso delle scopa tradizionale, trovare un posto in cui riporre quella elettrica non è sempre facile, soprattutto se non si dispone di una casa ampia. Se l'apparecchio è dotato di un foro nel manico, può essere tranquillamente appeso al muro di uno sgabuzzino o all'interno di un armadio adibito a ripostiglio. L'importante, in questo caso, è scegliere una vite efficiente e controllare la resistenza della parete nella quale si colloca il chiodo, in modo da evitare spiacevoli sorprese.

Nel caso in cui, invece, non sia presente alcun tipo di foro, è possibile riporre la scopa elettrica nel ripostiglio. Per evitare ingombri è meglio scegliere un dispositivo in grado di stare in piedi in maniera autonoma. In assenza di un luogo in cui posizionare comodamente l'apparecchio, si consiglia di puntare a soluzioni colorate e di design, così da poterle lasciare in vista, senza doversene vergognare.




Lasciare un commento