sabato 21 gennaio - francesco latteri

Roma, a S. Sebastiano si festaggia il 60° internazionale dei VV.UU

E' dal 1957 che, il 20 gennaio, la celebrazione della solennità di San Sebastiano martire presso l'omonima Basilica nella circoscrizione del Municipio Roma VIII, si intreccia con quella dei Vigili Urbani. Non solo quelli dell'Urbe e non solo quelli italiani: San Sebastiano infatti è patrono dei Vigili Urbani tout court e così la festa è allietata anche dalla presenza di corpi di altre nazionalità. Un patronato che San Sebastiano ha ben meritato.

Il più antico calendario della Chiesa di Roma, la Depositio martyrum, lo ricorda appunto in questa data. E' epoca di persecuzioni feroci contro i cristiani e San Sebastiano da Milano cui era originario, si reca a Roma per aiutare e proteggere i cristiani e scongiurare le abiure. Il nostro tuttavia aveva servito sotto le insegne dell'impero per fare apostolato tra i militi ed era giunto sino alla carica di comandante della prima coorte pretoriana. Denunciato subì il martirio sotto Diocleziano nel 288. Le sue reliquie sono tutt'ora conservate a San Sebastiano in Roma e custodite amorevolmente dai Frati. Gli stessi, ormai da sessant'anni, nel giorno della ricorrenza del Santo celebrano lietamente il suo patronato internazionale dei Vigili Urbani. Il contesto delle celebrazioni invero è più ampio e solenne: si inizia l'8 gennaio con l'intronizzazione del simulacro del Santo, dal giorno 11 si prosegue con la novena, il 20 c'è la festa vera e propria con la celebrazione eucaristica celebrata da un vescovo, quest'anno Mons. Gennaro Acampa Vescovo ausiliare di Napoli, si termina il 22 con la processione del simulacro del Santo.

Nel pomeriggio il momento conviviale con la presenza partecipata dei Vigili Urbani di Roma, la presenza anche di esponenti dell'Arma dei Carabinieri e quest'anno anche da quella della Presidente della Commissione Cultura dott.sa Nicoletta Latteri ed allietata dal coro delle vigilesse della Lituania. Il momento conviviale è culminato con l'abbraccio dei Frati custodi delle Sacre Reliquie.

Francesco latteri scholten.

 

 

 

 




Lasciare un commento