martedì 17 agosto - Attilio Runello

La disfatta NATO in Afganistan

I media non parlano d'altro. La ritirata della NATO dall'Afganistan dopo venti anni di guerra può contare su ben pochi risultati.

 

L'esercito addestrato dalle forze NATO si è disciolto quasi senza combattere. I Talibani nell'arco di alcune settimane si sono ripresi il paese. I talibani hanno dimostrato di avere motivazioni molto maggiori a combattere di tutto il resto del paese.

Provengono dalle decina di migliaia di scuole talebane che proliferano in Pakistan grazie ai finanziamenti dell'Arabia Saudita. Si tratta di persone che hanno studiato il Corano, l'arabo, filosofia e matematica.

L'Afganistan è un paese che riunisce etnie diverse che parlano lingue diverse. Evidentemente la fragile democrazia costruita in questi anni non era un valore sufficiente da difendere.

Biden nel suo discorso alla nazione ha dovuto ammettere che l'unico obiettivo raggiunto è stato quello della sconfitta della rete terroristica di Al Qaida. Ritiene che le dottrine che hanno spinto Bush ad esportare la democrazia e Obama a sostenere le primavere arabe sono superate.

Gli Stati Uniti hanno altri obiettivi e interessi da difendere. Si riferisce probabilmente alla necessità di mantenere una leadership minacciata tradizionalmente dalla Russia e oggi dalla Cina.

Insomma quei valori che l'Afganistan aveva visto in questi anni in termini di libertà di espressione, emancipazione femminile non erano poi così importanti.

Probabilmente una permanenza di truppe NATO anche in misura ridotta sarebbero state sufficienti a mantenere almeno la libertà in alcune aree del paese.

Intanto nell'aeroporto di Kabul ci sono diverse migliaia di afgani che cercano di partire. A Kabul sono arrivate centinaia di migliaia di afgani che pensavano che Kabul sarebbe stata difesa dall'esercito afgano.

I talebani promettono una transizione pacifica, ma la gente non si fida.

Quei pochi afgani che riescono a trasmettere messaggi via internet e quelli che sono riusciti a fuggire trasmettono lo stesso messaggio: ci avete abbandonati.

La storia che prevede l'intervento NATO insegna che il paese si è disciolto dopo l'occupazione russa e che gli unici che sono in grado di mantenere un po' di ordine sono i talebani.

 

 

 




Lasciare un commento