lunedì 28 marzo - Alberto SIGONA

Jamala, l’appello della cantante ucraina all’Europa

Ad Agoravox l'accorato appello di una famosa star ucraina all'Europa! JAMALA : “AIUTATECI A RAFFORZARE L'ESERCITO UCRAINO”

Fra le cantanti dell'Est europeo più conosciute al Mondo, ci rivela inoltre la sua drammatica esperienza causata dalla barbara aggressione russa alla sua Ucraina, lei, che all'Eurovision Song Contest 2016 aveva trionfato proprio con una canzone che raccontava la tragedia di una guerra, dedicando il brano “1944” alla sua famiglia paterna, che durante il secondo conflitto mondiale fu vittima della "Sürgünlik", la deportazione dei tatari di Crimea ad opera di Stalin.

Ciao Jamala, per cominciare vorrei chiederti di condividere coi nostri lettori la tua esperienza relativa alla guerra.

La guerra ci ha colto di sorpresa, come milioni di altri ucraini, alle 5 del mattino del 24 febbraio. L'evacuazione dei bambini è stata decisa lo stesso giorno a seguito del primo bombardamento di Kiev. Avevamo solo cinque minuti per fare le valigie. Ho preso i nostri documenti, ho vestito i bambini con i loro vestiti più caldi e ho cercato di non farmi prendere dal panico. Non ho preso altro che l'essenziale. Prima siamo partiti in direzione di Ternopil e poi verso il confine rumeno. Lì, l'amica di mia sorella è venuta a prendermi e ha guidato fino a Istanbul. Il viaggio è durato complessivamente quattro giorni. La strada era difficile, come nient'altro nella mia vita. Ora so cosa significa essere un rifugiato e la paura e la disperazione che improvvisamente entrano nella tua vita e la distruggono.

Capisco...tra l'altro questa guerra si sta rivelando una catastrofe umanitaria...

Già. La guerra sta portando ogni giorno tantissime sofferenze a milioni di persone. Secondo l'ONU 10 milioni di ucraini sono già diventati rifugiati o sfollati a causa della guerra. E la cosa più devastante è che vengono coinvolti troppi bambini: sinora si contano 121 morti e 167 feriti!

Certo, sino a pochi giorni prima dell'attacco in pochi credevano che nel pieno della civiltà moderna potessimo rivivere certi drammi che ci riportano ad epoche lontane...

In effetti stento ancora a credere che nel 2022 possa scoppiare una guerra su vasta scala in mezzo all'Europa ed una città come Mariupol, con 400.000 abitanti, possa essere presa in ostaggio dall'esercito russo. I civili vivono negli scantinati ormai da diverse settimane, senza acqua, cibo e riscaldamento. Secondo il consiglio comunale di Mariupol, più di 3.000 cittadini sono già morti, 45mila sono stati evacuati e diverse migliaia di persone sono ancora tenute in ostaggio. Sono costantemente scioccata dal fatto che questo stia accadendo davvero.

Cosa ti senti di dire al popolo ucraino che sta soffrendo la tragedia della guerra?

Vorrei dire che vinceremo sicuramente, semplicemente non abbiamo scelta! Questa è la nostra terra, la terra dei nostri figli, e voglio che i miei figli vivano in un paese libero e prospero. Dove si può tranquillamente dire quello che si pensa e non aver paura di ottenere una condanna a 15 anni per futili motivi.

Cosa chiedi all'Europa? Cosa può fare per supportare il tuo Paese?

Devo confessarti che mi sento frustrata dalla lenta risposta di Europa e America nonostante i loro valori e il loro sistema di sicurezza vengano distrutti dalla Russia. Non si può fermare la guerra solo con le sanzioni economiche e le persuasioni. Chiederei un supporto accelerato per equipaggiare militarmente il nostro esercito. Occorre rafforzare l'esercito ucraino in modo che possiamo difenderci e difendere automaticamente i nostri vicini. Ciò che è assolutamente necessario sono aerei da guerra e sistemi antimissilistici. All'Europa in particolare vorrei ricordare che l'Ucraina adesso rappresenta non solo i valori europei, ma anche la sicurezza europea.

Ti ringraziamo Jamala e ti auguriamo tanta fortuna. E speriamo che l'Ucraina ed il tuo popolo possano trovare pace e serenità al più presto...

Foto Wikimedia

Jamala mi ha chiesto di pubblicare il link a questo video https://www.instagram.com/p/Cbf_zXQrkBW/

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Jamala (@jamalajaaa)

 




Lasciare un commento