martedì 23 febbraio - Alberto SIGONA

Miguel Indurain: Gli dei dello sport

MIGUEL INDURAIN (SPAGNA, 1964) CICLISMO

 

Miguel Indurain è stato un formidabile cronoman che sapeva tenere il passo in salita. Con queste caratteristiche si è fregiato di 2 Giri (4 tappe; 29 mr) e ben 5 Tour consecutivi (12 tappe – di cui 10 cronometro - e 60 mg), eguagliando nel 1995 l’incredibile record di Anquetil, Hinault e Merckx, anche se nessuno di questi li aveva vinti consecutivamente. Uno dei pochissimi a centrare nello stesso anno l’accoppiata Giro-Tour (riuscitagli 2 volte), vanta altresì 1 San Sebastian ed 1 Titolo Nazionale. Lo spagnolo aveva il ritmo cardiaco di 28 battiti a riposo, 190 durante il massimo sforzo: una macchina che gli scienziati hanno definito perfetta. I detrattori hanno criticato però la sua condotta di gara al risparmio: la tattica di Indurain, infatti, era la solita, cioè, stravincere le tappe a cronometro ed amministrarne il vantaggio che ne conseguiva nel resto delle tappe; non a caso, tanto per fare un esempio, nel quinquennio ’91-’95 non ha mai vinto tappe che non fossero cronometro (ed in questo è stato simile ad Anquetil). 158 (19 nel 1992) sono state in tutto le sue vittorie (26 a cronometro). Si è ritirato a 32 anni.

Foto: Wikimedia




Lasciare un commento