giovedì 16 gennaio - UAAR - A ragion veduta

Il vento gelido dell’antiabortismo

A breve sarà disponibile il primo numero del bimestrale dell’Uaar: Nessun Dogma – Agire laico per un mondo più umano. Vi presentiamo in anteprima un articolo.
Buona lettura!

Dagli Usa all’America Latina, i fondamentalisti cristiani hanno sferrato un durissimo attacco ai diritti riproduttivi delle donne

Non ci sono giudici atei nella Corte suprema degli Stati Uniti d’America. Il che non ha impedito alla Corte di sentenziare favorevolmente al diritto di scelta della donna in tema di aborto fin dal 1973, con la storica decisione sul caso Roe v. Wade. Ma i tempi cambiano e purtroppo non sempre verso contesti più consapevoli e favorevoli alla libertà, all’autodeterminazione dell’individuo e al riconoscimento dei diritti umani.

Nel 2018 la Corte bocciò – di misura, cinque a tre – la legge che limitava il diritto all’aborto in Texas. E il 2020 sarà un anno decisivo perché stati federali come Louisiana, Ohio, Kentucky, Mississippi, Georgia, Alabama stanno tentando di restringere e ridurre a vario titolo la libertà di scelta della donna sull’interruzione della gravidanza.

Su queste leggi dovrà esprimersi la Corte suprema, nella quale l’ultimo arrivato è il cattolicissimo Brett Kavanaugh; la sua nomina, un altro dei graziosi omaggi che Trump ha regalato agli Usa e al mondo intero, rallegra i più influenti gruppi antiabortisti statunitensi, stando alle dichiarazioni di LifeNews.com, National Right to Life Committee e March for Life rilasciate per commentare la scelta del nuovo Giudice.

Già nel lontano 1989 il giudice Blackmun – che era stato l’estensore della decisione Roe v. Wade del 1973 – manifestò la sua pessimistica opinione nella relazione di dissenso relativa al caso Webster v. Reproductive Health Services. Si trattava di una legge del Missouri che di misura confermava il diritto all’autodeterminazione della donna, ma riduceva le risorse che lo stato avrebbe messo a disposizione per garantirlo. Scriveva Blackmun: «Temo per il futuro. I segni sono evidenti e nefasti, e soffia un vento freddo». Vento freddo che negli Usa è diventato gelido, soffiando ora in giro per il mondo.

90 milioni di donne in età fertile vivono nei 26 paesi dove, secondo i dati del Center for Reproductive Rights, l’aborto è sempre illegale. Sempre. Anche per donne incinte per stupro, per incesto e anche quando la loro salute è in pericolo. Nei paesi dove il diritto all’aborto è riconosciuto con più o meno restrizioni, nuove strategie antiabortiste si affermano e si affiancano a quelle storiche per conquistare altri target di opinione pubblica e influenzare la classe politica. Si tentano approcci differenti per ridurre, limare e infine sottrarre alle donne il diritto di scelta sulla propria salute e sulla propria vita. I fondamentalisti continuano a colpevolizzare e criminalizzare le donne che scelgono di abortire, agitando i loro miseri spauracchi nella più vieta e odiosa tradizione.

Più subdolo, ma non meno pericoloso è l’atteggiamento condiscendente di chi enfatizza la tutela del feto, trascurando il diritto imprescindibile della donna a decidere sul proprio corpo e sul proprio futuro. In questo caso il valore dell’essere umano donna viene svilito e umiliato. La persona incinta è equiparata ad una mera incubatrice, che realizza la sua funzione sociale sfornando paffuti neonati, dalla cura dei quali “lo stato” gentilmente si offre di esonerare le gestanti.

Addirittura, la deputata argentina Marcela Campagnoli ha proposto di sottoporre a un cesareo le donne che vogliono abortire alla ventesima settimana, ipotizzando di incubare il feto fino al termine e di farlo adottare! La soluzione è a suo dire utile a contemperare i bisogni delle “madri” che desiderano abortire con quelli del “nascituro”. Suonano simili le magnanime parole del vescovo argentino Oscar Ojea quando sollecita il parlamento a «trovare nuove e creative soluzioni affinché le donne non prendano la decisione che non è la soluzione per nessuno», e ringrazia le donne che nelle più difficili circostanze hanno scelto di prendersi cura del loro bambino.

Nel vicino Cile l’aborto è stato considerato un crimine fino al 2017 – anno in cui, con un piccolo passo in avanti, una legge lo ha depenalizzato, ma solo in caso di stupro, pericolo di vita per la donna o per la sopravvivenza del feto. José Antonio Kast, leader di Accion Republicana, il partito di ultradestra che nel suo programma ha tra l’altro la proposta di riabilitare gli aguzzini di Pinochet in galera, si vanta di voler abolire questa legge tornando al divieto assoluto di aborto legale. Intanto l’obiezione di coscienza, che in Cile non necessita di motivazioni e può estendersi all’intera struttura sanitaria con una semplice comunicazione al ministero della salute, può diventare un ostacolo insormontabile all’accesso al diritto. Il trasferimento della donna in una struttura disponibile – in teoria un servizio pubblico e gratuito per legge – diventa infatti, nelle zone andine e rurali, talmente complicato da essere spesso di fatto impossibile.

Raccapricciante la situazione in Salvador, dove l’aborto è illegale sempre e comunque, anche quando la vita della donna si trova in grave pericolo. Le interviste raccolte da Amnesty International testimoniano di vere e proprie inquisizioni della polizia direttamente negli ospedali, di donne portate in prigione in attesa del processo, ancora sanguinanti per l’emorragia. Qualsiasi emergenza ostetrica, emorragia o aborto spontaneo, viene indagata come interruzione di gravidanza, considerata un crimine e sia le donne, sia i sanitari che le assistono rischiano anni di prigione.

Anche quest’anno l’11 ottobre, giornata internazionale delle ragazze, è stata una occasione per ricordare tutte le giovani donne che devono scegliere fra una gravidanza indesiderata e un aborto clandestino. I dati diffusi dall’Organizzazione mondiale della sanità parlano di 4 milioni di ragazze – fra i 15 e i 19 anni – che ogni anno ricorrono all’aborto in condizioni non sicure, e di 16 milioni di ragazze che partoriscono un bambino, con la conseguenza di dover spesso abbandonare gli studi o sposarsi contro la loro volontà.

La lotta per l’autodeterminazione della donna vede le associazioni e le donne molto impegnate per ottenere diritti fondamentali legati alla salute e alla riproduzione, ma anche quelli già ottenuti dobbiamo tenerceli ben stretti, perché le forze reazionarie sono virulente. E soprattutto molto ben finanziate.

Anna Bucci

 

 




Lasciare un commento