mercoledì 11 luglio - Marcello Zuinisi

Roma: ancora abusi contro bambini e famiglie Rom, Sinti e Caminanti

CAMPING RIVER, ROMA, ITALIA: ANCORA ABUSI DI STATO CONTRO BAMBINI E FAMIGLIE ROM SINTI CAMINANTI

PNG - 1.2 Mb
CAMPING RIVER: ROM SINTI CAMINANTI CHIEDONO SOCCORSO ALLA PROTEZIONE CIVILE

La mattina dell'11 luglio 2018, la Polizia Municipale di Roma Capitale, su ordine dell'Ufficio Speciale Rom Sinti Caminanti (RSC) diretto da Michela Micheli e dal Sindaco Virginia Raggi si è nuovamente presentata nel Camping River ed ha iniziato a prelevare i moduli abitativi dove abitavano famiglie con bambini, donne ed uomini.

JPEG - 85 Kb
Gordana, madre di 11 figli ed il piccolo coniglio "Bianca" manifestano contro il razzismo, il nazismo ed il facismo
 
Per ogni modulo abitativo prelevato o distrutto Roma Capitale, secondo i dati assunti dall'Associazione Nazione Rom (ANR), spende 8.000 euro. Sono 65 le famiglie RSC alle quali è stato distrutto, sigilliato e portato via il modulo abitativo nel quale vivevano. Costo complessivo dell'operazione 520.000 euro di denaro pubblico. Sono 65 le famiglie che dormono in strada da quando sono iniziate le operazioni di Roma Capitale: l'Ufficio Speciale RSC non ha offerto nessuna alternativa alle famiglie se non quella che prevedesse la separazione delle stesse, la separazione dei padri dai figli, la separazione dei mariti dalle moglie.
 

L'Ufficio RSC sta agendo fuori da ogni legalità democratica, non ha mai predisposto piani di inclusione e di fuoriuscita delle famiglie dal Camping River come previsto dalla delibera n. 70, emanata dalla stessa Giunta Capitolina, il 17 aprile 2018, non ha mai risposto alle "diffide ad agire" protocollate da 39 famiglie del Camping River a Roma Capitale. Il 26 giugno 2018 l'Associazione Nazione Rom (ANR), su mandato delle stesse 39 famiglie, ha presentato un RICORSO STRAORDINARIO URGENTE alla Prefettura di Roma.

PNG - 288.9 Kb
ROM SINTI CAMINANTI IN LOTTA CONTRO GLI ABUSI DI STATO AL CAMPING RIVER

Con esso di chiede la "sospensione degli atti emessi da Roma Capitale e la convocazione di un tavolo tra le parti". Il 5 luglio, è stato protocollato alla Prefettura di Roma ed al Ministro Matteo Salvini la richiesta di INVIO DI UNITA' DI PROTEZIONE CIVILE CON CARATTERE DI URGENZA al fine di soccorrere le famiglie RSC del Camping River private di case, acqua, servizi igienici, energia elettrica. Ad oggi la Prefettura di Roma non hanno ancora risposto alle legittime istanze presentate, permettendo, nei fatti, all'Ufficio Speciale RSC, di continuare l'opera di devastazione della vita dei bambini, delle donne e degli uomini residenti c/o il Camping River. Solo il 9 luglio 2018, l'ennesima manifestazione di protesta dei RSC del Camping River, autorizzata dalla Questura, per continuare a chiedere INTERVENTO DI PROTEZIONE CIVILE.

 
Denunciamo infine che le autorità italiane permettono ad organizzazioni apertamente Naziste, Fasciste e Razziste di manifestare nei pressi del Camping River: i responsabili di CasaPound sono stati denunciati, il 26 aprile 2018, alla Procura della Repubblica c/o il Tribunale di Roma, per molteplici e gravissime minacce di morte rivolte contro bambini, donne ed uomini. Queste le frasi e le parole da loro usate: "prima va bonificato con il fuoco, quando le persone sono ancora dentro e poi.. vanno fatte sgomberare.. LE CENERI!" "lanciafiamme"  "a sprangate"  "al rogo"  "napalm"  "ruspe radere al suolo e disinfettare"  "una bomba a mano e la questione è risolta"  "vanno eliminati tutti insieme a quelli che li difendono"  "olio di ricino e manganello"  "in un paese normale gli zingari non dovrebbero manco respirare"  "daje camerati"  "magari bruciassero tutti"  "un bel lanciafiamme cosi diamo una bella manifestazione"  "un bel treno li carichi tutti e via all'inferno"  "ruspe, manganello ed asfalto"  "basta un fiammifero"  "forever napalm".
 
Chiediamo con urgenza alla Commissione Europea, al Commissario alla Giustizia Vera Jourova di intervenire sulle autorità di Roma Capitale e del Governo italiano al fine di difendere la legalità democratica e la Carta dei Diritti Fondamentali dell'Unione Europea.
 
ufficio stampa e comunicazione
Associazione Nazione Rom
tel +39 3281962409



Lasciare un commento