mercoledì 10 ottobre - Anna Maria Iozzi

Mentre ero via: su Rai1, una storia di rinascita femminile con Vittoria Puccini

C’è grande attesa e curiosità per “Mentre ero via”, la nuova fiction che, a breve, andrà in onda su Rai. A impersonare i panni della protagonista principale, l’attrice Vittoria Puccini, nota al pubblico per aver preso parte a “Romanzo famigliare”.

L’attrice si appresterà a calarsi nel ruolo di Monica, una donna che, in seguito a un incidente stradale, ha perso la vita, suo marito Gianluca, titolare dell’azienda farmaceutica di famiglia, e Marco, un avvocato, con cui la donna aveva una relazione extraconiugale, e motivo di discussione con la figlia Alice.

La serie, diretta da Ivan Cotroneo, in collaborazione con Monica Rametta, è la prosecuzione del ciclo di film dedicati alla valorizzazione della figura della donna. “Mentre ero via” è una delle tanti produzioni Rai, che si aggiungono a quelle di “Un’altra vita”, con Vanessa Incontrada, e “Sorelle”, con Anna Valle.

La fiction, forte della tematica, prevederà nel cast, oltre alla presenza della Puccini, quella di Giuseppe Zeno, Stefania Rocca e Carmine Buschini, l’amato personaggio di “Braccialetti rossi”. Prodotta da Endemol Shine Italy e Rai Fiction, la fiction cercherà di offrire un’autentica rappresentazione della rinascita della donna, grazie alle vicende di Monica.

La trama gravita attorno all'esistenza della donna che, dopo quattro mesi dall'incidente, si risveglia dal coma, ma nulla sarà come prima. Monica non ricorda nulla di quell’incidente, e la sua memoria è rimasta indietro di otto anni. La donna deve affrontare un percorso di riabilitazione con la psicologa Caterina (Stefania Rocca). Quest’ultima cercherà di offrirle il supporto necessario, per riappropriarsi di quella vita che tanto ha amato, ma, che, purtroppo, non ricorda i bei momenti, tranne, quelli trascorsi in compagnia del figlio e di suo marito.

Quello di “Mentre ero via” è un tortuoso percorso psicologico, perché Monica deve riscoprirsi come donna, affrontando i lati oscuri di una vita difficile. È un percorso reso complicato dal fatto che, tutto quello che le raccontano, in realtà, non corrisponde alla verità dei fatti.

Nella fase delle terapie, la donna entra in contatto con Stefano (Giuseppe Zeno). Monica, in seguito alle allucinazioni nelle strade di Verona, le sembra di vedere l’immagine di Gianluca. In realtà, è Stefano, con cui vanta una somiglianza impressionante. Quest’ultimo, un uomo vero, insegnante di vela, e amante della natura, è, come Monica, alla costante ricerca della verità dell’incidente.

 

 




Lasciare un commento