lunedì 25 ottobre - Attilio Runello

Pensioni: da quota 100 a quota 102/104

Il sistema pensionistico italiano prevede che si vada in pensione a sessantasette anni sia uomini che donne.

I sessantasette anni possono variare in base alle attese di vita che al momento si attesta intorno agli ottanta anni per gli uomini e gli ottantatré per le donne.

Ma esistono delle eccezioni. Una di questa voluta fortemente dalla Lega e approvata dal governo giallo verde è quota 100. Trentotto anni di contributi e sessantadue anni di età.

Questa misura sta per scadere, a fine anno, e l'attuale governo non intende rinnovarla.

Si vuole tuttavia garantire una possibilità di andare in pensione in anticipo con quota 102 per il 2022 e quota 104 per il 2023.

I sindacati hanno proposto una formula che prevede una maggiore gradualità: quota 102 per il 2022, 103 per il 2023 e 2024, quota 104 per l'anno successivo.

I soldi che lo Stato vuole stanziare non sono molti 

Consentire di andare in pensione in anticipo è un vantaggio per i giovani per i quali si liberano posti di lavoro.

Inoltre oggi molti lavori richiedono un aggiornamento continuo. E non è scontato che vicini ai sessantasette anni di sia in grado di farlo.

Il sistema pensionistico consente inoltre dei vantaggi per i lavori usuranti e per le donne. Con opzione donna le lavoratrici sino ad oggi hanno potuto andare in pensione a cinquantotto anni con trentacinque anni di contributi. Ma il calcolo veniva fatto solo con il sistema contributivo. Anche questa possibilità non verrà confermata e al momento si parla di passare da cinquantotto anni ai sessanta. I soldi che si possono mettere a disposizione per il welfare sono limitati. Se si usano su un fronte non ci sono su un altro. Se poi si usano per i privilegi di pochi o si sprecano non vi sono per le esigenze comuni.

Le decisioni le prendono i politici e i politici li eleggiamo noi. Quindi informiamoci di quello che avviene e la prossima volta non dimentichiamoci di andare a votare 

(foto Wikimedia Commons)

 

 

 

 

 




Lasciare un commento