mercoledì 26 agosto - Alberto SIGONA

Marco Van Basten: gli dei dello sport

MARCO VAN BASTEN (OLANDA, 1964) CALCIO

 

Van Basten è stato un centravanti di tecnica eccezionale e, nonostante la statura elevata, considerevole eleganza e rapidità nei movimenti, coniugando la grazia del trequartista con il pragmatismo del vero goleador. L'asso olandese era in possesso di un tiro potente e preciso sia in corsa sia da fermo, concreto anche nel gioco aereo e nelle acrobazie, mostrando un insieme di peculiarità per le quali è ritenuto uno tra i più forti e completi attaccanti di sempre. La sua intelligenza tattica e la sua visione di gioco lo rendevano capace di agire anche lontano dall'area di rigore, rendendolo anche un preziosissimo uomo-assist. La sua carriera è stata costellata purtroppo da numerosi guai fisici che ne hanno condizionato la sua vita calcistica. Proprio per un grave infortunio lascerà l’attività agonistica ad appena 28 anni.

Van Basten cominciò a muovere i primi passi in Olanda, con l’Ajax, nel 1981-’82 (in A 133 presenze e 128 gol, 4 volte capocannoniere; nel campionato ’85-’86 su 26 presenze segnò 37 gol, che costituiscono il primato personale), vincendo in sei stagioni 3 Scudetti ed 1 Coppa delle Coppe (peraltro decisa da un suo gol). Nel 1987-’88 arriverà la svolta professionale con il passaggio al Milan, che con lui diverrà una delle squadre più forti di sempre (in compagnia di fuoriclasse assoluti come Maldini, Baresi, Gullit e Rijkaard): in sei anni vincerà tutto, ovvero 4 Scudetti, 3 Coppe dei Campioni (nel 1989 siglò una doppietta in Finale contro la Steaua Bucarest), 2 Intercontinentali e tanto altro. A livello personale si laureò due volte capocannoniere della A ed una volta della Coppa dei Campioni, aggiudicandosi 3 volte il Pallone d’Oro. Alla corte dei rossoneri siglò 125 gol su 201 match, comprese le coppe.

Soprannominato Il Cigno di Utrecht, nonostante la brevità della carriera rimane nella storia come uno dei più prolifici marcatori di sempre (pur non essendo una punta pura): in tutti i campionati di massima divisione giocò 280 match conditi da 218 gol (77%, media altissima per i tempi), in Europa: 43-30 (una volta, in Coppa dei Campioni, segnò 4 gol in 29 minuti!!!). Nella nostra Serie A rimane tuttora quello con la media più alta dopo gli anni Sessanta: 61%, ovvero 147 presenze e 90 reti. Per quanto concerne il Campionato italiano, credo sia stato il più forte bomber della storia della Serie A dopo Nordahl, ma davanti a Piola, Meazza, Batistuta, Trezeguet, J. Hansen, Nyers, Charles, Riva ed Ibrahimovic.

Marco Van Basten con la Nazionale maggiore olandese ha disputato 58 partite segnando 24 gol. Con la Nazionale olandese ha vinto gli Europei del 1988 assieme ai compagni del Milan Ruud Gullit e Frank Rijkaard, aggiudicandosi anche la classifica marcatori con 5 gol all'attivo: memorabile il suo gol segnato a Dasaev (URSS) in Finale, premiato come secondo gol più bello della storia del calcio da Worldsoccer.

Foto: Wikipedia




Lasciare un commento