martedì 21 giugno - Aldo Funicelli

Report: la scorta dei vaccini, i soldi per la sanità e i respiratori della Philips

Nell'anteprima Report si occupa del caso Palermo, dove alle amministrative ha vinto l'uomo degli impresentabili, il candidato di Cuffato e Dell'Utri.

La condanna (per favoreggiamento mafioso) è finita, dicono i sostenitori di Cuffaro, ora può tornare alla politica, non farà gli stessi errori. Forse.
L'ex presidente ha riportato il simbolo della DC, non ha chiesto niente a Lagalla, si è pentito – così dice – e ora non vuole ripetere gli errori. Il futuro della Sicilia è il passato, l'usato sicuro?
Di certo Cuffaro porta voci ad un nuovo raggruppamento di centro, che ha dentro Forza Italia e Italia Viva con Renzi.
Il tutto è nato da una cena a Firenze tra Renzi e Micciché, per arrivare a Forza Italia Viva. Certo, a Palermo IV ha candidato Faraone, ma ad aprile quest'ultimo si è ritirato e ha dato il suo appoggio a Lagalla.
Anche Dell'Utri, altro condannato per mafia (per concorso esterno) ha appoggiato Lagalla: è stato lui ad incontrare i vertici di Forza Italia per puntare sull'ex rettore su cui far convergere i voti del centrodestra. Ma su Lagalla puntano anche gli esponenti di Italia Viva di Palermo, Dario Chinnici e Toni Costumati, che nonostante le parole di Renzi, stanno ancora dentro IV.

Cuffaro non può candidarsi, per la condanna, ma vuole tornare a fare politica: l'insegnamento che vuole dare ai giovani e “non fate come me, non seguite i miei errori”.

Campeggia nella sala dell'intervista la scritta la mafia fa schifo: ma a qualche candidato la mafia non fa schifo, come al candidato Lombardo di Fratelli d'Italia, il partito della Meloni.
Anche il candidato di FI Polizzi ha chiesto voti ad un mafioso, il costruttore Sansone, che negli anni '80 frequentava Riina nella latitanza.

Oggi nessuno si ricorda di questo Polizzi e dei suoi incontri con Sansone .. queste cose le sa lei, io non lo conosco …
Ma gli arresti dei due candidati non hanno bloccato la vittoria di Lagalla che oggi commenta stupefatto lo scoprire che è la politica che oggi cerca la mafia.
“Noi i voti mafiosi non li vogliamo” tuona il nuovo sindaco e, aggiunge Micciché, non esiste che i soldi del PNRR (198 ml solo per Palermo) finiscano nelle mani di cosa nostra.
Ma i voti dei clan, promessi ai candidati arrestati, a chi saranno andati?
In Sicilia, come in Italia, il bene e il male sono difficili da distinguere e il rigore morale, almeno verbalmente, non basta.

QUALCHE VACCINO DI TROPPO di Manuele Bonaccorsi e Lorenzo Vendemiale

I vaccini che abbiamo acquistato e che continuiamo a comprare sono stipati a Pratica di Mare e che sono custoditi in container refrigerati. Oggi, con la diminuzione delle vaccinazioni, si fanno delle consegne alle regioni ogni due settimane, circa, ma una volta a settimana ci sono degli arrivi dalle case farmaceutiche.
Perché le consegne non si fermano? Perché non si tracciano le dosi comprate e quelle somministrate: nel solo 2022 l'Italia ha comprato 138ml di dosi, una cifra che consentirebbe di rivaccinare due volte il paese. Ma oggi ai centri vaccinali c'è il deserto.
La quarta dose andrà somministrata solo ai pazienti a rischio: secondo Crisanti, fino ad ottobre la maggior parte della popolazione si sarà ammalata e non avrà bisogno della quarta dose. Cosa ce ne facciamo allora delle dosi stoccate a Pratica di Mare?
Ci sono anche vaccini che abbiamo comprato e che ancora nono sono stati approvati, ci sono vaccini che si possono dare solo alle prime dosi e che dunque difficilmente saranno usati.

Così nei contenitori frigoriferi ci sono dosi in scadenza, sebbene gli Pfizer hanno avuto una proroga per la scadenza: le dose in surplus sono così donate ai paesi poveri.

Anche il governo è consapevole di aver comprato troppi vaccini: in una lettera che la struttura commissariale ha inviato alle regioni lo scorso marzo, l’ex commissario Figliuolo spiegava come il surplus delle dosi sarebbe stato donato ai paesi in difficoltà, un bel gesto di solidarietà che però arriva in ritardo.

“A livello europeo stiamo donando vaccini con scadenze molto ravvicinate” racconta a Report la responsabile Oxfam Sara Albiani “secondo i dati dell’Unicef nell’ultimo mese del 2021 circa 100 ml di dosi donate non sono state somministrate perché erano con delle scadenze troppo basse.”

Gli stati non sono liberi di donare i vaccini, che hanno pagato, liberamente, ma devono prima chiedere il permesso alle case farmaceutiche col rischio di allungare i tempi. Lo scorso 1 agosto a Tunisi arriva un carico di circa 1,5 ml di dosi di vaccino donate dall’Italia, le autorità locali organizzano perfino una piccola cerimonia di ringraziamento, ma un’inchiesta del collettivo giornalistico Follow The Doses ha svelato che sarebbero scaduto dopo appena due mesi. Stessa storia in Nigeria dove, nel passato dicembre, il governo locale è stato costretto a gettare in discarica oltre 1 ml di dosi, appena donate e già inutilizzabili.

Abbiamo comprato troppe dosi e anziché buttarle noi le facciamo buttare ai paesi africani, così facciamo un’operazione di maquillage per rifarci la faccia..

Un brutto esempio di Apartheid vaccinale: i paesi ricchi si sono accaparrati le dosi, facendo alzare il prezzo delle dosi e mettendo in crisi i paesi poveri nel sud del mondo, a cui oggi facciamo la carità. In Africa solo un quinto della popolazione ha compiuto un ciclo completo di vaccinazione.

Cosa faremo se dovessero arrivare sul mercato vaccini moderni, maggiormente efficati con Omicron? Buttiamo via quelli già comprati?

In Europa ci sono paesi che non vogliono più pagare i vaccini: la commissione Europea ha stretto allora un accordo con Pfizer e Moderna, per rimandare il pagamento di queste dosi. Ma in Polonia non la pensano così, le spedizioni di vaccino le vogliono interrompere, così a marzo hanno smesso di pagarle. Per causa di forza maggiore, tirando in ballo la guerra in Ucraina e i profughi.

Attorno a questa strategia vaccinale si sta creando una nuova coalizione di Visegrad per non pagare i vaccini, almeno per spalmare i contratti su più anni: le dosi di troppo rischiano di diventare un caso europeo, nato dai contratti ancora oggi secretati dalla commissione Europea con le case farmaceutiche.
I contratti con Pfizer non sono equi – racconta il ministro polacco – li abbiamo firmati ma eravamo costretti.
Eppure in commissione UE pensano che la strategia vaccinale sia stata un successo: forse per le multinazionali del farmaco, non per i cittadini europei. La commissione oggi non ha alcuna intenzione di rivedere quei contratti, in alcun modo.

E l'Italia cosa farà? IL ministero italiano non ha risposto a Report, nemmeno alla domanda su che cosa faremo con le dosi in più. Quelle dosi sono costate 2,5 miliardi di euro.

FINO ALL'ULTIMO RESPIRO di Giulio Valesini,Cataldo Ciccolella

Giulio Valesini racconta la storia dei ventilatori della Philips, usati inizialmente da chi soffre di apnee notturne e, in seguito, dai malati di covid. La Philips ha dovuto richiamarli per un difetto che rende questi dispositivi potenzialmente pericolosi.

Durante la pandemia l'azienda ha venduto tanti respiratori, fino al richiamo fatto nel 2021, il più grande della storia di dispositivi elettronici.

Molti pazienti che li avevano usati raccontano oggi di aver denunciato problemi per anni, senza essere creduti: quei respiratori contengono una schiuma che poteva generare delle particelle, per sbriciolamento, che se inalate possono dar luogo ad una risposta infiammatoria.
Peggio ancora se il paziente non era sano, perché ammalato di covid.

In America l'ente di controllo ha chiesto alla Philips di ritirare subito i dispositivi, in Italia si è scelta una via soft, di fatto solo il 20% dei respiratori in questo paese sono stati sostituiti o riparati.

Quello che sembra un incidente nasconde invece una negligenza: la relazione dell'FDA nella sede in America parla di 222mila reclami legati allo sgretolamento della schiuma fonoassorbente, rimasti nel cassetto. L'ispettore ha scoperto che Philips sapeva già dal 2007 che questi dispositivi potevano rilasciare queste particelle, ma ha continuato a venderle.

Ma oggi Philips non ha oggi tutte le macchine per sostituire quelle a rischio: alla fine cosa succederà?
Oggi Philips, di fronte alle telecamere di Report, ha chiesto scusa ai suoi clienti: prima del 2020 – racconta Jan Kinpen, Chief Medical Officer della Philips – le segnalazioni erano poche, ma in realtà il problema era noto almeno dal 2015.

 

Tra i respiratori ritenuti pericolosi per la salute dei pazienti ci sono anche quelli non invasivi usati in epoca covid in ospedali, come il Trilogy, ma anche il modello E30 approvato in emergenza nel 2020 proprio per il coronavirus. Il management della Philips sapeva da tempo del particolato, ma non ha avuto problemi a dare l’E30 ai malati, salvo includerlo nelle recall dal mercato finita la seconda ondata covid.

“Noi non abbiamo mai portato dispositivi che sapevamo potessero i pazienti” spiega a Report Jan Kinpen, Chief Medical Officer della Philips: tra i modelli ritirati c’erano Trilogy ed E30, che erano in uso, “ma abbiamo lasciato decidere ai medici se continuare o meno il trattamento con questo device.”
 

Philips ha aspettato troppo, prima di ritirarli dal mercato, vendendo tante macchine privilegiando il fatturato alla salute dei pazienti? “La sicurezza dei pazienti è sempre al centro di quello che facciamo, quello su cui si è basata la reputazione di Philips.”
FDA, l’ente governativo statunitense di controllo dei prodotti alimentari e farmaceutici, ha rivelato a maggio di aver ricevuto, solo nell’ultimo anno, più di 21mila segnalazioni di incidenti seri tra cui 124 decessi, associati ai difetti di questi dispositivi, mentre Philips fino al 2021 ne aveva segnalato soltanto 30 di casi.

Sono dati parziali quelli della FDA, perché le segnalazioni devono essere sottoposte a controlli e perizie per accertare le vere cause, ma anche su queste perizie ci sono perplessità.

Lo racconta Jeanne Lenzer, collaboratrice del British Medical Journal: “FDA richiede di segnalare solo ciò che ha causato o contribuito a causare la morte o l’evento avverso grave. Secondo lei a chi spetta decidere se un dispositivo ha effettivamente causato la morte di un paziente? Il medico del paziente? La FDA? No è il produttore del dispositivo che spesso si autoassolve.”

Perché gli studi sui rischi dei dispositivi non sono fatti da enti terzi?

Philips ha inviato dei test preliminari su questi dispositivi alla BFARM, l’ente sanitario tedesco che l’Europa ha delegato per vigilare sul caso: secondo BFARM i risultati sono rassicuranti (e questo ha rassicurato anche il nostro ministero della Salute). Anche la ERS la società europea dei medici per la respirazione, dichiara che non c’è bisogno di sostituire questi device e il nostro ministero si adegua e dirama una circolare che è un copia e incolla del parere dell’ente sanitario BFARM e delle raccomandazioni dell’ERS.

Quest’ultimi spiegano a Report che si deve mettere sul piatto da una parte il rischio di questi dispositivi e dall’altra parte il danno nell’interrompere il trattamento e la bilancia pende dal rischio nell’interrompere il trattamento, perché il rischio è ipotetico – racconta il prof. Winfried Randerath dell’ERS. Ma nemmeno lui ha visto i dati, “perché non siamo tossicologi” ammette, ma i dati sono stati resi noti alle autorità sanitarie.

Randerath ha risposto alla domanda di Report sui suoi potenziali conflitti di interesse con Philips: c'è stato ma è terminato spiega il medico (che oggi non lavora più con Philips). In realtà nello scorso 25 aprile è la stessa Philips a smentire a Randerath: i risultati dei test divulgati dall’azienda stessa sono preoccupanti, alcuni esami sulla schiuma falliscono per genotossicità. La multinazionale ha condotto i test su un numero esiguo di macchinari, alcuni solo su una macchina, altri su 5, non il massimo della rappresentatività come test.

Non sono test tranquillizanti: altri test arriveranno nei prossimi mesi, che si aggiungeranno a quelli arrivati a BFARM che hanno tranquillizzato i medici, ma che in realtà non sono stati condivisi con nessuno, nemmeno col ministero della salute italiano.

Report ha fatto analizzare dei campioni del poliuretano dentro questi device per capirne la bio compatibilità: le celle che compongono le schiume perdono i pezzi – spiegano al centro polimeri di Reggio Emilia – perde del materiale che può essere inalato e che possono rilasciare sostanze chimiche nel nostro corpo. Idrocarburi insaturi, alcoli, ammine, aldeidi (sostanze cancerogene): questa schiuma, quella della Philips, non è biocompatibile.

Lo racconta Report, doveva dirlo il ministero, gli enti di controlli, le agenzie.

I pazienti oggi stanno citando a giudizio la multinazionale olandese che ha accantonato centinaia di milioni per questo rischio: per le class action però ha reclutato un team di avvocati per respingere le richieste di risarcimento.

Un ex manager della Respironics, l'azienda comprata dalla Philips per i respiratori, spiega a Report che il problema è molto più vasto, perché molti dispositivi in Oriente non sono stati registrati, sono fuori dalle campagne di recall. Significa che ci sono persone che li stanno usando e la cui salute è a rischio.

Il ministero della Salute non ha i dati dei pazienti covid che hanno usato dispositivi Philips, alcuni sono ancora in uso.

IL PAZIENTE ITALIANO di Claudia Di Pasquale

Nel maggio 2020 il ministro Speranza ha investito 1,4 miliardi di euro nelle terapie intensive (e terapie sub intensive, per ammodernare i pronto soccorsi): mai più le scene della prima ondata, con gli ospedali senza più posto per i malati. Ma come sono stati spesi questi soldi?

Ma al Cardarelli il pronto soccorso è in stato pietoso: l'inferno in terra per i malati è qui, così diversi medici del pronto soccorso hanno presentato le loro dimissioni.

All'ospedale San Paolo, sempre a Napoli, mancano medici in accettazione. Al San Giovanni Bosco, il pronto soccorso non può aprire perché qui mancano proprio i medici accettisti.

Il Loreto Mare era un presidio Covid: oggi è free covid ma è ancora chiuso.

La regione Campania ha puntato ad un nuovo presidio ospedaliero, l'Ospedale del Mare: il direttore del 118 di Napoli racconta di medici che se ne sono scappati da Napoli, mettendo a rischio il diritto a vivere (nemmeno il diritto alle cure).

Durante la pandemia abbiamo sacrificato i posti letto per curare i pazienti covid, così abbiamo fatto saltare cure, operazioni non prorogabili. Oggi il dato della mortalità è cresciuto, siamo al massimo dal dopoguerra, e ondata dopo ondata, nulla è cambiato nella sanità.

Claudia di Pasquale è andata negli ospedali nel Lazio, col caso di Teresa Brogna e della madre, rimasta in pronto soccorso per sei giorni. Mancavano i posti nell'ospedale di Latina, eppure questa struttura avrebbe a disposizione 6 ml per ampliare i posti letto disponibili.
3 ml spettavano all'ospedale di Civitavecchia, invece: ma nemmeno qui i posti sono stati creati, nonostante siano state fatte le gare.
A Palestrina, il direttore dell'ASL 5, soggetto attuatore, nemmeno conosceva i nomi delle ditte che hanno fatto i lavori per creare i nuovi posti in terapia sub-intensiva.
Al Sant'Andrea i costi sono saliti da 5 a 9 ml di euro, a pari posti letto creati (24), peccato manchino i medici per questi posti.

Nel frattempo al Sant'Andrea hanno chiuso reparti di chirurgia, così si è fatto un accordo di convenzione con una struttura privata per fare queste operazioni.

In Italia ci sono pazienti che non sono riusciti a prenotare, in questi mesi, nemmeno un esame radiologico: la giornalista di Report Claudia Di Pasquale ha raccolto la testimonianza di Elena Codrea. Paziente oncologica dell’ospedale Umberto I con un problema collaterale con la chemio, in reumatologia l’hanno mandata a fare la MOC e, chiamando il CUP ha ottenuto come risposta “mi dispiace ma l’Umberto I non fa la MOC”. Non solo adesso, nemmeno tra sei mesi, come se questo esame non esistesse: alla fine la MOC è stata fatta dalla signora Codrea in un altro ospedale privato convenzionato.

Dopo l’intervista Elena Codrea ha chiamato il CUP dell’Umberto I per prenotare una radiografia toracica: “non c’è disponibilità presso l’Umberto I, non c’è l’agenda aperta” è stata la risposta, al che la signora ha spiegato come, secondo l’oncologo questa cosa non fosse possibile. Chi ha ragione, il CUP o l’oncologo?

Antonella Salva, presidente dell’associazione La Fenice spiega a Report che in Italia esiste una legge, la 266 del 2005, che vieta agli ospedali di chiudere le agende (e di fatto non accettare più prenotazioni per specifici interventi). La realtà è all’opposto: il covid, racconta Antonella Salva, ha rubato posti a pazienti fragili, pazienti oncologici, pazienti cardiologici, “noi abbiamo avuto segnalazioni di pazienti oncologici tenuti cinque giorni in barella al pronto soccorso.”

Non sono stati fatti interventi oncologici, perché i pazienti dopo l'operazione dovevano andare in terapia intensiva, ma questi posti erano occupati dal covid.

I nuovi posti di terapia intensiva all'Umberto I dovrebbero essere 48 ma ancora oggi siamo alla progettazione: a giugno 2023 dovrebbero essere conclusi i lavori.

Ma nemmeno i lavori di ristrutturazione sono finiti: colpa delle progettualità, degli interventi – si giustifica l'assessore alla sanità del Lazio, Amato.

Alla regione Lazio spettano, dal decreto rilancio, 118ml di euro, ma ne ha spesi 24 ml, a distanza di due anni: i posti dovevano essere 562 (nel piano del 2020) ma ad oggi siamo a 30 posti. E così la regione deve rivolgersi ai privati, come ammette quasi con orgoglio il presidente Zingaretti.

La regione Lazio ha speso 1miliardi per rimborsare la sanità privata: la parte del leone l'ha fatta il Gemelli, poi il gruppo Villa Maria di Sansavini, il Tiberia Hospital, l'istituto CasalPalocco...

Forse se si fossero spesi meglio i soldi del decreto rilancio, non ci sarebbe stato bisogno del privato.

In Lombardia l'assoggettarsi al privato è una scelta politica: anche qui i lavori per creare nuovi posti non sono completati, molti reparti sono stati riconvertiti per il covid e i pronto soccorsi sono sovraccarichi come nel resto dell'Italia.

Le nuove strutture da realizzare secondo il piano commissariale non sono state realizzate nemmeno in Lombardia (si parla del 12% dei lavori completati), dunque, nonostante i soldi ci siano già.

Ci sono poi casi strani: il reparto di cardiochirurgia del Sacco verrà trasferito in centro, mentre si aprirà nella stessa zona un nuovo ospedale privato, il nuovo Galeazzi (gruppo San Donato), con un suo reparto di cardiologia. Una coincidenza.

A Saronno nell'ospedale su dieci anestesisti, sette arrivano da una cooperativa privata. Qui sono stati chiusi reparti come quello di pediatria e il punto nascite. Nessuno nasce più nell'ospedale di Saronno.

Né il decreto rilancio né il pnrr prevedono nuovi posti letti per la medicina ordinaria, nemmeno in Lombardia, la regione più colpita dal covid.
Altre regioni non hanno comunicato a Report quanti soldi fossero stati spesi dei decreto rilancio (quel 1,4 miliardi). Il Molise non ha proprio cominciato i lavori.

Ma è la stessa struttura commissariale che pecca di trasparenza: non ha concesso alcuna intervista e non ha fornito i dati alla trasmissione.

Le regioni ne hanno chiesto solo 335ml, la struttura del commissario ne ha trasferiti solo 250 ml: significa meno visite e interventi oncologici, per non parlare di visite e interventi per malattie meno gravi. Che prezzo dobbiamo ancora pagare per questa pessima sanità pubblica?




Lasciare un commento