giovedì 6 dicembre - Phastidio

Global Compact for Migration: pagare l’elettorato con moneta falsa

I politici pro tempore al potere possono fare sostanzialmente ciò che vogliono, nel rispetto dei paletti dell’ordinamento, com’è ovvio. Quindi, può anche capitare che decidano di sovvertire l’orientamento espresso da chi li ha preceduti, annullandone le decisioni, perché in disaccordo con le idee che ne erano alla base.

di Vitalba Azzollini

 Se, invece, accade che le forze al potere facciano retromarcia rispetto a quanto da esse stesse affermato solo poche settimane prima, e senza che nel frattempo siano mutati elementi del contesto, allora la questione diventa più imbarazzante. Ancor più imbarazzante è, poi, il cambio di indirizzo giustificato da motivazioni prive di concreto fondamento. Non sembra, invece, provare alcun imbarazzo nessuno degli attori dell’attuale legislatura, dopo che il governo italiano ha annunciato che non firmerà il Global Compact for Migration (GCM) l’accordo in tema di migrazioni elaborato in sede Onu.

 

Eppure, solo il 26 settembre scorso, di fronte all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il presidente del Consiglio Conte aveva affermato che

 

«Da anni l’Italia è impegnata in operazioni di soccorso e salvataggio nel Mar Mediterraneo (…) spesso da sola” e che “i fenomeni migratori con i quali ci misuriamo richiedono una risposta strutturata, multilivello e di breve, medio e lungo periodo da parte dell’intera Comunità internazionale. Su tali basi sosteniamo il Global Compact su migrazioni e rifugiati»

E aveva ben ragione di affermarlo, considerato che nel GCM è scritto espressamente e testualmente quanto detto da Conte stesso, e cioè che il patto promuove la cooperazione internazionale tra tutti i principali attori in materia di migrazione, riconoscendo che nessuno Stato può affrontare da solo il fenomeno migratorio (“fosters international cooperation among all relevant actors on migration, acknowledging that no State can address migration alone”). E invece, qualche giorno fa, le forze di governo hanno deciso che “è opportuno parlamentarizzare il dibattito e rimettere le relative scelte all’esito di tale discussione”.

Intanto, una premessa: appare singolare la decisione del governo circa la necessità che, trattandosi di “temi e questioni diffusamente sentiti anche dai cittadini”, sul GCM si esprimano rappresentanti dei cittadini stessi in Parlamento. Questa affermazione avrebbe senso se non provenisse da esponenti di un governo che hanno spacciato come necessario e urgente un decreto in tema di sicurezza e immigrazione – il cosiddetto decreto Salvini – pur di non rinunciare alla pretesa di disciplinare la materia, anziché rimetterla al Parlamento; che non hanno esitato a porre sul provvedimento il voto di fiducia; che, con questi due strumenti – il decreto-legge e la fiducia – hanno reputato che non fosse rilevante il ruolo del Parlamento come luogo di dibattito e di ponderazione delle diverse istanze politiche in tema di migrazione.

La contraddizione è palese. Se poi si considera che la calendarizzazione del dibattito è al momento fissata per sabato 22 e domenica 23 dicembre, mentre l’incontro per la sottoscrizione del patto a Marrakech sarà l’11 e il 12 dicembre, la farsa è ancora più evidente. A questo punto, può andarsi oltre e dimostrare l’infondatezza delle motivazioni addotte per non firmare il GCM.

Nella risoluzione presentata in commissione esteri dal Formentini, capogruppo della Lega, si dice che sarebbe assurdo dare all’ONU, organismo non eletto che non risponde direttamente ai cittadini, una competenza propriamente statale, quella di dettare decisioni in tema di immigrazione. Ma il Global Compact non attribuisce affatto all’ONU tale competenza, essendo un accordo non vincolante – come scritto espressamente nello stesso (“This Global Compact presents a non-legally binding, cooperative framework…”) – che non scalfisce la sovranità degli Stati, come pure ribadito nel testo (“…upholds the sovereignty of States”).

Anche altre affermazioni, alla pari di quella sopra riportata, riconoscono al GCM un carattere cogente di cui non è provvisto. Ad esempio, secondo Giorgia Meloni, il Global Compact stabilirebbe “il diritto fondamentale di ciascun individuo a emigrare o a essere immigrato, indipendentemente dalle ragioni che lo portano a muoversi”: ma un atto non vincolante qual è quello in discorso, come detto, non può modificare l’ordinamento interno e, di conseguenza, non può introdurre ex novo nell’ordinamento un “diritto” (che è un interesse tutelato dall’ordinamento, appunto). Quindi, ciò che dice Meloni è un assurdo.

Parimenti assurdo è quanto sostengono quelli – il senatore Bagnai tra gli altri – che, riprendendo il discorso fatto da un politico olandese al Parlamento europeo, Marcel de Graaff, hanno affermato che col GCM la critica alla migrazione diventerà reato di hate speech. Ma se il patto non può introdurre nuovi diritti, non può neanche introdurre dei reati. Sulla stessa linea, Luciano Barra Caracciolo, Sottosegretario agli Affari Europei al governo, ha affermato che “non si può ignorare che il Global Migration Compact è applicativo di dichiarazioni Assemblea NU, onde rafforza formazione del diritto internazionale generale che, ai sensi art.10 Cost., finirebbe per essere assai vincolante, portando alla dichiarazione di incostituzionalità delle leggi italiane contrastanti”. Ma le Dichiarazioni ONU non sono fonte di norme internazionali (l’Assemblea ONU non ha poteri legislativi), dunque non hanno carattere cogente. Peraltro, la categoria delle norme “assai vincolanti” non esiste: o lo sono o non lo sono.

Ma le giustificazioni alla mancata firma sono inconsistenti anche per altri versi. Esponenti della maggioranza criticano l’accordo perché metterebbe sullo stesso piano migranti economici e rifugiati. E’ vero che nel punto 3 del preambolo del GCM si dice che migranti e rifugiati hanno “vulnerabilità simili”, ma al punto 4 si fa una precisazione chiara: essi hanno uguali “diritti umani universali e libertà fondamentali (…), tuttavia migranti e rifugiati sono gruppi distinti, regolati da sistemi legali differenti. Solo i rifugiati hanno diritto a una specifica protezione internazionale definita dalle norme internazionali sui rifugiati”. Dunque, anche in questo caso l’affermazione che induce a non firmare non regge.

In una dichiarazione a margine del G20 a Buenos Aires, il presidente del consiglio Conte ha espresso la volontà italiana di “contrastare il traffico degli esseri umani”, e ciò è esattamente quanto scritto nel GCM (obiettivo n. 10: “Prevent, combat and eradicate trafficking in persons in the context of international migration”): allora, perché non sottoscriverlo? E, ancora, il ministro degli Interni Salvini ha sempre affermato di essere a favore dell’immigrazione regolare: a tale riguardo, l’obiettivo n. 5 del GCM promuove i canali regolari di immigrazione; l’obiettivo n. 11 prevede di mettere in sicurezza i confini degli Stati, contrastando l’immigrazione irregolare e favorendo quella legale; l’obiettivo n. 21 è relativo agli accordi di rimpatrio dei migranti.

Ma soprattutto nel Global Compact è scritto espressamente ciò che il leader leghista predica da sempre: “Ridurre al minimo i fattori negativi e i fattori strutturali che costringono le persone a lasciare il loro paese d’origine”, vale a dire “aiutiamoli a casa loro”. Non serve aggiungere altro per dimostrare che le polemiche sulla sottoscrizione del Global Compact sono basate sul nulla.

 

I politici possono decidere ciò che vogliono, come detto. Parimenti, possono affermare anche ciò che è senza fondamento. Ma ci sarà sempre qualcuno che vaglierà le loro affermazioni: almeno finché sarà concesso.

__________________________________

Confesso che questa ennesima giravolta non mi stupisce. Quando un esecutivo come quello italiano è alle corde di fronte ai colpi della realtà con una legge di bilancio nociva e che finirà ridimensionata ma intatta negli assi portanti che restano nocivi e rappresentano uno spreco di risorse, cosa c’è di meglio che gettarsi a capofitto in temi “simbolici” come quello dell’immigrazione, col GCM che appare la classica collezione di solenni enunciati in perfetto stile Onu, perdonatemi il cinismo? Al punto da arrivare all’autosconfessione plateale della posizione ufficiale dell’esecutivo, vecchia di ben due mesi. Delle due, l’una: insipienti due mesi fa o insipienti ora. Ma la spasmodica ricerca di una moneta (falsa) con cui pagare l’elettorato e distrarlo da ben altre cambiali che stanno arrivando all’incasso pare essere divenuta la ragion d’essere di questo governo. (MS)




Lasciare un commento