mercoledì 15 maggio - La bottega del Barbieri

Lo Zambia e i costi dell’estrazione mineraria

Gli Stati Uniti hanno scavalcato i concorrenti nella corsa ai minerali africani necessari per alimentare la transizione energetica globale quando hanno firmato un memorandum d’intesa (MoU) con lo Zambia e la Repubblica Democratica del Congo alla fine del 2022 per lo sviluppo di una catena del valore regionale nel settore delle batterie per veicoli elettrici.

di Oscar Nkala (*)

Il memorandum d’intesa ha sfidato il dominio di Cina, Sud Africa, Hong Kong, Mauritius e India come consumatori tradizionali delle esportazioni di rame, oro, litio, cobalto e manganese dello Zambia.
Ha preso di mira grandi volumi di metalli di transizione critici che si trovano nella Katanga Copperbelt, una striscia ricca di minerali che si estende dalla provincia di Lualaba, nel sud-est della RDC, alla provincia di Luapula, nello Zambia settentrionale.
Secondo il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, il memorandum d’intesa mirava a “facilitare lo sviluppo di una catena del valore integrata per la produzione di batterie per veicoli elettrici nella Repubblica Democratica del Congo e nello Zambia, che va dall’estrazione delle materie prime, alla lavorazione, alla produzione e all’assemblaggio”.

Minerali di transizione

Sebbene lo Zambia abbia quadri normativi legali e politici progettati per salvaguardare i diritti di proprietà della terra e la sicurezza del possesso, queste politiche sono rese inefficaci dal Mines and Minerals Development Act, che consente all’estrazione mineraria di avere la precedenza su tutti gli altri usi del suolo quando vengono scoperti minerali, ha detto Sibanda.
Questa disposizione rende le comunità locali vulnerabili agli sfratti e ad altre forme di violazioni dei diritti umani da parte dei titolari di licenze minerarie. Sibanda ha affermato che la maggior parte delle violazioni dei diritti umani, comuni nelle aree minerarie, sono legate ad alti livelli di povertà che costringono le persone a rinunciare alla loro terra. Inoltre, non hanno altra scelta se non quella di accettare lavori di estrazione mineraria per una paga molto bassa o nulla.
Gli alti livelli di povertà nelle aree ricche di minerali suggeriscono che gli zambiani non stanno ancora beneficiando della crescita dell’industria mineraria. La legge rende obbligatorio per le società minerarie fornire un risarcimento alle persone colpite dall’attività mineraria, ma ci sono scappatoie nell’applicazione che hanno portato a una realizzazione molto limitata, se non alla mancata realizzazione degli obiettivi previsti“.

La maledizione del manganese

Oxpeckers ha visitato la provincia di Luapula, nel nord dello Zambia, per valutare l’impatto della ricerca di minerali per la transizione energetica sulla popolazione locale e sull’ambiente.
Luapula è ricca di risorse naturali e minerarie, ma nonostante la sua potenzialità di trarre benefici economici da una combinazione di turismo e investimenti minerari, la provincia rimane gravemente sottosviluppata con l’81,1% della sua popolazione che vive in povertà, secondo la Banca dello Zambia.
Nsama Musonda Kearns, direttore di Care for Nature Zambia, un’organizzazione non governativa che lavora per promuovere la conservazione ambientale e lo sviluppo sostenibile nel paese, ha detto che la gente del posto accusa le imprese che estraggono manganese di commettere violazioni dei diritti umani come sfratti illegali e non compensati, lavoro forzato e degrado ambientale.
Il manganese è uno dei principali minerali della transizione energetica necessari per la produzione di batterie elettriche. Secondo il sito web dell’amministrazione provinciale di Luapula, la provincia “ha un’enorme mineralizzazione dei giacimenti di minerale di manganese” e mirava a creare un impianto di raffinazione del manganese per creare occupazione per la gente del posto.
Ma Kearns ha detto che Luapula non ha realizzato alcun beneficio da decenni di estrazione del manganese: “Le comunità non stanno beneficiando dell’estrazione mineraria, eppure tutti i fiumi e i torrenti nel bacino idrografico del fiume Mansa sono inquinati dagli effluenti della miniera”. L’inquinamento colpisce migliaia di persone a valle che dipendono da questi fiumi per soddisfare il fabbisogno idrico quotidiano delle loro famiglie.
Luapula sta affrontando la maledizione del boom minerario, mentre le comunità ospitanti combattono l’accaparramento delle terre e le ingiustizie ambientali che includono l’inquinamento atmosferico, l’inquinamento dell’acqua, il degrado del suolo, il lavoro minorile e i bassi salari in cambio di lavori forzati. Devono anche affrontare la fatiscenza delle strade a causa dei pesanti camion da miniera. Tutto ciò provoca la perdita di entrate che altrimenti contribuirebbero alla riduzione della povertà e allo sviluppo di Luapula“, ha affermato.

Nell’ottobre 2023 Care for Nature Zambia ha istituito il Women’s Land Rights and Climate Justice Project per aiutare le donne a combattere gli sgomberi, il degrado del suolo e l’inquinamento ambientale da parte delle compagnie minerarie. Cerca inoltre di rafforzare la capacità collettiva delle donne di sostenere posti di lavoro dignitosi nel settore minerario.
Il progetto aiuterà le donne a proteggere le loro comunità, consentendo loro di chiedere conto alle compagnie minerarie dei danni causati dall’attività mineraria. L’obiettivo è quello di promuovere la partecipazione delle donne alla politica mineraria locale e al processo decisionale. Speriamo anche che lavorare con le donne nelle comunità minerarie che ospitano possa dare impulso alla nostra campagna per eliminare il lavoro minorile dalla catena del valore minerario dello Zambia“, ha detto Musonda Kearns.
Mwaipopo ha affermato che lo Zambia ha anche bisogno di nuovi inquadramenti giuridici per incoraggiare l’uso di sistemi di estrazione mineraria di precisione e di riciclaggio a circuito chiuso per ridurre al minimo la produzione di rifiuti minerari e proteggere meglio l’ambiente.

Comunità ospitanti

La natura delle interazioni tra le comunità ospitanti dello Zambia e gli operatori minerari è illustrata al meglio dal trattamento riservato alla popolazione del villaggio di Mwale, nel distretto di Mansa, a Luapula, da parte di un’impresa che utilizza attrezzature con il marchio “Atezo Mining”.
La gente del posto ha accusato la miniera di aver costretto le persone ad andar via e di aver inquinato diversi corsi d’acqua del bacino idrografico del fiume Mansa con effluenti minerari non trattati.
Oxpeckers non è stata in grado di determinare lo status legale della miniera, e una ricerca di “Atezo Mining” attraverso i registri minerari e di registrazione della società dello Zambia non ha prodotto nulla.
Tuttavia, i membri della comunità hanno condiviso i verbali di una riunione della comunità del novembre 2023 in cui sono stati discussi gli impatti delle attività dannose della miniera. Tutte le persone che sono intervenute all’incontro hanno accennato alla distruzione causata dall’estrazione mineraria intorno al villaggio.
Hanno anche riferito di una paura pervasiva di espropriazione e sfratto dalle loro terre man mano che la miniera si espande.
Tre donne che hanno partecipato all’incontro hanno testimoniato di aver perso la terra a causa della miniera. Tutti i partecipanti all’incontro hanno detto di temere di perdere le loro case perché la miniera si sta ancora espandendo verso l’esterno dal centro del villaggio. Una donna ha detto che temeva che la sua casa sarebbe crollata nella fossa a cielo aperto, che ora si trova a due metri di distanza dalle case“, si legge nel verbale.

Con la terra che si restringe e nessuna sicurezza di proprietà su ciò che ne rimane, le donne di Mansa hanno ripiegato sull’estrazione artigianale illegale di manganese per sbarcare il lunario. Tuttavia, le donne hanno detto all’incontro che il reddito è troppo basso rispetto alle cattive condizioni di lavoro.
Gli acquirenti pagano un minimo di 2,50 K2,50 [10 centesimi di dollaro] per secchio di minerale di manganese, che sono costretti ad accettare per disperazione perché hanno bisogno di un reddito per le loro famiglie“, si legge nel verbale. “Le donne vorrebbero lavorare nelle miniere, ma temono che le condizioni di lavoro non siano sicure.


Usano zappe e picconi per estrarre i minerali contenenti manganese prima di selezionarli e trasportarli ai punti vendita. Non hanno indumenti protettivi e portano il minerale sulla testa. Si lamentano sempre di forti mal di testa e mal di schiena perché il manganese è un metallo di base molto pesante“.

Avvelenamento da piombo

Mentre i nuovi progetti minerari che stanno spuntando in tutta Luapula pongono lo Zambia di fronte a nuove problematiche, Kabwe, nella Provincia Centrale, si sta ancora riprendendo dai problemi ambientali e di salute pubblica causati dalla contaminazione da piombo di una miniera di zinco e piombo chiusa 30 anni fa.
Il piombo è un metallo di base utilizzato per la produzione di batterie per auto, pigmenti, munizioni, guaine per cavi, vetro cristallo al piombo e attrezzature per la protezione dalle radiazioni, tra gli altri usi industriali.
Chrizoster Phiri, membro del parlamento del Kabwe Central, ha detto a Oxpeckers che “tutto” a Kabwe è contaminato dall’inquinamento da piombo. Il conglomerato britannico Anglo-American Corporation ha gestito la miniera di Broken Hill dal 1904 al 1974, quando il governo dello Zambia l’ha nazionalizzata e incorporata nel gruppo statale Zambia Consolidated Copper Mines (ZCCM). Lo ZCCM ha chiuso la miniera nel 1994 a causa di un crollo dei prezzi e della domanda globale di rame.
Kabwe rischia un disastro a causa della contaminazione dell’acqua e del suolo con il piombo della discarica di sterili. Ora è nel terreno, nell’acqua e circola nell’aria polverosa che respiriamo. La terra è spoglia perché i terreni contaminati non possono sostenere alcuna vegetazione“, ha detto Phiri.

Si ritiene che la contaminazione da piombo sia causa di malattie per la salute e lo sviluppo cognitivo tra i bambini di Kabwe. Phiri ha detto che gli studi suggeriscono che l’avvelenamento da piombo provoca danni al sistema nervoso centrale, che è comune tra i bambini di Kabwe. Si ritiene anche che sia la causa della perdita di memoria, che è diffusa tra i bambini della città.
I bambini perdono la concentrazione a scuola e a casa. Quando vengono mandati a fare la spesa nei negozi, alcuni tornano a mani vuote perché hanno dimenticato cosa sono stati mandati a fare“, ha detto Phiri. “Alcuni nascono con organi del corpo deformati a causa di livelli anormalmente elevati di piombo nel corpo prima della nascita. La contaminazione da piombo sta anche causando l’alta prevalenza di aborti, nati morti e nascite premature tra le donne di Kabwe“.

Secondo uno studio pubblicato sull’International Journal of Environmental Quality nel settembre 2021, Kabwe non è l’unica città dello Zambia alle prese con la contaminazione legata all’estrazione del piombo: “La nostra ricerca mostra che la contaminazione da piombo è pervasiva nelle città dello Zambia. Le più contaminate sono le città minerarie, anche se la contaminazione da piombo è stata identificata nei corpi idrici che attraversano città non minerarie (come Kafue). Le tre vie principali attraverso le quali le persone vengono esposte al piombo sono l’ingestione, l’inalazione e il contatto con gli occhi o con la pelle”.
Le fonti primarie di contaminazione da piombo nelle città dello Zambia sono le industrie minerarie e di fusione. Contaminano il suolo, i sedimenti del suolo e i corpi idrici che scorrono o ricevono acqua dalle città minerarie“, si legge in una sintesi dei risultati dello studio, intitolato “Le attuali tendenze nella contaminazione da piombo nelle città dello Zambia: salva gli innocenti“.

Minerali critici

Lo Zambia deve ancora avviare la produzione di litio. Il litio è richiesto come minerale critico di transizione a causa del suo ruolo nella produzione di batterie agli ioni di litio utilizzate nei veicoli elettrici, nei telefoni cellulari e nei sistemi di accumulo di energia rinnovabile. Il governo è ancora alla ricerca di partner per sfruttare le nuove risorse di litio nelle aree comunali di Kalomo e Sinanzongwe della provincia meridionale.
In mezzo al boom di nuovi minerali e catene del valore, il rame rimane la principale esportazione di minerali del paese. Secondo le statistiche del Rapporto sulla direzione del commercio della Banca dello Zambia pubblicato nel maggio 2023, la Svizzera, Cina e Singapore sono stati i principali importatori di rame dello Zambia nel primo trimestre del 2023.

Anche gli Stati Uniti, Hong Kong, Sudafrica, Lussemburgo, Mauritius, Botswana e Namibia hanno importato grandi quantità di rame zambiano nello stesso periodo: “I proventi totali delle esportazioni sono diminuiti del 3,9%, a 2,8 miliardi di dollari, riflettendo i minori volumi delle esportazioni. Un calo della produzione di rame a causa dei minerali di bassa qualità, i problemi operativi e le chiusure di routine per la manutenzione in alcune miniere hanno contribuito alla riduzione dei volumi di esportazione“, si legge nel rapporto.

Dichiarazione parlamentare

Gli sforzi prolungati via e-mail, messaggistica istantanea e chiamate per ottenere commenti dal Ministero delle Miniere e dello Sviluppo Minerario dello Zambia, dal Ministero dell’Economia Verde e dell’Ambiente e dal Ministero dei Media, dell’Informazione e della Radiodiffusione sono stati ignorati. Inoltre, Oxpeckers non ha ricevuto alcuna risposta ai messaggi che richiedevano interviste con il ministro dell’economia verde dello Zambia Collins Njobvu, il ministro delle miniere Paul Kabuswe e il direttore principale del ministero dell’Informazione e dei media Henry Kapata. Le domande inviate via e-mail a Kapata non hanno ricevuto risposta.

Tuttavia, una dichiarazione presentata al Parlamento dal Ministero dello sviluppo idrico, dei servizi igienico-sanitari e della protezione ambientale nel giugno 2020 mostra che dal 1985 il governo era a conoscenza degli impatti negativi dell’estrazione di rame, oro e cobalto sulle sue risorse idriche. “Un certo numero di problemi ambientali, tra cui l’inquinamento atmosferico, l’inquinamento dell’acqua e il degrado del suolo, sono stati identificati come problemi chiave durante la Strategia Nazionale di Conservazione e il Piano d’Azione Nazionale per l’Ambiente, rispettivamente nel 1985 e nel 1992. L’inquinamento dell’aria e dell’acqua è stato attribuito principalmente, ma non solo, all’estrazione mineraria“, si legge nella dichiarazione ministeriale.

Uno studio condotto nel 2005 nell’ambito di un progetto sponsorizzato dalla Banca Mondiale ha rivelato che il bacino del fiume Kafue era costantemente minacciato dall’attività mineraria e mineraria e industriale. La qualità dell’acqua variava lungo il fiume, con l’Upper Kafue nella Copperbelt particolarmente colpita da metalli di base come rame e cobalto. Nuovi studi nella provincia nord-occidentale mostrano che anche i corpi idrici mostrano segni di elevati inquinanti legati all’estrazione mineraria“.

Il ministero ha anche rivelato che le indagini della Zambia Environmental Management Authority, un regolatore ambientale indipendente, nella regione di confine del Copperbelt hanno mostrato che i fiumi Mwambashi, Mushimba, Chingola, Mushishimba e Kafue sono stati i più colpiti dall’inquinamento minerario. I principali inquinanti in tutti i fiumi erano manganese, rame, cobalto, ferro e solidi sospesi totali, particelle trasportate dall’acqua che superano i 2 micron di dimensione. Tra gli altri impatti negativi, l’estrazione mineraria ha anche causato l’insabbiamento e cambiamenti nella chimica dell’acqua con inquinanti che hanno portato alla morte della vita acquatica e all’inquinamento delle fonti d’acqua.

(*) Originale in inglese tratto da Oxpeckers. Traduzione in italiano di Ecor.Network.

Oscar Nkala è un giornalista di inchiesta dello Zimbabwe associato all’ Oxpeckers Center for Investigative Environmental Journalism. Questa indagine fa parte della serie Oxpeckers #PowerTracker intitolata “ The human cost of energy in Africa’.  Di questa serie su Ecor.Network è già stato tradotto l’articolo “La corsa verso le “nuove energie” sta spogliando le risorse naturali della Repubblica Democratica del Congo”, di Jonas Kiriko.
**


Didascalie immagini (da Oxpeckers):

1) Autocarri in attesa di caricare minerale di manganese in una miniera nella provincia di Luapula.

2) Mappa della regione del Copperbelt, per gentile concessione di USGS Open-File Report 2005-1294-E. Qui il link.

3) In un incontro nel novembre 2023 membri della comunità sul lato RDC della Copperbelt esprimono le loro preoccupazioni per l’espansione delle miniere di manganese intorno al villaggio di Kabunda.

4) Minerali di manganese accumulati per la raccolta in una miniera illegale nel distretto di Chifunabuli nella provincia di Luapula. Foto: Oscar Nkala.

5) Care for Nature Zambia: Nsama Musonda Kearns alla presentazione del Women’s Land Rights and Climate Justice Project nell’ottobre 2023.

6) Parte della miniera di piombo a Kabwe che è stata chiusa nel 1994 ma ancora contamina acqua, suolo e aria.

7) Minatori artigianali che lavorano in un sito minerario nel distretto di Mansa, provincia di Luapula.




Lasciare un commento