sabato 30 novembre - ing. Luciano Magaldi Orta Nova

Migrazione UE-Regno Unito: mai così in basso

JPEG - 99.7 Kb
La Union Jack britannica

La differenza tra il numero di persone provenienti dall’Unione Europea sbarcate nel Regno Unito negli ultimi 12 mesi e quanti hanno lasciato le isole britanniche europee è scesa a 48.000, il livello più basso dal 2003.

A riportarla, l'Office for National Statistics (ONS), ovvero l’Istat britannico, il cui portavoce afferma che queste statistiche si sono ribassate per un minor numero di migranti economici che vengono in Gran Bretagna, mentre si è verificato un record degli stranieri rimpatriati.

Nell'anno corrente, il 2019, fino a giugno, la migrazione complessiva dai paesi dell'UE e da paesi terzi è stata di 212.000 unità.

Secondo i dati pubblicati dall'ONS, il numero di persone che arrivano dall'UE si attesta ora al livello più basso dalla fine di marzo 2013.

Il corrispondente della BBC per gli affari interni, Danny Shaw ha affermato che “c'è stato anche un costante aumento del numero di cittadini dell'UE che tornano a casa, ovvero 151.000 emigrati negli ultimi 12 mesi, il doppio del numero di sei anni fa, la cifra più alta mai registrata”.

La migrazione netta dell'UE ha raggiunto in precedenza livelli massimi di oltre 200.000 unità nel 2015 e all'inizio del 2016. Nel frattempo, la migrazione extra-UE è gradualmente aumentata negli ultimi sei anni con l'aumento di un numero di cittadini extracomunitari che arrivano fin qui per studiare.

Alp Mehmet, Presidente di Migration Watch UK, ha dichiarato che ciò "non sorprende perché la migrazione dell'UE sia diminuita a causa dell'incertezza della Brexit”.

Tuttavia, Madeleine Sumption, Direttrice dell'Osservatorio delle Migrazioni dell'Università di Oxford, ha suggerito che ci potrebbero essere altri motivi dietro questo calo, infatti ha dichiarato: "Le ragioni di ciò includeranno cose come il valore più basso della Sterlina, che rende il Regno Unito meno attraente, un miglioramento delle prospettive economiche nei paesi dell'UE e potenzialmente l'incertezza politica del prolungato processo di Brexit".

Per riassumere, i dati sull'immigrazione sono stati riclassificati come "sperimentali" all'inizio di quest'anno dopo che i funzionari avevano definito una "incertezza significativa" circa l'affidabilità dei recenti dati: dal 2016 è avvenuta una diminuzione dell'immigrazione per il lavoro, mentre le persone che arrivano nel Regno Unito per motivi di studio è gradualmente aumentata, come si evince dalla relazione.

Essa afferma che il calo dell'immigrazione per motivi di lavoro è dovuto principalmente alla diminuzione dei cittadini UE che arrivano nel Regno Unito come migranti economici, in particolare quelli di otto dei paesi che hanno aderito all'UE nel 2004, tra cui la Polonia. L'ONS ha stimato che circa 229.000 cittadini extra-UE si sono trasferiti nel Regno Unito rispetto a quelli rimasti nell'anno che termina a giugno 2019.

È questo l'effetto Brexit?

L'immigrazione nell'UE è diminuita di 85.000 persone dopo il referendum "in-out" del 2016, mentre l'emigrazione nell'UE è aumentata di 56.000 unità.

Si tratta di una tendenza ripida e chiara che ha riportato il tasso della migrazione UE a quella precedente dell'espansione del blocco nel 2004: fu allora che a persone provenienti da 10 nazioni, tra cui Polonia, Ungheria, Lettonia e Lituania, furono concessi i controversi diritti di libera circolazione per vivere e lavorare nel Regno Unito.

In alcune aree, l'afflusso di migranti provenienti da questo gruppo di paesi ha alimentato le preoccupazioni e un dibattito più ampio sul controllo delle frontiere britanniche e sull'adesione all'Unione Europea.

È ironico, quindi, che proprio mentre il Regno Unito è sull'orlo di rompere i suoi legami con l'UE, uno dei fattori chiave che hanno convinto le persone a rimpatriare possa essere, almeno in termini numerici, la diminuzione di questo problema.

L'ONS afferma che l'aumento dell'immigrazione extra-UE è dovuto principalmente a un graduale aumento di coloro che arrivano nel Regno Unito per motivi di studio di “alta qualità”.

Un portavoce dell'ONS ha recentemente dichiarato: "La nostra migliore valutazione utilizzando tutte le fonti di dati è che l'immigrazione, l'emigrazione e la migrazione netta a lungo termine sono rimaste sostanzialmente stabili dalla fine del 2016. Tuttavia, abbiamo visto modelli diversi per i cittadini UE, mentre ci sono ancora più cittadini comunitari che, trasferitisi nel Regno Unito, ora se ne vanno.

"Al contrario, la migrazione netta extra-UE è gradualmente aumentata negli ultimi sei anni, in gran parte con l'aumento di un maggior numero di cittadini extracomunitari che possiedono titoli importanti di studio."

In risposta a tutte queste cifre e dati, i manager delle maggiori aziende presenti nel Regno Unito hanno affermato che garantire alle imprese l'accesso al reclutamento di nuove persone e alle competenze di cui hanno bisogno era "importante quanto forgiare le nostre future relazioni commerciali con l'UE".

Matthew Fell, Direttore delle Politiche del Regno Unito per la Confederazione dell'Industria Britannica (CBI), ha affermato che "le carenze esistono già a tutti i livelli di competenza e che la futura politica in materia di immigrazione non dovrebbe concentrarsi solo sulle migliori e brillanti menti. Per costruire nuove case e scuole non abbiamo solo bisogno di architetti e ingegneri, ma anche di muratori e idraulici".

 

Come dargli torto ?

(Fonti: https://www.bloombergquint.com/business/eu-net-migration-to-u-k-falls-to-lowest-level-since-2003https://www.theguardian.com/world/2019/nov/28/net-migration-from-eu-at-lowest-level-since-2003-ons-figures-show)




Lasciare un commento