lunedì 27 luglio - Antonio Mazzeo

Il curriculum ballerino della ministra Lucia Azzolina

Mentre ancora sul sito internet del Ministero dell’Istruzione non è possibile avere accesso al curriculum vitae della ministra Lucia Azzolina, dopo i nostri rilievi sulle incongruenze riscontrate nelle sue biografie ufficiali, dal 24 luglio è stata modificata sul profilo facebook dell’esponente penstastellata la durata del corso di specializzazione per l’insegnamento del sostegno ai diversamente abili sostenuto presso l’Università di Pisa. Il corso - si legge adesso - è stato di soli sei mesi e non di diciotto quanto prima asserito, cioè dal giugno 2009 al dicembre 2009 (in precedenza era dal giugno 2009 al dicembre 2010).

 
La data di conclusione del corso “dicembre 2010” era riportata anche nel Curriculum vitae in formato europeo che, come riferitoci dall’Ufficio stampa del Ministero, è stato rimosso qualche mese fa dal sito del MIUR “a garanzia della incolumità della Ministra, come noto oggetto continuo di minacce e offese tali da giustificare l’attribuzione di misure di tutela e di sicurezza da parte delle autorità competenti”.
 
Presumiamo che il “corso semestrale” sia stato quello previsto con decreto del Rettore dell’ateneo di Pisa del 4 maggio 2009 ed avviato “a partire dal giugno 2009 - 500 ore - per il conseguimento dell’abilitazione alle attività di sostegno per alunni della scuola secondaria in condizioni di handicap”. L’accesso al corso era riservato ai già abilitati presso la SSIS Toscana o altra SSIS italiana e Lucia Azzolina aveva conseguito nel maggio 2008 l’abilitazione all’insegnamento di Storia e filosofia per le scuole superiori all’Università di Catania “con il voto di 100/100”, come da lei stesso certificato nel CV scomparso. Rilevante l’importo della contribuzione prevista dall’Università di Pisa per l’immatricolazione: 1.976 euro.
 
Tutto Ok allora? Beh, noi non crediamo che la “riduzione” della durata del corso di specializzazione risolva la questione formale che abbiamo posto alla dott.ssa Azzolina e a cui ancora non è stata data una risposta chiara. Da quanto risulta dai curricula, nel semestre giugno-dicembre 2009 l’odierna ministra dell’Istruzione era contestualmente iscritta all’Università degli Studi di Pavia, dove nel dicembre 2013 ha conseguito la laurea magistrale in Giurisprudenza (durata del corso anni cinque). Ciò, a nostro modesto parere, comporterebbe la violazione dell’art. 142 del Regio decreto n. 1582 del 1933 (mai abrogato), che vieta l’iscrizione “contemporanea a diverse università e a diversi istituti superiori di istruzione o a diverse facoltà o Scuole della stessa università”. Presumiamo inoltre che l’abilitazione al sostegno sia stata determinante per l’immissione in ruolo nel gennaio 2014 e, successivamente, per la partecipazione al concorso come dirigente scolastico, superato il 30 luglio 2019, quando Azzolina era già parlamentare del Movimento 5 Stelle e membro della Commissione Cultura, Scienza e Istruzione della Camera dei deputati.
 
Onde fugare ogni ulteriore dubbio e chiudere questa querelle a distanza riformuliamo due domande alla ministra Lucia Azzolina: conferma di essere stata iscritta contestualmente nel secondo semestre dell’anno 2009 alle Università degli Studi di Pisa e di Pavia? E se sì, ha provveduto a chiedere all’ateneo lombardo il congelamento del corso di laurea in Giurisprudenza per il periodo suddetto?
 
Per restare in tema, ci permettiamo di segnalare altre incongruenze rilevate nei diversi curricula ufficiali e semiufficiali disponibili in rete, affinché anche in questi casi si possa provvedere a correggere e uniformare i dati e facilitarne così la lettura e la comprensione a tutti.
 
Innanzitutto facciamo presente che nella biografia della Ministra pubblicata dal portale di informazione su scuola e università ControCampus.it(ripresa da Wikipedia alla voce “Lucia Azzolina” e da alcuni profili facebook del M5S) si riporta erroneamente che la stessa “ha conseguito la specializzazione all’insegnamento del sostegno a Pisa” e “si è iscritta poi alla facoltà di giurisprudenza dell’Università di Pavia”. Il “poi” non è possibile, dato che Lucia Azzolina riferisce di aver frequentato l’ateneo di Pavia “dal settembre 2008 al dicembre 2013”.
Un refuso compare poi nella biografia allegata al portale Tesionline.itdove sono in offerta a pagamento tre tesi di laurea e/o specializzazione dell’odierna ministra. Viene descritto in particolare il suo possesso di una laurea liv. I in Filosofia nell’anno 2003-04; una laurea liv. II (specialistica) in Storia della filosofia nell’anno 2007-08 e una Laurea in Filosofia nell’anno 2006, tutte e tre conseguite presso l’Università degli Studi di Catania. Nel CV formato europeo, già pubblicato sul sito MIUR e poi rimosso, i riferimenti sono invece alla laurea triennale in Filosofia conseguita il 27 luglio 2004 e alla specialistica in Storia della filosofia il 20 luglio 2006.
 
Si riscontrano discrasie tra la biografia in Tesionline.it e il Curriculum vitae del MIUR anche relativamente alla conoscenza delle lingue straniere e alle competenze informatiche. Nel portale di vendita-tesi si certifica come “discreto” l’inglese parlato e scritto e “buono” il francese, mentre nel sito del Ministero, per ambedue le lingue si certificava come “intermedia” la capacità di lettura, scrittura ed espressione orale. In Tesionline.it le conoscenze informatiche vengono presentate come “buone”, mentre al MIUR alla voce “capacità tecniche con computer, attrezzature specifiche, macchinari” si riporta l’“ottima conoscenza di Office, Windows, Mac”.
A voler essere proprio pignoli vogliamo riportare i voti conseguiti da Lucia Azzolina alla recente prova orale d’esame a dirigente scolastico in questi stessi ambiti di competenza: 0/6 in informatica (una domanda sola, sorteggiata, riguardante una formula Excel, come riporta Orizzontescuola.it), e 5 in inglese.
Foto: Governo.it
 
Per approfondire si veda: 
 
 



Lasciare un commento