venerdì 11 giugno - Antonio Mazzeo

Messina. Sosta ad alto rischio della nave deposito armi e carburanti della Royal Navy

Neanche un mese fa, il 10 maggio 2021, mentre era in sosta a Portland (Inghilterra), la nave rifornimento munizioni e carburanti “RFA Fort Victoria” della Royal Navy aveva rischiato un incidente dalle conseguenze inimmaginabili. 

Un piccolo incendio a bordo era stato provvidenzialmente spento dal personale d’equipaggio prima che potesse estendersi sino ai depositi ospitati, 3.400 metri cubi di volume quelli per le armi e gli esplosivi, 12.500 metri cubi per il gasolio. “Non si sono verificati gravi lesioni all’unità navale durante l’incidente”, dichiarava con un laconico comunicato il Ministero della Difesa del Regno Unito. In verità le autorità locali di Portland avevano allertato la protezione civile per attivare tutti gli interventi previsti dal protocollo sicurezza, mentre almeno quattro marinai sarebbero stati soccorsi dalle autoambulanze e condotti in ospedale a seguito dell’inalazione dei gas tossici emessi durante l’incendio.

Da mercoledì 9 giugno la “RFA Fort Victoria” effettua una sosta tecnica nel porto di Messina, proprio di fronte al Municipio e a pochi passi di distanza dalla centralissima Piazza Duomo. L’unità da guerra partecipa alla missione nel Mediterraneo del Carrier Strike Group delle forze navali britanniche guidato dalla portaerei “HMS Queen Elizabeth” (oggi in rada nel Golfo di Augusta). La formazione navale è impegnata in questi giorni nella maxi-esercitazione “Falcon Strike 21” insieme alle unità e ai cacciabombardieri di Italia, Stati Uniti e Israele, quest’ultimo solo qualche settimana fa impegnato in sanguinosi bombardamenti contro la popolazione palestinese della Striscia di Gaza.

La “Fort Victoria” funge proprio da nave appoggio del Carrier Strike Group, assicurando il rifornimento di sistemi d’arma, missili, munizioni e carburanti per le unità navali, gli elicotteri e gli aerei imbarcati (tra essi anche i nuovi caccia F-35 a decollo verticale). Proprio per le sue funzioni e le sue specificità tecniche è impossibile che possa essere giunta a Messina senza una vera e propria santabarbara a bordo. Chi, come e quando abbia autorizzato questa insensata e pericolosissima sosta tecnica nella città capoluogo dello Stretto non è possibile sapere, così come si sconosce se la Prefettura, il Sindaco e la Protezione Civile abbiano predisposto un piano d’emergenza in caso di incidenti o eventuali altre misure di prevenzione e “contenimento” degli enormi rischi che comporta la sua presenza in città. Domenica scorsa, l’unità da rifornimento armi e carburante era transitata nello Stretto di Messina di scorta alla portaerei “Queen Elisabeth” insieme ad altre due unità britanniche e al cacciatorpediniere lanciamissili “Amdrea Foria” della Marina militare italiana. 

La “RFA Port Victoria” è stata varata nel settembre 1988. Con un dislocamento di 31.500 tonnellate, la nave-bunker è lunga 203 metri. Può ospitare a bordo un equipaggio di 300 persone e nei propri hangar sono alloggiati tre elicotteri AgustaWestland AW101 “Merlin” prodotti dall’omonima azienda controllata dall’italiana Leonardo-Finmeccanica.



Lasciare un commento