martedì 9 febbraio - Alberto SIGONA

Mark Spitz: gli dei dello sport

MARK SPITZ (USA; 1950) NUOTO

È ritenuto dalla critica uno dei più forti nuotatori di ogni era, se non addirittura il più grande. Alle Olimpiadi “insanguinate” di Monaco ’72 vinse ben 7 medaglie d'Oro (100 m e 200 m stile libero, 100 m e 200 m farfalla, 4 x 100 m e 4x200 m stile libero, e infine 4 x 100 m mista), stabilendo in ogni gara il record del Mondo, per quella che all’epoca fu considerata, non a torto, un'impresa straordinaria, al limite delle possibilità umane. Il record, a lungo ritenuto imbattibile, in verità sarebbe stato poi infranto dal “marziano” Michael Phelps alle Olimpiadi di Pechino 2008 (8 Ori). Comprese le staffette di Città del Messico 1968, vanta 9 Ori a cinque cerchi (1 Arg ed 1 Bro), record superato “recentemente” proprio da Phelps. Si è ritirato a soli 22 anni. Ai suoi tempi non esistevano i Mondiali. Poliedrico come pochissimi, personalmente lo considero il più grande della storia dopo Phelps, davanti a R. Lochte, Sun Yang (al netto del doping), I. Thorpe ed A. Popov. Fra gli atleti olimpici lo pongo al 5° posto dopo M. Phelps, C. Lewis, U. Bolt ed E. Zatopek, davanti a P. Nurmi, N. Nadi e N. Andrianov.

Foto: Wikimedia




Lasciare un commento