venerdì 25 gennaio - Pressenza - International Press Agency

ILVA di Taranto: Sentenza di Strasburgo, Italia condannata per non aver fermato l’inquinamento

PeaceLink esprime immensa soddisfazione per questa vittoria storica in sede internazionale.

di Peacelink Telematica per la Pace

 

Per la prima volta un autorevole tribunale internazionale riconosce la responsabilità delle istituzioni italiane nella mancata tutela dei diritti umani. La pronunica della Corte Europea dei Diritti Umani (CEDU) con sede a Strasburgo è un passo fondamentale anche per rimuovere le condotte politico-istituzionali lesive dei diritti dei cittadini, condotte che hanno consentito il perpetuarsi di un evidente inquinamento che ha violato i fondamentali diritti umani, primo fra tutti il diritto alla vita. In tal senso le leggi Salva-Ilva sono state il prodotto eclatante di queste condotte lesive dei diritti fondamentali dei cittadini.

Secondo i giudici di Strasburgo l’Italia è colpevole della “persistenza di una situazione di inquinamento ambientale”, che mette a rischio la salute di quanti vivono nell’area circostante l’impianto industriale. Per la CEDU le istituzioni “non hanno adottato tutte le misure necessarie per garantire una protezione efficace” della popolazione. Secondo la stessa Corte, esposti e denunce presso le autorità nazionali non hanno avuto esito efficace e in questo senso va considerato che ben 42 esposti alla Procura attualmente giacciono nei cassetti per via dell’immunità penale concessa ai commissari e ai gestori.

Pertanto la sentenza della Corte di Strasburgo di oggi è il punto di partenza per anche chiedere la cancellazione dell’immunità penale. Attendiamo il ricorso alla Corte Costituzionale da parte dei magistrati competenti.

Fulvia Gravame – responsabile nodo PeaceLink Taranto

Alessandro Marescotti – presidente nazionale di PeaceLink

Foto: Le Benevole/mafe de baggis/Wikimedia




Lasciare un commento