venerdì 30 agosto - UAAR - A ragion veduta

Nuovo Governo? Che la discontinuità sia nel segno della laicità

«Dopo i rosari, le invocazioni al cuore immacolato di Maria e i giuramenti sul Vangelo di Matteo Salvini non possiamo che sperare che questo nuovo governo che si accinge a prendere forma sia nel segno della discontinuità in materia di separazione tra Stato e Chiesa. Le prime parole di Conte, che ha citato la laicità dello Stato tra i valori fondanti della futura azione di governo, ci fanno ben sperare».

Commenta così il segretario dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar), Roberto Grendene, l’affidamento dell’incarico a Conte per la formazione di un governo Pd-5Stelle.

«Le premesse ci sono: nella passata legislatura i due partiti hanno approvato diversi importanti provvedimenti laici (il testamento biologico, il divorzio breve…) e non erano neppure alleati di governo, adesso non avrebbero più scuse per inserirne nel programma degli altri. Comincerei dall’arretrato Ici (le somme non versate dalla Chiesa cattolica tra il 2006 e il 2011: parliamo di ben 4-5 miliardi di euro!) e dalla questione eutanasia, rispetto alla quale, qualunque sia la decisione della Consulta prevista per il 24 settembre, hanno il dovere di prendere provvedimenti. Ma c’è anche la questione della necessaria riforma del meccanismo dell’8 per mille (come chiede da anni la Corte dei Conti) nonché il problema della discriminazione infantile determinato dall’insegnamento della religione cattolica con docenti scelti dal vescovo… Insomma c’è solo l’imbarazzo della scelta! Peraltro – conclude Grendene – avrebbero dalla loro buona parte del paese: secondo il nostro ultimo sondaggio Doxa, l’83,4% degli italiani ritiene infatti importante il principio di laicità dello Stato. Speriamo sia la volta buona per una svolta laica».

Foto: Sergio Merchon/Flickr




Lasciare un commento